Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • London ’18 – Turchiaraduno

    Porca vacca sono passati dieci anni dalla trasferta londinese del 2008 (link)! Della vecchia guardia solo Vlao e il Cometa sono rimasti, tutta la restante formazione è stata rivoluzionata, ma quello che non è cambiato è il risultato, sempre positivo, con i tre punti in trasferta. Oggi come allora… eccovi la pagella ufficiale:   Le PAGELLE del TURCHIARADUNO LONDINESE Italian Sister 8+: La vera mente pensante della squadra. E’ da lei che partono gran parte delle azioni. E’ lei che […]

  • Random Post: Bye bye summer???

    Giugno e Luglio sono stati mesi da depliant, il sole e il caldo non sono mancati e non a caso non ho ancora sentito le solite proteste dei bagnini nostrani… perennemente in crisi. In questi due mesi tra, Sirolo, Numana, Mezzavalle, Palombina per non dimenticare i Cancelli romani, Vlao ha incamerato la sua dose annuale di mare e di sole. Tra vecchi compagni rispolverati, vedi Regginball, e nuovi amici saliti alla ribalta e repentinamente caduti in disgrazia, l’ombrellone Tribord, è possibile ritenersi soddisfatti di […]

  • Australia pt.1 – Airport security e le attrattive di Sydney

    Quando uno pensa all’Australia cos’è la prima cosa che gli viene in mente? Esatto, i megacontrolli all’aeroporto! Dove i bagagli degli avventori provenienti da tutto il mondo vengono vivisezionati minuziosamente alla ricerca della più piccola traccia di prodotti che possano essere pericolosi per l’ecosistema australiano. Proprio per questo, quando Vlao e Martimarti sono sbarcati a Sydney erano già pronti psicologicamente a subire le angherie della dogana rese celebri da trasmissioni tipo Airport Security. Scesi cautamente dal volo AirIndia, senza nemmeno fregare la copertina […]

  • 29 Settembre 2018 – Un giorno memorabile

    Per Vlao mettere a punto insieme a Martimarti l’evento dell’anno è stata una grossa soddisfazione. Alla fine tutto è andato bene e il 29 settembre 2018 è stato un giorno memorabile figlio di una lunga e logorante fase preparativa che è stata il pensiero fisso per tutto il 2018. Le scelte del catering, della location, del fotografo, del fiorista, della musica, dell’hotel, delle partecipazioni, delle bomboniere, degli abiti, del menù, dei tavoli sono solo un esempio dei tanti dubbi sciolti durante l’anno, tra […]

  • Meno dieci al giorno X!

    Eh si… mancano solo 10 giorni all’ora X… Vlao e Martimarti vedono ormai all’orizzonte quel 29 Settembre di cui si parla da più di un anno! Il conto alla rovescia è inesorabile e, inevitabilmente, sta volgendo al termine, ormai tutto è pronto per il grande evento. Nel frattempo Vlao ha già festeggiato l’addio al celibato grazie alla perfetta organizzazione di Cometa & Company che hanno imbastito una memorabile serata di baldoria a San Benedetto del Tronto. All’evento, riservato esclusivamente agli uomini, hanno presenziato personaggi del […]

  • Progetto Gaia – Colonizza il futuro

    Vlao è andato in fissa con i giochi da tavola, anzi da tavolo per la precisione! Colpa di Nicorougeche per primo gli ha instillato questo interesse parlandogli entusiasticamente di Shadow over Camelot. Vlao, incuriosito, invece ha deciso di iniziare con Pandemic, che ha abbinato a Sea of Clouds… (e beh era in offerta…) dopo di che ha contagiato il Cometache, a sua volta, si è accaparrato Sherlock Holmes Consulente Investigativo… non soddisfatto da ciò Vlao ha proseguito provando qualche versione Android di […]

Opera House e Harbour Bridge Sydney

Il terzo giorno di Sydney inizia con la pioggia che fortunatamente cessa dopo la, ormai classica, sontuosa colazione nel baretto accanto all’hotel. La visita al botanic garden rivela gradevoli sorprese come la mostra delle piante carnivore e l’avvistamento del Kokaburra lo strano uccello di cui prima solo Bratz e il Cometa conoscevano l’esistenza. Dal parco la vista sull’Opera House con lo sfondo dell’Harbour Bridge è mozzafiato e, solo dopo una serie interminabile di scatti e autoscattiVlao e Martimarti decidono di abbandonare il paradiso dei jogginisti e di recarsi al fish market per pranzare, sfruttando fino all’ultimo minuto il biglietto del Big Bus.

Stiamo parlando del regno del pesce, banconi su banconi pieni di mercanzia ittica, vasche con molluschi e crostacei giganti, sushi, sashimi e lunghe tavolate di cinesi che masticano voraci.

Dopo aver fatto un giro di ispezione, Vlao e Martimarti optano per il piattone misto alla griglia e si vedono recapitare un vassoio stracolmo di roba. Uhm… Pancia mia fatti capanna!

Fish Market

I due partono all’assalto della montagna che però, da un esame più attento, perde molto del suo fascino, infatti, quel mezzo astice guarnito con una specie di besciamella grida vendetta, per non parlare delle ostriche con i cubetti di pancetta affumicata sopra! Accostamenti alquanto arditi per il palato italiano, ma che invece vanno alla grande per quelli locali e soprattutto asiatici presenti in massa in loco.

Vlao e Martimarti, comunque, non sono tanto schizzinosi da lasciare prigionieri… spazzolano tutto, vuotano il vassoio e lo riconsegnano lindo e pinto.

A questo punto manca solo una cosa per terminare il super ticket cumulativo… la Sydney Tower Eye. C’è solo un problema, i ragazzi all’ingresso prima di salire mostrano la vista attuale che c’è dalla torre, che non si discosta molta dallo spettacolo di una giornata di nebbia i val padana. Essendo però l’ultimo giorno a Sydney Vlao e Martimarti decidono di salire ugualmente all’ultimo piano che oggi si trova esattamente in mezzo alle nuvole. Dopo un po’ di attesa e qualche propizia folata di vento, riescono anche ad intravvedere qualcosa del panorama, giusto per avere la conferma di trovarsi in cima alla tower e non in uno scantinato dai vetri annebbiati.

Palm Cove

E’ tempo del primo volo interno, da Sydney a Cairns cambia tutto, in 4 ore di volo si passa dal clima uggioso della metropoli alla piena estate della costa nord orientale, il tutto con il sommo sollievo di Vlao che cominciava a dubitare dei programmi balneari dei giorni a seguire.

Giusto uno stop per il noleggio auto e via verso Palm Cove, dove godersi un po’ di sano relax e una gustosa cena a base di pesce… e formaggio.

L’indomani si prosegue la parte vip del viaggio salpando da Cairns sul catamarano a motore più grande di tutto il porto. Tutt’altra cosa rispetto alle bagnarole stile Avventure a cui sono abituati Vlao e Martimarti. I due, marchiati a vista dal braccialetto che garantisce il giro in elicottero, si godono la crociera smangiucchiando the e biscotti.

Great Barrier Reef

Giunti sul reef si armano di pinne e boccaglio e iniziano ad esplorare questo fantastico habitat naturale. Come nei documentari si trovano a nuotare in mezzo a pesci multicolor e a coralli di ogni forma e grandezza.

Le tonalità che ci sono sott’acqua sono spettacolari quanto quelle che si ammirano dall’alto e, il giro in elicottero, permette di godersi a pieno le sfumature di blu, azzurro e celeste che la barriera corallina dona all’Oceano Pacifico.

Senza dubbio uno spettacolo superiore a quanto Vlao e Martimarti avevano preventivato. Una giornata memorabile chiusa in bellezza con una sontuosa amatriciana fai da te, pasta De Cecco e sugo Barilla, perfetta per dimenticare le ultime delusioni gastronomiche.

AUSTRALIA 2018

Indice

Pt.1 Airport Security e le attrattive di Sydney link
Pt.2 Dal fish market alla barriera corallina Sei qui
Ko Rok

Ko Rok

Oggi potremmo goderci la spiaggia del nostro resort, svegliarci tardi, pranzare comodi, scoprire se la piscina è dolce o salta… e invece no, dato che abbiamo fatto Ko Lanta, facciamo pure Kolantuno. E per l’occasione ci trattiamo bene, salpiamo con un super motoscafo bimotore di quelli che ci sfrecciavano affianco i giorni scorsi e ci dirigiamo verso un’isola sperduta di nome Ko Rok.

Le illustrazioni che avevamo visto nei volantini corrispondono a verità e questa volta non c’è nemmeno la folla di Phi Phi. Siamo in un vero paradiso terrestre. Ci dividiamo tra chi si trastulla in spiaggia e chi ha ancora voglia di fare snorkeling in questo mare che dal turchese arriva al blu, ci gustiamo quello che sarà il nostro ultimo giorno di relax.

Tornati alla base è ora di ricomporre le valigie che, dopo 4 notti nello stesso posto, hanno la sindrome dello smembramento dello zaino allo stadio terminale. Con qualche difficoltà riusciamo a portar via tutto tranne il pallone da beach che lasciamo in eredità ad una bambina in chador.

Trang Railway Station

Trang Railway Station

Ci ricompattiamo come ai vecchi tempi sul pulmino che sta volta ci porterà a Trang, ridente cittadina tailandese snodo cruciale per il treno notturno che dal sud ci condurrà alla capitale. Vlao, nel predisporre l’itinerario, non se l’è sentita di privare il gruppo del gusto di una notte su rotaia!

Mentre attendiamo che giunga l’ora della partenza gironzoliamo per il mercato e per la prima volta in tutto il viaggio facciamo conoscenza con la pioggia! Un repentino monsone ci sorprende a spasso tra le viuzze del paese. Ci rifugiamo in un negozio che vende prodotti per pasticceri ed attendiamo che l’acquazzone si plachi. Quando cominciamo a temere di perdere il treno, decidiamo di buttarci nell’acquitrino e facciamo rotta verso la stazione fermandoci solo per una sosta obbligatoria in un ghiacciatissimo Seven Eleven.

Facciamo scorta alimentare per il viaggio. Patatine salatissime, snack agrodolci scaldati al forno, l’immancabile té miele&limone e, la ciliegina sulla torta, una bottiglia del mitico Hong Tong ideale per far passare in allegria il trasferimento che ci attende, ben undici ore da pendolari sul rapido Trang-Bangkok!

Espresso Trang-Bangkok

Rapido Trang-Bangkok

Riusciamo giusto giusto a mangiare qualcosa prima che il treno parta e la nostra carrozza si trasformi repentinamente in vagone letto. Sbim, sbang, sbeng, producendo rumori atroci il capotreno apre e prepara i letti a castello, chiude le tende, spegne la luce e buonanotte ai suonatori.

Per conciliare il sonno ci scoliamo l’Hong Tong che Fernet, dato il divieto di alcolismo vigente a bordo, tiene nascosto in una busta di carta come un provetto barbone.

Facciamo cin cin e ci corichiamo… la notte passa svelta e tutto sommato comoda… fino alle sei quando il capotreno, come un secondino che sbatte il manganello sulle sbarre delle celle, fa saltare tutti giù dalle brande

Alle nove siamo di nuovo a Bangkok, un’umidità a cui non eravamo più abituati ci assale all’uscita della stazione, i pantaloni lunghi usati per il trasferimento sono fuori luogo, andiamo in hotel a fare un rapido cambio d’abito per essere pronti alla visita alla città… l’ultimo tassello che manca al nostro viaggio!

TUTTOTHAI 2017

Indice

Episodio 1 Il mercato galleggiante, le cascate di Erawan e le rovine di Ayutthaya link
Episodio 2 In bici a Sukothai e poi rotta verso Chiang Mai link
Episodio 3 Doi Suthep, Masterchef Thailandia e il Trekk link
Episodio 4 Chiang Rai, il White Temple e tutti al mare link
Episodio 5 Il mare delle Andamane, Ko Lanta e Phi Phi link
Episodio 6 Ko Rok e il treno notturno Sei qui
Episodio 7 e per finire Bangkok link
 Extra Foto Album  link

London ’18 – Turchiaraduno

Postato da Vlao IL 28 novembre 2018 - 15:12 Aggiungi Commento
Porca vacca sono passati dieci anni dalla trasferta londinese del 2008 (link)! Della vecchia guardia solo Vlao e il Cometa sono rimasti, tutta la restante formazione è stata rivoluzionata, ma quello che non è cambiato è il risultato, sempre positivo, con i tre punti in trasferta. Oggi come allora… eccovi la pagella ufficiale:   Le PAGELLE del TURCHIARADUNO LONDINESE Italian Sister 8+: La vera mente pensante della squadra. E’ da lei che partono gran parte delle azioni. E’ lei che prende l’iniziativa, è lei che propone insistentemente la reunion, è lei che si preoccupa della scelta del sontuoso Luxury apartament, è lei che convince gli ...
Quando uno pensa all'Australia cos'è la prima cosa che gli viene in mente? Esatto, i megacontrolli all'aeroporto! Dove i bagagli degli avventori provenienti da tutto il mondo vengono vivisezionati minuziosamente alla ricerca della più piccola traccia di prodotti che possano essere pericolosi per l'ecosistema australiano. [caption id="attachment_8010" align="alignright" width="300"] Sydney - Pyrmont Bridge[/caption] Proprio per questo, quando Vlao e Martimarti sono sbarcati a Sydney erano già pronti psicologicamente a subire le angherie della dogana rese celebri da trasmissioni tipo Airport Security. Scesi cautamente dal volo AirIndia, senza nemmeno fregare la copertina in pile per paura che potesse essere contaminata, i nostri hanno ritirato il bagaglio con circospezione ...

29 Settembre 2018 – Un giorno memorabile

Postato da Vlao IL 3 novembre 2018 - 10:48 2 Commenti
Per Vlao mettere a punto insieme a Martimarti l'evento dell'anno è stata una grossa soddisfazione. Alla fine tutto è andato bene e il 29 settembre 2018 è stato un giorno memorabile figlio di una lunga e logorante fase preparativa che è stata il pensiero fisso per tutto il 2018. Le scelte del catering, della location, del fotografo, del fiorista, della musica, dell'hotel, delle partecipazioni, delle bomboniere, degli abiti, del menù, dei tavoli sono solo un esempio dei tanti dubbi sciolti durante l'anno, tra mille contatti e mille appuntamenti. Tutto, però, come in un puzzle, si è incastrato magicamente creando una giornata che per i protagonisti, e ...

Meno dieci al giorno X!

Postato da Vlao IL 19 settembre 2018 - 14:53 2 Commenti
Eh si… mancano solo 10 giorni all'ora X… Vlao e Martimarti vedono ormai all’orizzonte quel 29 Settembre di cui si parla da più di un anno! Il conto alla rovescia è inesorabile e, inevitabilmente, sta volgendo al termine, ormai tutto è pronto per il grande evento. Nel frattempo Vlao ha già festeggiato l’addio al celibato grazie alla perfetta organizzazione di Cometa & Company che hanno imbastito una memorabile serata di baldoria a San Benedetto del Tronto. All'evento, riservato esclusivamente agli uomini, hanno presenziato personaggi del calibro di PuntoPlus, Baletta, Sasu, Raffo, NicoRouge, Pollo, Bartelt e il capobranco Cometa che, dall'alto della sua esperienza, ha pianificato per filo e per segno ...

Progetto Gaia – Colonizza il futuro

Postato da Vlao IL 6 settembre 2018 - 12:48 Aggiungi Commento
Vlao è andato in fissa con i giochi da tavola, anzi da tavolo per la precisione! Colpa di Nicorougeche per primo gli ha instillato questo interesse parlandogli entusiasticamente di Shadow over Camelot. Vlao, incuriosito, invece ha deciso di iniziare con Pandemic, che ha abbinato a Sea of Clouds... (e beh era in offerta...) dopo di che ha contagiato il Cometache, a sua volta, si è accaparrato Sherlock Holmes Consulente Investigativo... non soddisfatto da ciò Vlao ha proseguito provando qualche versione Android di board game "moderni" e si è perdutamente innamorato di Carcassonne. Successivamente, seguendo le sapienti mosse di Ali, si è aggregato al gruppo ...

Regali di natale #2: Pearl Jam live @ Padova

Postato da Vlao IL 17 agosto 2018 - 15:51 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_7909" align="alignright" width="228"] Pearl Jam live @ Stadio Euganeo - Padova[/caption] I Pearl Jam sono stati, e sono ancora, uno dei gruppi a cui Vlao è più affezionato. Una delle prime band che ha scoperto fuori dai circuiti radiofonici italiani, quando ancora di streaming non si parlava e per ascoltare nuova musica l’unico metodo era accaparrarsi il CD o per lo meno farselo masterizzare! Grazie a Leorol, e alla sua musicassetta di In Utero dei Nirvana, Vlao negli anni novanta si approcciava al grunge. Spaventato in un primo momento dai lancinanti urli di Kurt Cobain, ha poi amato quel genere e, ...
Dopo tanta natura è giunto il momento di un po’ di cultura… storia, anzi scienza, ma che dico scienza, fantascienza! [caption id="attachment_7879" align="alignright" width="300"] Volto dai caratteristici tratti marziani[/caption] La visita a Tiwanaku e Puma Punko è tutto questo. Le strane storie collegate al sito archeologico più importante della Bolivia, sono molto affascinanti e le nubi cariche di pioggia che incombono durante la nostra visita danno ancora più enfasi a questo luogo arcano e pieno di misteri. La statua dell’uomo barbuto, per esempio, che dato il suo taglio di barba è ritenuto essere immigrato dalla Mesopotamia, è possibile davvero che sia vissuto qui?? E ...

Regali di Natale #1: Venezia

Postato da Vlao IL 13 luglio 2018 - 14:17 Aggiungi Commento
Sono arrivati a fine Giugno, ma in realtà sono i regali di Natale. La slitta di Santa Claus quest’anno è passata in ritardo portando in dono i biglietti per il concerto dei Pearl Jam a Padova e l’abbinato weekend a Venezia il tutto condito con altri 3gg extra in panciolle che, visto il clima avverso sulle Dolomiti, sono stati trascorsi, come i pensionati, alle terme di Abano. [caption id="attachment_7862" align="alignright" width="300"] Il Canal Grande di Venezia[/caption] Per quanto riguarda i giorni a Venezia, a cura di Vlao, è stato opzionato un fantastico loft scantinato, prenotato con Airbnb, come ideale base di appoggio per ...