Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • La stagione fantacalcistica 2018-2019

    Impresa storica in Masterleague (link) per la Dinamo Erceg di Vlao che vince lo SCUDETTO da neopromossa con una stagione record. In testa alla classifica da Ottobre vince il campionato con quattro giornate di anticipo e con la fantamedia più alta della lega 72,507. Una cavalcata sotto il segno dei gol del pistolero Piatek vero e proprio jolly pescato nel mercato estivo che, insieme a Pavoletti e al fedelissimo Inglese, ha composto il tridente “retrocessione” che ha trascinato la squadra per tutte le […]

  • Australia Pt.5 – Red Center, Melbourne e la penguin parade

    Ad Alice Spring Vlao e Martimarti cambiano compagni, ma non cambiano stile di viaggio, anzi… La nuova guida è un pazzo scatenato che sveglia la ciurma alle 5 di mattina a suon di rock and roll, che cucina sulla brace code di canguro, e che inchioda per strada se vede una bella lucertola da fotografare. Tutto questo rende il soggiorno ancor più interessante non bastassero i paesaggi super spettacolari che regalano Uluru e Kata Tjuta. Tra trekking, albe e tramonti […]

  • Il Belgio dalla A alla Zeta

    Dopo una lunga attesa, finalmente ecco a voi il riassunto alfabetico del nostro breve viaggetto in Belgio, 21 lettere per esprimere quello che ci hanno lasciato questi 7 giorni in giro per il paradiso dei birraioli.   IL BELGIO DALLA A ALLA ZETA   ➡ A come Atomium monumento simbolo dell’Expo del ’58 che regala ancora oggi quel retrogusto spaziale tanto anni 60. ➡ B come Bicchieri, da birra, bellissimi e uno diverso dall’altro, che solo grazie all’opera persuasiva di Mr.Linux non sono stati oggetto di razzia, […]

  • Australia Pt.4 – Territori del nord, swag e crazy animals

    Il volo Airnorth verso Darwin prevede un folkloristico scalo in uno sperduto aeroporto in mezzo alla vegetazione con ben due gate, uno per scendere e uno per risalire poco dopo. Giusto il tempo di una sosta toilet per battezzare la penisola di Gove e via. Espletate le necessità fisiologiche Vlao e Martimarti giungono a Darwin dove, in attesa di aggregarsi ad un tour organizzato per la visita dei parchi Kakadu e Litchfield, alloggiano in un lussuoso hotel a gestione cinese con […]

  • Orinatoi, boccali truccati ed altre amenità

    Sicuramente capiterà anche a voi di vedere, mentre navigate su internet o su Facebook, pubblicità calibrate in base ai vostri gusti, o meglio in base alle vostre ricerche. A volte capita che questi consigli per gli acquisti si spingano un po’ oltre fino a segnalarvi articoli dei quali non conoscevate nemmeno l’esistenza. Vlao, per esempio, si imbatte spesso nel banner pubblicitario di Aliexpress, sito cinese dal quale è possibile acquistare una moltitudine di gadget alcuni dei quali indubbiamente geniali. Tra le proposte […]

Regali di Natale #1: Venezia

Postato da Vlao IL 13 Luglio 2018 - 14:17 Aggiungi Commento

Sono arrivati a fine Giugno, ma in realtà sono i regali di Natale. La slitta di Santa Claus quest’anno è passata in ritardo portando in dono i biglietti per il concerto dei Pearl Jam a Padova e l’abbinato weekend a Venezia il tutto condito con altri 3gg extra in panciolle che, visto il clima avverso sulle Dolomiti, sono stati trascorsi, come i pensionati, alle terme di Abano.

Il Canal Grande di Venezia

Per quanto riguarda i giorni a Venezia, a cura di Vlao, è stato opzionato un fantastico loft scantinato, prenotato con Airbnb, come ideale base di appoggio per l’esplorazione lagunare.

20 metri quadrati soppalcati e dotati di ogni confort, tra cui letto, doccia, water, frigo, macchina del gas, lavatrice, ferro da stiro e stendipanni, tutto l’occorrente per sopravvivere in autonomia un anno intero nella laguna!

Partendo da una posizione privilegiata, a due passi dalla mitica Libreria Acqua Alta, dove i libri sono messi in salvo dalle frequenti inondazioni da sofisticati sistemi di galleggiamento come, gondole, cassette di legno e vasche da bagno, Vlao e Martimarti hanno peregrinato da un canale all’altro scandagliando a fondo il centro della città che tutto il mondo ci invidia.

Da Piazza San Marco al ponte di Rialto, dai palazzi storici come la Ca’ d’Oro al traffico sul Canal Grande, dal ponte dei Sospiri alla Piazza del Mercato. Chilometri e chilometri percorsi seguendo le indicazioni del navigatore, unico modo per orientarsi tra i vicoli intricati delle città sull’acqua.

I canali colorati di Burano

Vlao, per sua fortuna, è riuscito ad evitare la stucchevole gita in gondola depistando l’attenzione di Martimarti su altre attrattive e lasciando ai giapponesi l’esclusiva per questa costosa crociera sotto i ponti.

Usufruendo del più a buon mercato biglietto open per i traghetti pubblici i due hanno ripiegato sulla visita delle pittoresche Murano e Burano, isole che distano solo qualche decina di minuti di navigazione dalla città lagunare.

Murano è famosa per l’omonimo vetro e per i mastri vetrai che, nelle loro officine, creano a mano forme incredibili tanto quanto i prezzi a cui le propongono ai turisti. Turisti tra i quali Vlao e Martimarti si sono mimetizzati con disinvoltura mentre assistevano ai passaggi complessi che trasformano una goccia rovente in un cavallino multicolore, una metamorfosi davvero stupefacente!

I vasi, i bicchieri, i soprammobili creati sono veramente molto belli, sono dei pezzi unici, ma il loro acquisto è direttamente subordinato alla vincita al lotto che alla data odierna non è ancora pervenuta.

L’altra isoletta esplorata, un po’ più distante da Venezia, è quella di Burano caratterizzata dalle sue casette dipinte con l’arcobaleno, giallo, rosso, verde, blu, lilla, viola, e chi più ne ha più ne metta. I suoi canali multicolor sono ricchi di ristoranti, di bar e di turisti che vanno pazzi per questi scorci fotogenici. Un set fotografico ideale per cercare di ottenere il selfie perfetto.

Piazza San Marco by night

La bellezza di Venezia non ha paragoni e non c’è dubbio su questo, nessun posto al mondo ha il suo fascino, sarà per tale motivo che i veneziani tendono ad approfittare della favorevole situazione?

Vlao e Martimarti non hanno voluto verificare personalmente le cronache dei conti stellari dei bar in Piazza San Marco e, pertanto, hanno girato alla larga dalla zona per poter sorseggiare un caffè.

Possono comunque garantire che con un minimo di attenzione si può evitare agevolmente lo spennamento e trovare anche posti tipici “a buon mercato”. Il tour dei bacari è assolutamente da consigliare, ci sono tutta una serie di piccole osterie che offrono gustose stuzzicherie da abbinare ad un buon bicchiere di vino… non c’è alternativa migliore per lasciare i tavoli dei bar della piazza ai ricchi o perlomeno sprovveduti avventori.

Vlao e Martimarti lasciano Venezia attraversando il ponte della Costituzione, il controverso progetto di Calatrava che, con un arco di acciaio e vetro, li catapulta direttamente dentro la stazione dove il mitico treno per Mira Mirano li porterà alla macchina che li attende da giorni per portarli verso il regalo #2 il concerto dei Pearl Jam allo Stadio Euganeo

E dopo il tramonto non può mancare l’alba, ci svegliamo nella notte e, nel freddo più assoluto, ci rechiamo al centro del salar. Mentre il sole sale, ci godiamo i giochi di ombre che le nostre sagome disegnano mano a mano che si accorciano sulla distesa bianca. Il nostro staff ci prepara la colazione più in là, all’isola delle bandiere dove Jean aggiunge quella della pace che mancava colpevolmente.

Monumento all’ex Parigi-Dakar

Sotto il grande monumento alla Dakar, che da qualche tempo passa da queste parti anziché in Marocco, facciamo le immancabili foto di gruppo che sanno tanto di addio, ridendo e scherzando, siamo già arrivati all’ultimo giorno in compagnia delle nostre jeep e dello staff Avventurista.

Usciamo dalla distesa bianca nei pressi di Colchani dove visitiamo la fabbrica di sale che confeziona fantastici sacchettini made in Bolivia. Dopo la sosta ci dirigiamo dritti verso Oruro dove dobbiamo intercettare il bus che ci condurrà a La Paz.

La stazione degli autobus è un caos. Da qui partono mezzi per ogni destinazione, venditori ambulanti di biglietti intercettano Vlao per appioppargli 16 comodi posti cama, ma prima c’è da cambiare la cassa e nel frattempo mezzo gruppo scompare. Dopo le trafelate operazioni di imbarco si riesce a partire senza perdere nessuno per strada… ottimo risultato.

La Paz by night

Nelle tre ore di tragitto ci rilassiamo un po’ fino a raggiungere il traffico che ci avverte che siamo a La Paz. Curiosa La Paz, quando arrivi la vedi dall’alto in basso che si sviluppa per le pendici delle ripide montagne che la circondano.

Dal centro cittadino con edifici moderni, mano a mano che si sale si passa a case dalle facciate scrostate. Con l’aumentare dell’altitudine diminuisce proporzionalmente la ricchezza degli abitanti fino a raggiungere i quartieri più “malfamati” come El Alto dal quale iniziamo la nostra discesa verso il centro con il pullman di linea che la effettuerà in più di un’ora, c’è un traffico talmente denso che nemmeno tra Barberino del Mugello e Ronco Bilaccio si è mai visto

Era da un po’ che non vedevamo così tanta gente raggruppata nello stesso posto, forse era dai tempi dello scalo di Miami, ultimamente ci stupivamo di incrociare una macchina nel nostro cammino… e qui invece dobbiamo stare attenti a non farci investire.

L’ampia scelta di ristoranti ci mette a disagio, ci dividiamo alla ricerca di qualcosa di buono e alla fine ci ritroviamo tutti a cenare all’Angelo Colonial, evidentemente il ristorante che fa per noi.

Isla del Sol – Lago Titicaca

Lasciamo La Paz la mattina seguente per dirigerci verso il lago Titicaca che raggiungiamo dopo aver fatto una tratta in bus e due attraversate in battello.

Sbarchiamo sull’Isla del Sol e ci arrampichiamo verso il nostro bed and breakfast. Dopo aver ammirato il tramonto dalla cima della nostra isola, ceniamo in uno dei tanti ristoranti con vista lago che propongono il piatto forte del luogo, la trucha del Titicaca.

Chiacchieriamo sorseggiando una birrozza in uno scenario completamente nuovo per il nostro viaggio. Torniamo a casa con l’aiuto delle nostre torce, ripercorrendo il sentiero che ci porta al nostro lussuoso alloggio mentre Tiwanaku, eccitato dalla visita a Puma Punko fissata per l’indomani, ci intrattiene parlando di alieni e H scolpite sulla roccia

BOLIVIA CILE 2017

Indice

Episodio 1 La lunga rotta verso Sucre e le miniere di Potosì link
Episodio 2 Le quebradas di Tupiza e la Ciudad de Roma link
Episodio 3 Le prime lagune e la frontiera cilena link
Episodio 4 San Pedro de Atacama e l’altopiano boliviano link
Episodio 5 La laguna negra e Italia-Bolivia 7-6 link
Episodio 6 Il Salar de Uyuni e il vulcano Tunupa link
Episodio 7 Addio jeep, in pullman verso La Paz e Titicaca Sei qui
Episodio 8 Alieni a Tiwanaku e la Carretera de la Muerte link
 Extra  Foto Album  link

MegaMosciolata

Postato da Vlao IL 19 Giugno 2018 - 14:25 Aggiungi Commento
In un primo momento il piano prevedeva una sessione di pesca al Passetto con la sapiente coordinazione del provetto apneista Cometa che, dall’alto della sua esperienza subacquea, avrebbe diretto con maestria la squadra cerca cozze in modo da portare a casa un bottino degno di una grande mosciolata. Visto però il tempo variabile dell’ultima settimana e il mare mosso, piuttosto che rischiare una cena a base di spaghetti in bianco e pane con l’olio, si è preferito affidare la caccia a pescatori professionisti e accaparrarsi al mercato nero i 15 kg di moscioli necessari alla riuscita del piano. E' partita così la ...

Vasco, Bibione e la scommessa vinta

Postato da Vlao IL 30 Maggio 2018 - 14:43 Aggiungi Commento
Per partecipare alla data zero del tour di Vasco a Lignano Sabbiadoro, Vlao e Martimarti sono stati “costretti” a inventarsi un weekend di relax per ammortizzare i km che separano Ancona dal Friuli Venezia Giulia. [caption id="attachment_7783" align="alignright" width="300"] La città della Spal[/caption] Per prima cosa, per spezzare il viaggio di andata, hanno deciso di inserire una tappa a Ferrara, la città della Spal, dove sotto il primo vero caldo estivo si sono girati tutto il centro storico già in fermento per l’incombente e attesissimo palio. Dopo essere passati a salutare l’estense Alice, reduce thailandese, i due si sono divorati la prima pizza di ...

La stagione fantacalcistica 2017-18

Postato da Vlao IL 23 Maggio 2018 - 14:57 Aggiungi Commento
E con il campionato di Serie A va in archivio anche la stagione fantacalcistica 2017-2018. Un'annata ricca di soddisfazioni per le compagini anconetane partecipante alla Master League Fantacalcio (link). Dinamo Erceg ed FC Eliechia sono state entrambe promosse, La Dinamo di Vlao approda per la prima volta in serie A e mette in bacheca la seconda promozione in due anni di iscrizione alla lega. FC Eliachia di Rouge passa invece dalla C alla B con un'annata da incorniciare che la decreta prima squadra del torneo per fantamedia. Per entrambe il secondo posto nel girone da 12 squadre non basta a festeggiare il titolo di serie, ...

Il Turchiaraduno anconetano

Postato da Vlao IL 15 Maggio 2018 - 16:22 Aggiungi Commento
Rai4 che mette in onda Mediterraneo è stata la scintilla che ha risvegliato il gruppo whatsapp "no kebab Turchia". Le immagini di Castellorizo e della sua baia hanno rinfrescato i ricordi del viaggio di 5 anni fa (Turchia Discovery) e, in contemporanea, la voglia di organizzare un nuovo raduno dopo quello ormai mitico di Parigi (Turchiaraduno à Paris). [caption id="attachment_7739" align="alignright" width="300"] Ancona e il suo porto[/caption] Sta volta, visto lo zoccolo duro marchigiano, rafforzato rispetto al 2013 dall’importazione definitiva di Martimarti e dal ritorno alla base di Mariano, la location prescelta è stata Ancona. Già nella serata di venerdì i treni provenienti dal nord hanno scaricato ...
Oggi è il giorno dei salares, che uno la Bolivia se la immagina così… una tavola di sale dove scorrazzare senza meta... una distesa bianca e un cielo azzurro. [caption id="attachment_7716" align="alignright" width="300"] Scorrazzando per il salar[/caption] In effetti, abbandonata la “riva” si ha proprio la sensazione di essere in mare aperto, non ci sono piste né tanto meno strade, si viaggia puntando qualcosa all’orizzonte e si naviga dritto per dritto fino a raggiungerlo. Non ci sono onde, il sale essiccato dal sole forma i caratteristici esagoni che accostati l’uno all’altro creano una fantascientifica pavimentazione su cui le jeep sfrecciano senza lasciare segno. La luce ...

Unicenozza Insensibile Edition

Postato da Vlao IL 19 Aprile 2018 - 17:40 Aggiungi Commento
Dopo i soliti rinvii abbiamo finalmente quagliato. L’Unicenozza si ripropone in veste bavarese con molta carne al fuoco oltre ai salsicciotti teutonici. Non ci vediamo da tempo, e non abbiamo ancora affrontato temi scottanti di attualità. Tramite l’utilissima chat di whatsapp è stato stilato anche un apposito ordine del giorno per cercare di affrontare i fatti salienti capitati dall’ultima cenozza in poi. Una scaletta di 8 punti tra i quali: Scenario politico italiano e ipotesi di governo; Quadro politico internazionale e riverberi di guerra fredda; Analisi Real Madrid – Juventus e proiezioni Champions; Live Serie A e pronostici di classifica; Status economia marchigiana ...

Per le langhe ad assaggiar vino

Postato da Vlao IL 30 Marzo 2018 - 15:08 Aggiungi Commento
Come sommelier Vlao è un po’ scarso, le sue conoscenze si limitano a distinguere il vino rosso da quello bianco e poco più. Può dire se un vino gli piace o no, ma il suo standard è rappresentato dal Piersanti da 1,65 a bottiglia del Tuodi, non proprio il top a detta di chi se ne intende. Martimarti invece ha un livello più elevato e preferisce l’acqua ai vini per poveri con cui si rifornisce Vlao. Quando però a tavola sono presenti determinate bottiglie, Pecorino, Ribolla Gialla, un bel Rosso Conero, non disdegna un bel bicchierozzo. Il weekend nelle langhe proposto da Mrs ...