Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 26 novembre 2013 - 18:48

Ci svegliamo in tempo utile per godere della colazione che un bengalese ci prepara con tanta cura, baguettina, marmellata, burro e un liquame marroncino.

Notre Dame

Notre Dame

Partiamo scaglionati, abbiamo un po’ di tempo da sfruttare prima di presentarci all’appuntamento con la nostra cassiera. Vaghiamo per le vie di Parigi in cerca dell’isola sulla Senna su cui sorge Notre Dame. Qui serriamo i ranghi ed entriamo in questa magnifica cattedrale che ammiriamo a testa all’insù. L’illuminazione e il gioco di ombre e luci delle mille volte crea una suggestiva atmosfera. Restiamo per un po’ in contemplazione sfruttando tutto il tempo anche per accumulare un po’ di calore utile per il resto della giornata.

Usciamo e seguiamo la nostra coordinatrice fino a raggiungere la Saint Chapelle dove entriamo per ammirare le splendide vetrate colorate che narrano di mille storie di cui non abbiamo la più pallida idea. Proseguiamo il nostro tour transitando per i quartieri più caratteristici della città, non manchiamo di visitare qualche chiesa nel nostro tragitto e, come al solito, quando qualcosa si muove nello stomaco, ritorna in voga il nostro caratteristico obiettivo: mettere qualcosa sotto i denti.

Così, al settimo locale scartato decidiamo di accomodarci in un caratteristico pub inglese. Ci adeguiamo al menu proposto evitando però il vino spagnolo consigliato dalla lavagna. Prolunghiamo la sosta di quanto basta per riportare la temperatura corporea ai 36,6° dopo di che prendiamo coraggio e ci ributtiamo nella mischia.

Parigi 2013-113PS (Custom)Una passeggiata per le Jardin du Luxembourg, una sosta al bagno alla Sorbonne e pomeriggio libero. Abbiamo il tempo di visitare il Louvre, da fuori, e fare qualche foto alla Tour Eiffel sperluccicante prima dell’appuntamento per la cena che la sorella francese ha sapientemente prenotato in un localino nei pressi di Montmartre.

Ci avviciniamo alla zona su rotaia, facciamo una capatina al Mulin Rouge e ammiriamo i negozi hard di Pigalle. Ci inerpichiamo sulla collina dove si staglia la Basilica del Sacro Cuore. Dato che siamo tutti atletici decidiamo di fare le scale a piedi… solo Martimarti decide di usufruire della funicolare da vera pensionata. All’arrivo però nessuno le dice niente, il dolore lancinante ai polpacci non permette di proferire parola, e anche lei, molto magnanimamente, non infierisce contro il resto del gruppo in palese affanno fisico.

Facciamo un breve giro nella chiesa, usciamo e attraversiamo la piazzetta che, in tempi meno ostili, è piena di artisti. Ci rifugiamo dentro il nostro ristorante, un monolocale da 20 coperti che riempiamo a metà e dove gustiamo piatti della tradizione culinaria francese compreso il foie gras… lo so, non si dovrebbe, ma ormai eravamo li!

Satolli e puzzolenti fino all’ultimo lembo di vestito torniamo a casa sfiniti. I gradini che ci separano dalla nostra angusta camera sono l’ultimo ostacolo prima del soffice atterraggio sul materasso del letto a castello. Ci addormentiamo non vedendo l’ora di saggiare la colazione che il bengalese ci preparerà con amore.

Paris by night

Paris by night

Oggi è l’ultimo giorno, ci sarebbero mille cose da fare per tamponare le lacune su Parigi. Andiamo a Place Vendôme, al Centre Pompidouall’Hôtel de Ville e poi pranziamo nel Marais. Il tempo di qualche acquisto e di una crepe banan’ nutella e poi cominciano i saluti.

A scaglioni i turchi se ne vanno. Prima Lupin e Fotofrancesca, poi Lauragrande, la nostra cassiera francesizzata, Martimarti… Rimangono soltanto il solito equipaggio Vlao-Cometa-Bratz e la sorella italiana che hanno giusto il tempo di allagare di tisana la casa della cassiera prima di percorrere a ritroso la strada dell’andata che, con tappa alla fermata dei bus e all’aeroporto in campagna, li riporta ai rispettivi paesi natii.

Certo 3 giorni per visitare Parigi sono veramente pochi, nemmeno sulla torre siamo saliti… ma forse questa è solo una delle tante scuse per tornarci ancora… magari d’estate.

Au revoir Paris!

TURCHIA DISCOVERY 2013

Indice

Puntata n.1 Il prologo link
Puntata n.2 Istanbul in 20 km link
Puntata n.3 From Istanbul to Bolu link
Puntata n.4 Cappadocia e Balloon link
Puntata n.5 L’hotel nella roccia e via verso il mare link
Puntata n.6 La costa Turchese, Olympos, Kas link
Puntata n.7 Il non-caicco a Kastellorizo link
Puntata n.8 Pamukkale, Efeso e tutti a casa link
Contenuti Extra
 Il foto album Turchia Discovery 2013 link
 Turchiaraduno à Paris Part une link
 Turchiaraduno à Paris Part deux sei qui
Share |
Categorie: all, sciapate, viaggi

Lascia un commento