Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Il Belgio dalla A alla Zeta

    Dopo una lunga attesa, finalmente ecco a voi il riassunto alfabetico del nostro breve viaggetto in Belgio, 21 lettere per esprimere quello che ci hanno lasciato questi 7 giorni in giro per il paradiso dei birraioli.   IL BELGIO DALLA A ALLA ZETA   ➡ A come Atomium monumento simbolo dell’Expo del ’58 che regala ancora oggi quel retrogusto spaziale tanto anni 60. ➡ B come Bicchieri, da birra, bellissimi e uno diverso dall’altro, che solo grazie all’opera persuasiva di Mr.Linux non sono stati oggetto di razzia, […]

  • Random Post: Anni 90 Vs Anni Zero

    Sigur Rós Ágætis byrjun 1999 recensione Viðrar vel til loftárása Radiohead Kid A 2000 recensione Everything in its right place Pearl Jam Ten 1991 recensione Black Tool Lateralus 2001 recensione Schism Radiohead OK Computer 1997 recensione Paranoid Android Sigur Rós ( ) 2002 recensione Untitled #1  Soundgarden Superunknown 1994 recensione Black Hole Sun Massive Attack 100th Window 2003 recensione Special Cases Nirvana Nevermind 1991 recensione Smells like teen spirit The Flaming Lips Yoshimi battles the pink robots 2002 recensione Yoshimi […]

  • Australia Pt.4 – Territori del nord, swag e crazy animals

    Il volo Airnorth verso Darwin prevede un folkloristico scalo in uno sperduto aeroporto in mezzo alla vegetazione con ben due gate, uno per scendere e uno per risalire poco dopo. Giusto il tempo di una sosta toilet per battezzare la penisola di Gove e via. Espletate le necessità fisiologiche Vlao e Martimarti giungono a Darwin dove, in attesa di aggregarsi ad un tour organizzato per la visita dei parchi Kakadu e Litchfield, alloggiano in un lussuoso hotel a gestione cinese con […]

  • Orinatoi, boccali truccati ed altre amenità

    Sicuramente capiterà anche a voi di vedere, mentre navigate su internet o su Facebook, pubblicità calibrate in base ai vostri gusti, o meglio in base alle vostre ricerche. A volte capita che questi consigli per gli acquisti si spingano un po’ oltre fino a segnalarvi articoli dei quali non conoscevate nemmeno l’esistenza. Vlao, per esempio, si imbatte spesso nel banner pubblicitario di Aliexpress, sito cinese dal quale è possibile acquistare una moltitudine di gadget alcuni dei quali indubbiamente geniali. Tra le proposte […]

  • Australia Pt.3 – Coccodrilli, casuari e crociere Vip

    E’ giunta l’ora di ripartire, direzione Cape Tribulation. A bordo di una scattante Hyundai Accent, l’auto più brutta del pianeta dopo la Fiat Duna, la strada che si addentra nella foresta pluviale scorre via veloce. Perlomeno fino ad incontrare il fiume Daintree dove è inevitabile la sosta chiatta per attraversarlo da una sponda all’altra. Vlao e Martimarti approfittano della pausa per godersi una rilassante crociera alla ricerca dei coccodrilli che proliferano in zona. Così, a bordo di un avveniristico natante elettrico, accompagnati dal capitano, dal […]

  • Vlao e la Google Maps Timeline

    Non so se è arrivata anche a voi una mail da Google Maps Timeline con la cronologia del 2018… in pratica il gigante di Mountain View ha pedinato per tutto l’anno il vostro cellulare e quindi, di conseguenza, voi stessi e ha riassunto quello che avete fatto negli ultimi 365 giorni. Chiaramente tutto a seguito di un vostro più o meno esplicito consenso. I dati raccolti sono interessanti, io ho scoperto di aver visitato 105 luoghi, 39 città e 3 […]

Ad Alice Spring Vlao e Martimarti cambiano compagni, ma non cambiano stile di viaggio, anzi…

Alba all’Ayers Rock o meglio Uluru

La nuova guida è un pazzo scatenato che sveglia la ciurma alle 5 di mattina a suon di rock and roll, che cucina sulla brace code di canguro, e che inchioda per strada se vede una bella lucertola da fotografare. Tutto questo rende il soggiorno ancor più interessante non bastassero i paesaggi super spettacolari che regalano Uluru e Kata Tjuta.

Tra trekking, albe e tramonti Vlao e Martimarti portano la loro batteria a livelli di guardia e quando vengono scaricati all’aeroporto di Ayers Rock non vedono l’ora di godersi 4 belle ore di volo per riprendere un po’ di forza. La fase “adventure” del viaggio è ormai giunta al termine, a Melbourne li attende la Hyunday Accent, bianca e orribile come quella di Cairns, ma prima di partire on the road ci sta bene un po’ di città, ideale per soddisfare la sete di souvenir di Martimarti.

Melbourne, con i suoi grattaceli che si rispecchiano sull’acqua, rappresenta un grande stacco rispetto al red center appena lasciatoLa camera vip dell’hotel riporta alla mente il lusso della prima parte del viaggio e permette di lasciarsi alle spalle l’esperimento swag, bello per carità, ma da assumere in piccole dosi.

Melbourne by night

Il centro città è pieno di locali e ristoranti la maggior parte dei quali di matrice asiatica. Qui  cinesi, coreani, vietnamiti sono in maggioranza, ma Vlao e Martimarti si fanno abbindolare dal menù di un ristorante italiano talmente convincente da non contenere nemmeno un errore ortografico. Seguendo il consiglio del cameriere nero di Bassano del Grappa i due scelgono la pizza pomodoro, mozzarella e prosciutto San Daniele… ma che bontà, sembra di stare sotto al Vesuvio!

La prima gita fuori porta è dedicata alla penisola di Phillip Island per raggiungere la quale non può mancare uno stop al molo di St.Kilda dove gustarsi un mega fish&cips con skyline della città come sfondo. Un’altra piccola sosta digestiva ai capanni colorati di Brighton beach e poi via verso Phillip Island sede del famoso circuito della Moto gp e soprattutto della famigerata Penguin Parade.

Qui sembra di stare in Irlanda se non fosse per i canguri che pascolano liberi al posto delle pecore e per i pinguini che nidificano.

I casottini colorati di Brighton Beach

A proposito di pinguini, un cartello fa il countdown per la loro apparizione, sembra che alle 19:35 arrivino direttamente dall’oceano di ritorno da una dura giornata di pesca. Tutti si assiepano nelle apposite gradinate in attesa dell’ora X. Vlao e Martimarti sono un po’ titubanti di fronte a questo show che sembra un po’ artificiale ma, dato che ormai ci sono, passano il tempo di attesa sgranocchiando le noci di macadamia acquistate preventivamente, a peso d’oro, al mercato.

Precisi come treni giapponesi, allo scoccare dell’ora fatidica ecco comparire i primi pinguini, lasciati sulla spiaggia dalle onde. Uno, poi due e tre, quattro, cinque e sei. Appena si forma un gruppetto, si coalizzano, prendono coraggio e cominciano a correre sulla spiaggia dribblano i gabbiani per arrampicarsi sulle rupi a fianco delle gradinate! Il tifo per loro è unanime e le loro corse impazzite strappano sorrisi a grandi e piccini.

E’ ormai notte quando Vlao e Martimarti lasciano gli spalti per tornare a Melbourne, i pinguini sono salvi e l’indomani c’è da ripartire verso una delle mete più rinomate d’Australia… i mitici dodici apostoli.

AUSTRALIA 2018

Indice

Pt.1 Airport Security e le attrattive di Sydney link
Pt.2 Dal fish market alla barriera corallina link
Pt.3 Coccodrilli, casuari e corciere Vip link
Pt.4 Territori del nord, swag e crazy animals link
Pt.5 Red Center, Melbourne e la penguin parade Sei qui

Random Post: Lo Scatolò

Postato da Vlao IL 3 Dicembre 2009 - 19:39 2 Commenti
Un amore a prima vista tra Vlao Kia nato con la Kia Mallus de Serrà, proseguito in Finlandia con l’intramontabile Kia Cerato winered e cresciuto per le strade di Dublino quando rimase incantato sotto i cartelloni pubblicitari che ritraevano per la prima volta davanti ai suoi occhi lo Scatolò

Da quel giorno l’obiettivo di Vlao era quello di convincere qualche sconsiderato ad acquistare quella fascinosa macchina… a metà tra la papamobile e il taxi di Atto di forza… ma nè lo Zio Tarocco, rimasto fedele alla Renault, nè Punto Plus, che ha preferito impiantare un polmone d’acciaio alla sua omonima macchina, sono caduti in tentazione…

Quando ormai il sogno sembrava irrealizzabile… ecco l’intervento divino… la testata della Golf che cede sotto l’incredulità generale… il preventivo del meccanico che fa vacillare la famiglia… la visita all’unico concessionario degno di essere visitato…

E’ così che per Leorol (link) scatta il colpo di fulmine… per quella macchina… quella macchina un po’ così…

Ora se vedete una Kia Soul bianca gironzolare per Ancona… è probabile che sia Leorol… anzi è praticamente certo che sia lui!

Il Belgio dalla A alla Zeta

Postato da Vlao IL 9 Aprile 2019 - 14:02 Aggiungi Commento
Dopo una lunga attesa, finalmente ecco a voi il riassunto alfabetico del nostro breve viaggetto in Belgio, 21 lettere per esprimere quello che ci hanno lasciato questi 7 giorni in giro per il paradiso dei birraioli.   IL BELGIO DALLA A ALLA ZETA   [caption id="attachment_8230" align="alignright" width="226"] L'Atomium[/caption] :arrow: A come Atomium monumento simbolo dell’Expo del ’58 che regala ancora oggi quel retrogusto spaziale tanto anni 60. :arrow: B come Bicchieri, da birra, bellissimi e uno diverso dall’altro, che solo grazie all’opera persuasiva di Mr.Linux non sono stati oggetto di razzia, se non rigorosamente a pagamento… :arrow: C come Cioccolata prodotto tipico del Belgio insieme alle birre e alle patatine take away. ...
Il volo Airnorth verso Darwin prevede un folkloristico scalo in uno sperduto aeroporto in mezzo alla vegetazione con ben due gate, uno per scendere e uno per risalire poco dopo. Giusto il tempo di una sosta toilet per battezzare la penisola di Gove e via. [caption id="attachment_8197" align="alignright" width="300"] Kakadu National Park[/caption] Espletate le necessità fisiologiche Vlao e Martimarti giungono a Darwin dove, in attesa di aggregarsi ad un tour organizzato per la visita dei parchi Kakadu e Litchfield, alloggiano in un lussuoso hotel a gestione cinese con tanto di gattino che saluta con la mano sul bancone della hall. Il tour parte all’alba ...

Orinatoi, boccali truccati ed altre amenità

Postato da Vlao IL 12 Febbraio 2019 - 15:25 Aggiungi Commento
Sicuramente capiterà anche a voi di vedere, mentre navigate su internet o su Facebook, pubblicità calibrate in base ai vostri gusti, o meglio in base alle vostre ricerche. A volte capita che questi consigli per gli acquisti si spingano un po’ oltre fino a segnalarvi articoli dei quali non conoscevate nemmeno l’esistenza. Vlao, per esempio, si imbatte spesso nel banner pubblicitario di Aliexpress, sito cinese dal quale è possibile acquistare una moltitudine di gadget alcuni dei quali indubbiamente geniali. Tra le proposte di cui Vlao prende sistematicamente nota, oggi, vi vuole segnalare queste 3 chicche che sicuramente entreranno di diritto nelle vostre wishlist.   IDEE PER ...
E’ giunta l’ora di ripartire, direzione Cape Tribulation. A bordo di una scattante Hyundai Accent, l’auto più brutta del pianeta dopo la Fiat Duna, la strada che si addentra nella foresta pluviale scorre via veloce. Perlomeno fino ad incontrare il fiume Daintree dove è inevitabile la sosta chiatta per attraversarlo da una sponda all’altra. [caption id="attachment_8153" align="alignright" width="300"] Beccato![/caption] Vlao e Martimarti approfittano della pausa per godersi una rilassante crociera alla ricerca dei coccodrilli che proliferano in zona. Così, a bordo di un avveniristico natante elettrico, accompagnati dal capitano, dal suo cane e da una sgargiante ranocchia verde e gialla, si addentrano tra le mangrovie dove, a conferma della pericolosità ...

Vlao e la Google Maps Timeline

Postato da Vlao IL 15 Gennaio 2019 - 15:46 Aggiungi Commento
Non so se è arrivata anche a voi una mail da Google Maps Timeline con la cronologia del 2018... in pratica il gigante di Mountain View ha pedinato per tutto l'anno il vostro cellulare e quindi, di conseguenza, voi stessi e ha riassunto quello che avete fatto negli ultimi 365 giorni. Chiaramente tutto a seguito di un vostro più o meno esplicito consenso. I dati raccolti sono interessanti, io ho scoperto di aver visitato 105 luoghi, 39 città e 3 paesi e di aver viaggiato per 46.937 km, la distanza pari quasi al giro del mondo! Chiaramente il viaggio in Australia ...

Top of the Rock ’18

Postato da Vlao IL 8 Gennaio 2019 - 15:42 Aggiungi Commento
Mentre il panorama musicale italiano è invaso dalla musica trap Vlao rimane fedele alla sua linea rock e non si fa contagiare dalle mode (orribili) del momento. Mode alle quali si sono conformati esperti musicali del calibro di Danco e Danske che, nonostante la loro veneranda età, non si rendono ancora conto di essere scaduti qualitativamente a livelli pattumieristici, ma perlomeno, saggiamente aggiungo io, evitano ormai da anni di postare le loro classifiche di fine anno per non correre il rischio di lasciare traccie sul web dei loro gusti preadolescenziali di cui tra qualche anno, inevitabilmente, non potranno che vergognarsi. Vlao invece come sempre si ...

2018 l’anno in blog

Postato da Vlao IL 3 Gennaio 2019 - 18:16 Aggiungi Commento
Anno "particolare" questo 2018 che ci ha appena salutato. Per Vlao rimarrà senz'altro tra quelli più importanti della vita in quanto contenitore di un giorno speciale e irripetibile, quel 29 Settembre che ha riunito in un solo luogo tutti gli amici e i parenti per festeggiare le nozze con Martimarti. 29 Settembre 2018 - Un giorno memorabile Una festa coi contro fiocchi che ha portato a cascata il viaggio di nozze in Australia del quale, su queste pagine, potete leggere il resoconto semiserio che, alla data attuale è fermo alla seconda puntata, ma che nei mesi prossimi Vlao si promette di terminare. ...
[caption id="attachment_8044" align="alignright" width="300"] Opera House e Harbour Bridge Sydney[/caption] Il terzo giorno di Sydney inizia con la pioggia che fortunatamente cessa dopo la, ormai classica, sontuosa colazione nel baretto accanto all'hotel. La visita al botanic garden rivela gradevoli sorprese come la mostra delle piante carnivore e l'avvistamento del Kokaburra lo strano uccello di cui prima solo Bratz e il Cometa conoscevano l'esistenza. Dal parco la vista sull'Opera House con lo sfondo dell'Harbour Bridge è mozzafiato e, solo dopo una serie interminabile di scatti e autoscatti, Vlao e Martimarti decidono di abbandonare il paradiso dei jogginisti e di recarsi al fish market per ...