Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Cronache del Coronavirus

    Saranno stati i primi di febbraio quando Vlao coglie la notizia di un virus che sta mietendo vittime in una città sperduta della Cina, Wuan. Città per modo di dire, in realtà è una metropoli di 11 milioni di abitanti, che i cinesi stanno mettendo in quarantena per arginare il rischio contagio. Video di strade deserte, posti di blocco per entrare ed uscire dalla zona, ospedali in costruzione con decine di ruspe in movimento sincronizzato. Sembra un film. Alcuni ipotizzano […]

  • Top of the Rock ’19

    Per iniziare il nuovo anno discografico per prima cosa bisogna tirare le somme di quello passato. Per questo Vlao non si esime nemmeno questa volta nello stilare la sua personalissima classifica che contiene gli album nati nel 2019 e che gli hanno tenuto compagnia negli ultimi 12 mesi. 10 posizioni per riassumere quel che di nuovo ha colpito il suo orecchio, da vecchi marpioni tornati alla ribalta, a nuove band tutte da scoprire, una classifica più rock rispetto alle ultime […]

  • Il podio acquisti memorabili 2019

    E’ tempo di classifiche e, mentre ancora dovete attendere qualche giorno per l’immancabile chart musicale, in quest’epoca di consumismo sfrenato ho deciso di rendere ufficiale il podio degli acquisti memorabili dell’anno trascorso. Non c’è un criterio univoco per l’assegnazione dell’agognato premio, infatti alcuni oggetti si sono meritati la menzione per il loro incomparabile rapporto qualità/prezzo, altri per la loro innegabile utilità e altri ancora per il loro fantasmatico costo, ma ognuno dei tre eletti ha il merito di aver segnato indelebilmente […]

  • Vlao mercante in fiera

    Ultimamente Vlao si è dato alle compravendite. Da un lato è un fedele seguace del gruppo telegram Sconticina che offre dritte per gli acquisti a buon prezzo o addirittura ad errore di prezzo e, dall’altro, è diventato un attivo utente Ebay piazzando sul mercato web pezzi archiviati in cantina da anni. Il suo primo exploit da venditore provetto è stato un gioco da tavola anni 90, conservato perfettamente fino ai giorni nostri, uno scatolone con su scritto Starquest che è giaciuto impolverato […]

  • NORVEGIA: Cinque cose da fare e cinque cose da non fare alle Lofoten

    Le Lofoten insieme alle Vesteralen sono delle isole sperdute nel nord della Norvegia, si trovano ampiamente entro il circolo polare artico e sono meta rinomata per gli amanti della natura e degli sport. Noi abbiamo scelto di andarci d’estate per ammirare appieno gli splendidi paesaggi e i pittoreschi paesini, ma ci riserviamo di tornarci in inverno quando regna la neve, il buio e l’aurora boreale. Dalla nostra esperienza estiva intanto vi possiamo segnalare 10 dritte per affrontare il vostro soggiorno […]

La grande traversata: Castelluccio – Forca di Presta

Postato da Vlao IL 3 Luglio 2013 - 15:41 2 Commenti

Ma che bravi Vlao, Iannittone e Zander… sono passati di categoria… E+.

Monte Redentore 2.448 m.

Monte Redentore 2.448 m.

Proprio l’E+ aveva scoraggiato in molti, ma non i nostri prodi che, dopo l’esordio con il CAI alla Gola della Rossa, hanno raddoppiato con la traversata da Castelluccio a Forca di Presta.

Un percorso che si snoda all’interno del parco nazionale dei Monti Sibillini, un totale di 16 km di lunghezza e 1.200m di dislivello. Dati questi che hanno indotto, con la collaborazione del + vicino alla vocale, al conigliamento di molti pretendenti. Meglio così, in fin dei conti era giusto che alle 6:15, alla partenza da Piazza d’Armi, si presentassero solo i più motivati. 

Fatto l’appello siamo pronti a partire. Ci vuole un po’ a smaltire la sveglia all’alba, la breve sosta colazione a Visso è provvidenziale. Da li il  pullman fila liscio verso la spianata di Castelluccio che tutti si attendono invasa dalle chiazze di colore caratterizzanti la famosa fioritura. Infatti è così, prati sconfinati che variano dal verde speranza, al verde pisello, dal verde smeraldo al verde rubino. 🙁 Siamo in anticipo… di una decina di giorni. Ma poco male, il nostro obiettivo non è questo, l’escursione T per la piana non fa per noi, noi siamo qui per la E+ e così ci aggreghiamo al gruppo dei coraggiosi che si inoltrano in mezzo ai campi direzione Mt. Redentore.

Piana di Castelluccio

Piana di Castelluccio

Ci accorgiamo immediatamente di essere gli unici babbei a non avere i bastoncini da trekking, ma facciamo finta di niente. Il primo salitone è ripidissimo e cominciamo immediatamente a dubitare della congruità della nostra scelta… una giornata a Palombina sarebbe stata probabilmente un’opzione da tenere maggiormente in considerazione. Poi però, arrivati sulla radura, il percorso si addolcisce e piano piano cominciamo a camminare sulla cresta della montagna sferzata da un vento patagonico. Arriviamo alla vetta del Monte Redentore 2.448 slm e ci ingurgitiamo i nostri meritati paninozzi cercando di ripararci dalle raffiche gelide. Da qui proseguiamo verso Forca di Presta, attraversando quello che da molti viene indicato come il chilometro più bello degli Appennini, senza sbagliare probabilmente, io non ho l’esperienza per dirlo, ma il panorama da lassù è memorabile, a destra la spianata di Castelluccio e tutte le sue sfumature di verde, a sinistra il Lago di Pilato con il suo azzurro profondo.

Si prosegue tra scorci suggestivi fino al rifugio Zilioli, non scendiamo al lago, non è quella la nostra meta, ma torniamo a valle completando l’attraversata.

Lago di Pilato

Lago di Pilato

Dopo un lungo tratto di discesa accidentata arriviamo al pullman dove riposiamo le nostre giunzioni dopo 7 ore di cammino. All’appello manca clamorosamente Iannittone che non si trova nemmeno tra i curiosi che affollano le bancarelle dei salumi. Cominciamo a preoccuparci seriamente quando arriva anche la guida che chiude la fila. Quando siamo sul punto di chiamare l’elisoccorso eccolo lui che spunta dallo stradello come se niente fosse. Dice di essersi fermato a confortare un noto medico sportivo anconetano in difficoltà con le calzature, nessuno chiaramente gli crede e gli viene conferita con pieno merito la maglia nera della spedizione. Chissà se Bartelt avrebbe saputo fare fare di peggio?

Torniamo alla base ascoltando Italia-Uruguay alla radio. Alla fine dei tempi regolamentari siamo ad Ancona, in orario perfetto per gustarci divanizzati supplementari e rigori, finendo così questa bella giornata alternativa con un bel terzo posto alla Confederation Cup 2013.

Cantiere chiuso!

Postato da Vlao IL 28 Giugno 2013 - 14:21 2 Commenti
Casa prima, casa forse e casa ora

Casa prima, casa forse e casa ora

Cantiere Chiuso! Eh si ormai è fatta… in realtà è un pezzetto che è fatta… ma tra Safari Australe Ovest, dettagli e scuse varie i tempi si sono un po’ allungati.

E’ passato un bel po’ di tempo dalla posa della prima pietra (cantiere aperto), ma adesso il progetto è stato portato a termine e quello che c’era sulla carta ora è possibile toccarlo con mano. Come dimostrano le foto è tutto vero, niente inganni.

Una bella soddisfazione!

Hanno già trovato posizione il lucchettone marocchino e il Mahajong, qualche libro, qualche cd… posate, piatti e bicchieri ci sono… televisione, home theater e pc ok… frigo, lavastoviglie, lavatrice presenti… tavolo esterno e (new entry) barbecue posizionati… e troppe cose ancora ci sono da aggiungere!

Piano piano si farà il resto.

Comunque è ora di dare inizio alle inaugurazioni, in realtà alcune pre-aperture ci sono state… ma non erano ufficiali. Adesso con calma vedremo di accontentare tutti.

Mettetevi in coda, prendete il numero e attendiamo la bella stagione.

Marche Endurance Lifestyle 2013

Postato da Vlao IL 17 Giugno 2013 - 21:04 2 Commenti
[caption id="attachment_4234" align="alignright" width="300"] Marche Endurance Lifestyle 2013[/caption] La tattica è questa (link): inviti il principe ereditario del Dubai Sheik Hamdan Bin Mohammed Al Maktoum a fare una corsa a cavallo per la Riviera del Conero, lui arriva monta sul suo baio mezzo sangue arabo di classe e corre per otto ore e 120 km come un forsennato. Si ferma ogni tanto a guardare il panorama mozzafiato e rimane estasiato dalla bellezza dei luoghi, "molto meglio questo di quelle cazzo di dune" pensa. Gli altri concorrenti, tutti figuranti al soldo dell'imprenditoria locale, cercano in ogni modo di non sorpassarlo, c'è chi finge di ...
Che spettacolo il nostro pulmetto! Un Mercedes-benz 608d di origine e provenienza Germania portato via terra da una spedizione di figli dei fiori negli anni 70 e rimasto in Nepal a prestare servizio turistico. Quanti chilometri abbia, nessuno lo sa di certo, il contachilometri come minimo è arrivato a 999.999 e ha ricominciato a contare da capo almeno due volte. [caption id="attachment_4231" align="alignright" width="300"] Babu e il Mercedes 608d[/caption] Babu è l’unico autiere in grado di domarlo, si sente a suo agio con la guida a sinistra, non proprio comoda data la circolazione all’inglese dei nepalesi, ed è ormai una cosa unica con il suo mezzo. Lo ...

Tutto Nepal – La valle di Kathmandu

Postato da Vlao IL 31 Maggio 2013 - 15:40 Aggiungi Commento
The o caffè, uovo sodo, omelette o scramble egg, patate arrosto cipolla e peperoni, succo orange o mango, toast e marmellata, yogurt con frutta. E' così che si parte di slancio a Bakthapur... fanculo ai cinque cereali! E mi raccomando, vedete di non variare troppo il menù! Le tempistiche nepalesi sono quelle che sono, e non serve nemmeno ordinare la colazione la sera per guadagnare tempo, tanto poi il tipo si presenta la mattina chiedendo conferma di quanto scritto di proprio pugno qualche ora prima. L'unica soluzione per ottimizzare i tempi è prendere tutto senza distinzioni, dolce/salato, caldo/freddo, commestibile/non commestibile! Gli ...

Fotocontest: il mio 2° podio

Postato da Vlao IL 22 Maggio 2013 - 20:38 Aggiungi Commento
Ero fuori e quasi quasi non me ne accorgevo! Saranno i concorsi a squadre che mi portano bene, infatti il mio secondo podio va di nuovo a favore del mio team I Sonnolenti! Il contest sta volta era dedicato al Risveglio della Terra, alla primavera, alla natura, alle piante e agli elementi che entrano nel loro pieno vigore. Sta volta ho portato a casa un bel bronzo 122 punti in scrutinio e 182 in finale tutto grazie ad uno spettacolare paesaggio islandese. Una distesa sconfinata di lupini fioriti, una mare celeste, blu e lilla che arriva fino alla tipica altura islandese ricoperta di ...

Tutto Nepal – la partenza

Postato da Vlao IL 16 Maggio 2013 - 18:31 Aggiungi Commento
Non abbiamo avuto problemi a riconoscerci, Aprile non è un mese ricco di partenze e a Roma davanti al banco Cotav... c'eravamo solo noi!  Borsone, zaino e guida del Nepal, pronti per il lungo viaggio verso Kathmandu. Vlao per il primo giorno ha previsto la visita degli aeroporti di Frankfurt e Delhi due costruzioni di epoca post coloniale brulicanti di vita e di scorci suggestivi. Alle hall spaziali del primo, ricche di affollatissime prese carica cellulari, seguono gli infiniti corridoi del secondo, con file su file di poltrone dotate di ogni confort compreso l'omino aspirapolvere sempre in mezzo ai piedi. Paesaggi ...

Pubblicato!

Postato da Vlao IL 7 Maggio 2013 - 14:10 1 Commento
Un grande salto per Vlao, un piccolo passo per l'umanità. Con somma sorpresa del nostro poeta/scrittore le peripezie del Marrakech Discovery 2012 sono finite pubblicate sulla rivista cartacea di Avventure nel Mondo! Le saga del gruppo Imodium, che racconta in chiave tragico-comica le peripezie in terra marocchina, occupa ben 5 pagine della rivista 1/2013 con tanto di foto di gruppo! Se avete modo, procuratevi una copia cartacea e andate direttamente a pag. 66. Se proprio non riuscite a reperire una copia originale e non credete a quello che vi dice Vlao (giustamente), ecco il file pdf che potete scaricare qui --> Marrakech Discovery... ...

Di nuovo a casa

Postato da Vlao IL 30 Aprile 2013 - 13:52 Aggiungi Commento
Dopo aver impiegato 13 ore per arrivare da Roma ad Ancona... Vlao è di nuovo a casa. No, non è tornato a piedi... ha solo utilizzato i mezzi pubblici messi a disposizione. E così dopo aver bivaccato a Fiumicino e alla Stazione Termini ha potuto finalmente poltrire sul suo sospirato giaciglio. Ma questa è solo l'ultima parte del lungo viaggio che prevedeva un piano voli del tipo Kathmandu-Dheli , Delhi-Francoforte, Francoforte-Roma ideale per gustarsi Vita di Pi, 007 Skyfall e qualche film bollywoodiano uno di seguito all'altro. Giustamente, dato che domani è la festa dei lavoratori, Vlao ha optato per allungare le sue meritate ...