Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Progetto Gaia – Colonizza il futuro

    Vlao è andato in fissa con i giochi da tavola, anzi da tavolo per la precisione! Colpa di Nicorougeche per primo gli ha instillato questo interesse parlandogli entusiasticamente di Shadow over Camelot. Vlao, incuriosito, invece ha deciso di iniziare con Pandemic, che ha abbinato a Sea of Clouds… (e beh era in offerta…) dopo di che ha contagiato il Cometache, a sua volta, si è accaparrato Sherlock Holmes Consulente Investigativo… non soddisfatto da ciò Vlao ha proseguito provando qualche versione Android di […]

  • Regali di natale #2: Pearl Jam live @ Padova

    I Pearl Jam sono stati, e sono ancora, uno dei gruppi a cui Vlao è più affezionato. Una delle prime band che ha scoperto fuori dai circuiti radiofonici italiani, quando ancora di streaming non si parlava e per ascoltare nuova musica l’unico metodo era accaparrarsi il CD o per lo meno farselo masterizzare! Grazie a Leorol, e alla sua musicassetta di In Utero dei Nirvana, Vlao negli anni novanta si approcciava al grunge. Spaventato in un primo momento dai lancinanti […]

  • Bolivia Cile – Alieni a Tiwanaku e la Carretera de la Muerte

    Dopo tanta natura è giunto il momento di un po’ di cultura… storia, anzi scienza, ma che dico scienza, fantascienza! La visita a Tiwanaku e Puma Punko è tutto questo. Le strane storie collegate al sito archeologico più importante della Bolivia, sono molto affascinanti e le nubi cariche di pioggia che incombono durante la nostra visita danno ancora più enfasi a questo luogo arcano e pieno di misteri. La statua dell’uomo barbuto, per esempio, che dato il suo taglio di barba […]

  • Regali di Natale #1: Venezia

    Sono arrivati a fine Giugno, ma in realtà sono i regali di Natale. La slitta di Santa Claus quest’anno è passata in ritardo portando in dono i biglietti per il concerto dei Pearl Jam a Padova e l’abbinato weekend a Venezia il tutto condito con altri 3gg extra in panciolle che, visto il clima avverso sulle Dolomiti, sono stati trascorsi, come i pensionati, alle terme di Abano. Per quanto riguarda i giorni a Venezia, a cura di Vlao, è stato opzionato […]

  • Bolivia Cile – Addio jeep, in pullman verso La Paz e Titicaca

    E dopo il tramonto non può mancare l’alba, ci svegliamo nella notte e, nel freddo più assoluto, ci rechiamo al centro del salar. Mentre il sole sale, ci godiamo i giochi di ombre che le nostre sagome disegnano mano a mano che si accorciano sulla distesa bianca. Il nostro staff ci prepara la colazione più in là, all’isola delle bandiere dove Gian aggiunge quella della pace che mancava colpevolmente. Sotto il grande monumento alla Dakar, che da qualche tempo passa da […]

1905-2017 biancorossi eravamo noi

Postato da Vlao IL 18 agosto 2017 - 18:24 Aggiungi Commento

Stemma_Ancona_US_1905 caputSiamo abituati a tutto, fallimenti, retrocessioni, fusioni, ne abbiamo passate di cotte e di crude e, bene o male, siamo sempre ripartiti…. ma sta volta no, questa è la parola fine sul calcio ad Ancona, una città di 100.000 abitanti che si ritrova senza uno straccio di squadra e con uno stadio da 20.000 posti che farà la fine del Colosseo nel giro di qualche anno.

Ancona è un buco nero per lo sport, inesistente a basket, a pallavolo e ora anche a calcio.

Una delusione veramente grossa non poter più tifare orgogliosamente i propri colori. Penso proprio sia uno scandalo non essere riusciti ad iscrivere la squadra nemmeno nella più infima delle categorie.

112 anni di storia buttati come niente fosse

Ci rimangono i ricordi,  la trasferta a Bologna per la prima storica promozione in serie A con tutta la famiglia compreso Nonnomario, i fuochi d’artificio al Passetto, la finale di Coppa Italia con la Sampdoria persa sonoramente, il 3-0 all’Inter al debutto al Del Conero con doppietta di Detari, il 3 a 1 ad Ascoli in curva con Bartelt e Danco, l’Ancona di Ganz della seconda promozione in A, il 4-3-3 di Salvioni con Tarana sulla fascia, le ore passate a parlare dell’Ancona con Greg, gli aggiornamenti dai campi di Baletta, gli abbonamenti in comproprietà col Rouge, il Dorico pieno alla prima partita di Eccellenza vecchio-pallone-da-calcio-sgonfioe il ritorno a casa sotto la pioggia col motorino e Leorol, la vittoria a Fermo con sassaiola scampata, il play off col Perugia, i tanti spareggi vinti col Savoia, col Rimini, col Foggia, Mastronunzio, Lagrotteria, Centofanti, Bertarelli, il condor Agostini… ma anche Pulpito D’Ignazio, CastiglioneTomislav Erceg, Zarate, RuggeriEddy BaggioMax Vieri, ch’avemo i moscioli e ce piace el vì.

I giovani anconetani non potranno più vivere cose del genere, non potranno più tifare la propria squadra e non sapranno mai che vincere una Champions League non può eguagliare il livello di goduria del gol di Ventura al 117° contro gli ascolani nella finale per la serie B.

Con infinita tristezza stacco l’ultimo calendario dell’Ancona dalla scrivania consapevole che da quest’anno ci sarà ben poco da aggiornare…

Moscioli e Sardoncini… altro che Pad Thai

Postato da Vlao IL 1 agosto 2017 - 15:22 Aggiungi Commento
Moscioli quasi pronti!

Moscioli quasi pronti!

Raduno a base di Moscioli e Sardoncini scottadito per i reduci del Tuttothai. Vlao e Martimarti si sono dati un bel po’da fare per organizzare al meglio il weekend alle falde del Monte Conero. Nonostante qualche assenza inevitabile le lusinghe anconetane hanno comunque attirato nelle Marche i ravennati, Davide&Laura ed gli ex-Brexit, ormai rimpatriati, Matach e Littlelaura.

Per accogliere gli ospiti, per prima cosa, è stata predisposta una cena in terrazzo con gli invitati usati come cavie dai padroni di casa per testare un sughetto a base di moscioli e pomodorini, una fiamminga di sardoncini scottadito (prima assoluta) e un plateu di moscioli alla tarantina (4kg a dir la verità).

Considerando che alla fine non è avanzato praticamente niente, dobbiamo dedurre che il menu è stato apprezzato ed è stato completato alla grande con un bel prosecchino arrivato dal veneto ad accompagnare i biscotti della romagna e la cheesecake ai frutti di bosco preparata per l’occasione.

Un insieme di calorie fondamentali per affrontare bene l’intensa giornata prevista per il sabato che, in perfetto stile avventure, ha previsto una impegnativa escursione a Mezzavalle con l’imprescindibile stradello e una cena a Senigallia in concomitanza con il Summer Jamboree.

Halfvalley stiamo arrivando!

Halfvalley stiamo arrivando!

Muniti di ombrellone e pranzo al sacco il gruppetto, nonostante qualche scivolone di troppo, è sceso a valle e ha colonizzato un tratto della selvaggia spiaggia che unisce Portonovo al Trave.

La località è stata apprezzata dagli stranieri che hanno alternato per tutto il tempo bagni e relax. Stoppata la fame con un bel panino e integrata energia col mitico cono palla nel pomeriggio si è affrontato l’ostacolo che rende questa spiaggia unica, il ripido stradello che riporta a monte solo dopo una grassa sudata. Un ostacolo che screma inesorabilmente il pubblico presente in spiaggia selezionando solo gli individui fisicamente integri e fortemente motivati come appunto i nostri eroi.

Raggiunte le auto, lasciate in pieno sole ad una temperatura centigrada che superava i 40 gradi, si è potuti passare alla seconda fase del programma. Dopo una rapida sosta doccia è partita la missione Summer Jamboree il festival anni ’50 che attira a Senigallia ogni anno migliaia di persone al ritmo di boogie woogie e Rock’n Roll.

Anche qui la parte culinaria ha il suo doveroso spazio e un inaddentabile hamburger american style è quello che ci vuole per buttarsi nel clima festaiolo. Tra balli sincronizzati, pin up, marinai e auto d’epoca si fa in un attimo l’ora di ritornare a casa.

Un bagnetto al Passetto ci sta!

Un bagnetto al Passetto ci sta!

Archiviato il “sabato alla grande”, l’inaspettata pioggia della domenica mattina ha rovinato un po’ i piani di Vlao che è stato costretto a varare un piano alternativoTutto sommato è andata bene così, non sarebbe stato giusto mandare a casa gli ospiti senza nemmeno far loro visitare i luoghi clou del capoluogo marchigiano. Il piano B infatti ha compreso una visita turistica all’Arco di Traiano, a Piazza del Papa, alle Tredici Cannelle, al Duomo di San Ciriaco.

Nelle vesti di cicerone Vlao ha guidato il gruppo concedendogli, nel finale, anche un bel bagno al Passetto nelle acque fresche dell’Adriatico raggiunte con l’ascensore da poco restaurato… scusate se è poco… in spiaggia con l’ascensore… nemmeno fossimo a Dubai !

Il tutto non poteva che concludersi con una bella mangiata di pesce ed il classico selfie coi piatti ormai vuoti. Al rompete le righe tutti soddisfatti, è stato bello passare qualche giorno insieme e rispolverare episodi dell’avventura passata insieme in Thailandia.

Certi Concerti 2017

Postato da Vlao IL 14 luglio 2017 - 17:37 Aggiungi Commento
Prendendo in prestito il nome di un gruppo Facebook nato per ottimizzare i viaggi verso gli eventi live del paese, volevo fare un riassunto della stagione concertistica 2017 che sta andando a gonfie vele con un Vlao in grande spolvero che, assecondato nei suoi piani da Martimarti, ha già messo in bacheca tre bei appuntamenti… cosa che non si vedeva da tempo immemore! Sarà che quest’anno hanno messo piede in Italia praticamente tutti, così in tanti da rendere obbligatoria una dolorosa cernita. Niente di fatto quindi per Eddie Vedder (chissà quando tornerà solista qui da noi… forse sarà più facile rivederlo con ...

Tuttothai – Ko Rok e il treno notturno

Postato da Vlao IL 28 giugno 2017 - 15:28 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_6478" align="alignright" width="300"] Ko Rok[/caption] Oggi potremmo goderci la spiaggia del nostro resort, svegliarci tardi, pranzare comodi, scoprire se la piscina è dolce o salta… e invece no, dato che abbiamo fatto Ko Lanta, facciamo pure Kolantuno. E per l’occasione ci trattiamo bene, salpiamo con un super motoscafo bimotore di quelli che ci sfrecciavano affianco i giorni scorsi e ci dirigiamo verso un’isola sperduta di nome Ko Rok. Le illustrazioni che avevamo visto nei volantini corrispondono a verità e questa volta non c’è nemmeno la folla di Phi Phi. Siamo in un vero paradiso terrestre. Ci dividiamo tra chi si trastulla ...

Una tre giorni di relax enogastronomico

Postato da Vlao IL 8 giugno 2017 - 18:47 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_6461" align="alignright" width="300"] La campagna marchigiana[/caption] Passare un weekend tra le colline marchigiane significa anche entrare a contatto con sapori, odori e colori che molto spesso dimentichiamo nelle nostre città. E' una buona scusa per visitare splendidi borghi e assaporare prodotti caratteristici nei luoghi stessi da cui provengono, un fantastico modo per unire in una sola gita natura, cultura e tipicità. In questo periodo poi, l'avanzato stato di primavera rende tutto più colorato e, passare un paio di giorni spensierati in un B&B disperso nella campagna, è l’ideale per staccare un po’ dalla solita routine. Vlao e Martimarti hanno perciò pensato bene di concedersi una vacanzetta ...
Finalmente il mare… il mare delle Andamane! [caption id="attachment_6435" align="alignright" width="200"] La sciarpa multicolor[/caption] Facciamo subito a prendere confidenza con Klong Nin Beach la nostra lunga spiaggia. Ci facciamo immediatamente un tuffo e poi pensiamo alla cena. Di pad thai non ne vogliamo più sentir parlare, abbiamo imparato la ricetta nel corso da masterchef e lo riproporremo a casa a suo tempo, ora siamo più attratti dal pesce! Vlao e Fernet vanno in avanscoperta e si prendono la responsabilità di negoziare per il gruppo. Cercando tra i vari ristoranti scelgono quello il cui banco ittico ha meno mosche degli altri. Dopo una lunga trattativa con il ...

Passo del Lupo for dummies

Postato da Vlao IL 9 maggio 2017 - 17:15 Aggiungi Commento
Il Passo del Lupo è il nome di uno dei tanti sentieri che solcano il monte Conero, per la precisione il sentiero n. 2 che dal cimitero di Sirolo porta alla spiaggia delle Due Sorelle attraverso un percorso panoramico veramente spettacolare. Un anconetano doc che non lo ha mai percorso (come Vlao prima del 25 Aprile) deve fare solo ammenda, è come un romano che non è mai entrato al Colosseo (ogni riferimento è puramente casuale...), è proprio un’onta che va obbligatoriamente cancellata. Scendere alla Spiaggia delle Due Sorelle passando per il monte è tutta un’altra storia rispetto ad attraccarvi col “barcone” estivo. Anche se ...
[caption id="attachment_6371" align="alignright" width="300"] Uno dei galli incriminati[/caption] Vorrei sapere chi sparge in giro la voce che i galli cantano all’alba… saranno strani quelli di questo sperduto paesino, ma qui alle tre di notte è già un caos. Chi si preoccupava dei russatori molesti ora, invece, ha questi galli da pelare. Per svegliarci, quindi, non serve il sole e ci gustiamo la colazione alle luci dell’alba. Prima di scendere a valle passeggiamo nel paesino e interagiamo con i timidi abitanti che, sta volta disarmati, ci regalano anche qualche sorriso. La discesa è scoscesa nonché un po’ accidentata e ci conduce ad una piccola cascata, ...
Il viaggiatore di avventure è abituato ad essere itinerante, ed è a suo agio con la migrazione giornaliera da un alberghetto all’altro. Una volta preso possesso della camera posa il bagaglio in un angolo ed estrae solamente la mise per la notte e l’eventuale cambio per il giorno dopo mentre lascia tutto il resto intatto. [caption id="attachment_6348" align="alignright" width="200"] Chiang Mai - Doi Suthep[/caption] Dormire due notti nello stesso posto però lo manda in crisi. La smania di fare ordine, di dividere le magliette sporche da quelle pulite, le mutande usate da quelle nuove, i calzetti puzzolenti da quelli profumati, fa si che, per ...