Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Cronache del Coronavirus

    Saranno stati i primi di febbraio quando Vlao coglie la notizia di un virus che sta mietendo vittime in una città sperduta della Cina, Wuan. Città per modo di dire, in realtà è una metropoli di 11 milioni di abitanti, che i cinesi stanno mettendo in quarantena per arginare il rischio contagio. Video di strade deserte, posti di blocco per entrare ed uscire dalla zona, ospedali in costruzione con decine di ruspe in movimento sincronizzato. Sembra un film. Alcuni ipotizzano […]

  • Top of the Rock ’19

    Per iniziare il nuovo anno discografico per prima cosa bisogna tirare le somme di quello passato. Per questo Vlao non si esime nemmeno questa volta nello stilare la sua personalissima classifica che contiene gli album nati nel 2019 e che gli hanno tenuto compagnia negli ultimi 12 mesi. 10 posizioni per riassumere quel che di nuovo ha colpito il suo orecchio, da vecchi marpioni tornati alla ribalta, a nuove band tutte da scoprire, una classifica più rock rispetto alle ultime […]

  • Il podio acquisti memorabili 2019

    E’ tempo di classifiche e, mentre ancora dovete attendere qualche giorno per l’immancabile chart musicale, in quest’epoca di consumismo sfrenato ho deciso di rendere ufficiale il podio degli acquisti memorabili dell’anno trascorso. Non c’è un criterio univoco per l’assegnazione dell’agognato premio, infatti alcuni oggetti si sono meritati la menzione per il loro incomparabile rapporto qualità/prezzo, altri per la loro innegabile utilità e altri ancora per il loro fantasmatico costo, ma ognuno dei tre eletti ha il merito di aver segnato indelebilmente […]

  • Vlao mercante in fiera

    Ultimamente Vlao si è dato alle compravendite. Da un lato è un fedele seguace del gruppo telegram Sconticina che offre dritte per gli acquisti a buon prezzo o addirittura ad errore di prezzo e, dall’altro, è diventato un attivo utente Ebay piazzando sul mercato web pezzi archiviati in cantina da anni. Il suo primo exploit da venditore provetto è stato un gioco da tavola anni 90, conservato perfettamente fino ai giorni nostri, uno scatolone con su scritto Starquest che è giaciuto impolverato […]

  • NORVEGIA: Cinque cose da fare e cinque cose da non fare alle Lofoten

    Le Lofoten insieme alle Vesteralen sono delle isole sperdute nel nord della Norvegia, si trovano ampiamente entro il circolo polare artico e sono meta rinomata per gli amanti della natura e degli sport. Noi abbiamo scelto di andarci d’estate per ammirare appieno gli splendidi paesaggi e i pittoreschi paesini, ma ci riserviamo di tornarci in inverno quando regna la neve, il buio e l’aurora boreale. Dalla nostra esperienza estiva intanto vi possiamo segnalare 10 dritte per affrontare il vostro soggiorno […]

London ’18 – Turchiaraduno

Postato da Vlao IL 28 Novembre 2018 - 15:12 Aggiungi Commento

Porca vacca sono passati dieci anni dalla trasferta londinese del 2008 (link)! Della vecchia guardia solo Vlao e il Cometa sono rimasti, tutta la restante formazione è stata rivoluzionata, ma quello che non è cambiato è il risultato, sempre positivo, con i tre punti in trasferta.

Oggi come allora… eccovi la pagella ufficiale:

 

Le PAGELLE del

TURCHIARADUNO LONDINESE

Italian Sister 8+: La vera mente pensante della squadra. E’ da lei che partono gran parte delle azioni. E’ lei che prende l’iniziativa, è lei che propone insistentemente la reunion, è lei che si preoccupa della scelta del sontuoso Luxury apartament, è lei che convince gli altri a seguirla ovunque pure in mete alternative come i 4 piani del negozio M&M’s e il binario 9 e tre quarti di Harry Potter. Uragano

Lupin 7,5: Da provetto coordinatore AnM si occupa in prima persona dell’itinerario del weekend. Forte delle sue precedenti esperienze londinesi guida la squadra con maestria, tra autobus, metro e lunghe camminate riesce a coprire una bella parte dell’area metropolitana. Dal financial district a Camden Town, da Carnaby Street a Trafalgar Squaredetta i tempi e organizza i trasporti. Anche senza denaro contante, riesce ad assaporare i sapori tipici dello streetfood localeImpeccabile

Cometa 5+: Il Fabregas delle Torrette sta volta assume un ruolo da gregario, sceglie un profilo basso e non si carica di particolari responsabilità. Decide di mettersi al servizio della squadra anche al costo di rinunciare al pellegrinaggio alla statua di Peter Pan a cui è particolarmente legato. Regala fosforo e sostanza al centrocampo, ma soffre di paurosi cali di tensione che, ad un giocatore del suo calibro, non si possono perdonare! Quando lascia la squadra in inferiorità numerica addormentandosi sull’autobus bipiano che riparte mentre tutti gli altri sono scesi, i tifosi si mettono le mani nei capelli. Sognatore

Martimarti 7: La maga dei selfie si rivela la più reattiva ad andare a recuperare il Cometa correndo dietro al bus fino a raggiungerlo. Sempre attenta e precisa, documenta la tre giorni con telecamera e cellulare rischiando a tratti di perdersi tra la folla cittadina. Nonostante il Black Friday clamorosamente non riesce a perfezionare nessun acquisto da Harrods ed è costretta a ripiegare su uno stock di calamite in una bancarella e su un bicchiere di birra di dubbia provenienza. Alla fine porta a casa un bel voto grazie a perle da cineteca come la visita al Cyberdog di Camden Town, ricordo residuo di una pregressa visita londinese. Reporter

Bratz 7: Si sacrifica per la squadra condividendo con il Cometa il divano letto in pelle umana presente in salone. Nonostante fosse per lei la prima volta in terra albionica si districa bene tra le scale della underground, sostiene con ardore ogni iniziativa della squadra, ed è sempre pronta ad affrontare ogni sfida. Purtroppo, nonostante la regina fosse in casa, non riesce a raggiungere il sogno di berci assieme un té, ma fa niente, sarà per la prossima volta… tanto bisogna al più presto tornare a Londra per consumare i crediti residui sulla Oyster CardPerseverante

Laurapiccola 7+Nonostante la sua eleganza si rivela un vero e proprio mastino in difesa. Lotta su ogni pallone e si trova a suo agio sia nei meandri della subway londinese, sia tra le bancarelle dei primi mercati natalizi. Le sue lunghe leve le permettono di non distaccarsi mai dalla testa del gruppo e non ha nessuna difficoltà ad affrontare le 12 ore giornaliere fuori dal Luxury AppartamentMotorino

Vlao 6,5: Ormai è da un po’ che lascia i turchi gestirsi da soli, non è più lo scoordinatore di una tempo. Un po’ sornione, fa il suo compitino senza strafare, obbedisce un po’ a malincuore agli ordini di scuderia che lo costringono a lunghe escursioni per seguire gli altri in visite Herrypottiane che mai si sarebbe immaginato. L’onda lunga matrimoniale però gli garantisce un sontuoso riposo nella suite imperiale e anche per questo non accusa affatto il freddo e i km percorsi. Si becca un voto in più per essere stato l’unico ad aver portato l’adattatore per le prese. Elettricista

Quando uno pensa all’Australia cos’è la prima cosa che gli viene in mente?

Esatto, i megacontrolli all’aeroporto! Dove i bagagli degli avventori provenienti da tutto il mondo vengono vivisezionati minuziosamente alla ricerca della più piccola traccia di prodotti che possano essere pericolosi per l’ecosistema australiano.

Sydney – Pyrmont Bridge

Proprio per questo, quando Vlao e Martimarti sono sbarcati a Sydney erano già pronti psicologicamente a subire le angherie della dogana rese celebri da trasmissioni tipo Airport Security.

Scesi cautamente dal volo AirIndia, senza nemmeno fregare la copertina in pile per paura che potesse essere contaminata, i nostri hanno ritirato il bagaglio con circospezione ed hanno diligentemente seguito le indicazioni verso l’uscita.

Dopo aver passato allo scanner digitale il passaporto italiano, dopo aver fissato con sguardo innocente una telecamera per una foto, dopo aver ripetuto in forma elettronica il questionario d’ingresso, Vlao e Martimarti si sono trovati di fronte ad una porta scorrevole che, una volta dischiusasi, ha mostrato anziché il temuto stanzino delle perquisizioni, la corsia preferenziale degli autobus e dei taxi.

In pratica, erano già fuori… in cinque minuti… senza nemmeno aver raccimolato l’ambito timbro su una pagina del passaporto! Pare proprio che sia vero che la televisione è tutta una finzione, oppure è stata la risposta negativa al quesito “hai la tubercolosi” che ha indirizzato Vlao e Martimarti sul canale verde? Chi può dirlo? Magari se capitate in Australia, facciamo un esperimento, provate a dichiararvi tubercolitici e vediamo se la procedura di controllo è la stessa… fateci sapere!

Sydney Harbour Bridge

L’esplorazione di Sydney parte dall’hotel Kirketon sito in uno dei quartieri più suggestivi della città… quello a luci rosse di Kings Cross. Vlao e Martimarti da li si sono mossi a piedi macinando km su km per visitare i luoghi simbolo di Sydney, a cominciare dalla St.Mary Cathedral, dove, a colpirli di più, non sono stati i dipinti o le vetrate colorate, ma la presenza del lettore di carte di credito per effettuare le donazioni sostituto dell’ormai obsolescente raccoglitore di monete, modello salvadanaio.

Percorrendo Marker St. e passando sotto la Sydney Tower Eye i due sono arrivati al Darling Harbour dove subito si sono accaparrati, al primo baracchino utile, il super ticket cumulativo per l’acquario, lo zoo, il museo delle cere, la torre e il mitico Big Bus. Dopo aver speso molte energie per convertire il super ticket negli effettivi biglietti, obiettivo raggiunto solo grazie all’aiuto di una gentilissima emigrata italiana, i due si sono focalizzati nel soddisfare i bisogni primari, capatina al bagno sotto il ponte (ampio, pulito e dyson-munito); hamburgherazzo (massiccio, saporito e bello insalsito) e poltrita al parco (rilassante, rigenerante e jet lag recuperante).

Ricaricate un po’ le batterie, nel pomeriggio c’è tempo per il Sealife, il Wildlife e il museo delle cere di Madame Tusseau. Vlao e Martimarti hanno così modo di vedere da vicino pesci, animali e personaggi che durante il viaggio potrebbero avvistare in mare, come gli squali, nell’outback, come i canguri, o più semplicemente per strada, come Mel Gibson.

Surfista a Bondi Beach

Il giorno dopo il cielo nuvoloso accoglie Vlao e Martimarti a Bondi Beach, o meglio Bondai beach, patria dei surfisti sydneiani che, nonostante il clima non sia dei più estivi, non rinunciano a cavalcare qualche onda. I nostri percorrono la lunga passeggiata che costeggia l’oceano divertendosi ad avvistare le balene all’orizzonte e, infine, raggiungono il mitico bar sulla piscina a bordo mare dove si giocano uno dei regali della lista nozze, l’agognato aperitivo a Bondi Beach.

Una volta entrati e depredati della carta di credito, Vlao e Martimarti si sono accomodati ed hanno sorseggiato uno delizioso Spriz Campari accompagnato da costosissime noccioline, rese squisite dalla vista mozzafiato sulla baia.

Giunta l’ora di salutare la Sydney balneare il Big Bus li riporta in pieno centro attraversando apprezzabili quartieri residenziali. Per concludere la giornata non c’è di meglio che la crociera in traghetto pubblico da Pyrmont Bay a Circular Quay che regala un stupenda veduta del Sydney Harbour Bridge e dell’Opera House, vista che sarebbe ancora più bella se solo non iniziasse a piovere.

Per consolarsi dalla parziale delusione Vlao e Martimarti decidono di giocarsi un altro regalo della lista, una delle diverse cene romantiche viene passata spolpando uno squisito stinco in un raffinato locale trovato grazie all’infallibile Tripadvisor.

AUSTRALIA 2018

Indice

Pt.1 Airport Security e le attrattive di Sydney Sei qui
Pt.2 Dal fish market alla barriera corallina link
Pt.3 Coccodrilli, casuari e corciere Vip link
Pt.4 Territori del nord, swag e crazy animals link
Pt.5 Red Center, Melbourne e la penguin parade link
Pt.6 Great Ocean Road, koala, achidna e animali vari link

29 Settembre 2018 – Un giorno memorabile

Postato da Vlao IL 3 Novembre 2018 - 10:48 2 Commenti
Per Vlao mettere a punto insieme a Martimarti l'evento dell'anno è stata una grossa soddisfazione. Alla fine tutto è andato bene e il 29 settembre 2018 è stato un giorno memorabile figlio di una lunga e logorante fase preparativa che è stata il pensiero fisso per tutto il 2018. Le scelte del catering, della location, del fotografo, del fiorista, della musica, dell'hotel, delle partecipazioni, delle bomboniere, degli abiti, del menù, dei tavoli sono solo un esempio dei tanti dubbi sciolti durante l'anno, tra mille contatti e mille appuntamenti. Tutto, però, come in un puzzle, si è incastrato magicamente creando una giornata che per i protagonisti, e ...

Meno dieci al giorno X!

Postato da Vlao IL 19 Settembre 2018 - 14:53 2 Commenti
Eh si… mancano solo 10 giorni all'ora X… Vlao e Martimarti vedono ormai all’orizzonte quel 29 Settembre di cui si parla da più di un anno! Il conto alla rovescia è inesorabile e, inevitabilmente, sta volgendo al termine, ormai tutto è pronto per il grande evento. Nel frattempo Vlao ha già festeggiato l’addio al celibato grazie alla perfetta organizzazione di Cometa & Company che hanno imbastito una memorabile serata di baldoria a San Benedetto del Tronto. All'evento, riservato esclusivamente agli uomini, hanno presenziato personaggi del calibro di PuntoPlus, Baletta, Sasu, Raffo, NicoRouge, Pollo, Bartelt e il capobranco Cometa che, dall'alto della sua esperienza, ha pianificato per filo e per segno ...

Progetto Gaia – Colonizza il futuro

Postato da Vlao IL 6 Settembre 2018 - 12:48 Aggiungi Commento
Vlao è andato in fissa con i giochi da tavola, anzi da tavolo per la precisione! Colpa di Nicorougeche per primo gli ha instillato questo interesse parlandogli entusiasticamente di Shadow over Camelot. Vlao, incuriosito, invece ha deciso di iniziare con Pandemic, che ha abbinato a Sea of Clouds... (e beh era in offerta...) dopo di che ha contagiato il Cometache, a sua volta, si è accaparrato Sherlock Holmes Consulente Investigativo... non soddisfatto da ciò Vlao ha proseguito provando qualche versione Android di board game "moderni" e si è perdutamente innamorato di Carcassonne. Successivamente, seguendo le sapienti mosse di Ali, si è aggregato al gruppo ...

Regali di natale #2: Pearl Jam live @ Padova

Postato da Vlao IL 17 Agosto 2018 - 15:51 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_7909" align="alignright" width="228"] Pearl Jam live @ Stadio Euganeo - Padova[/caption] I Pearl Jam sono stati, e sono ancora, uno dei gruppi a cui Vlao è più affezionato. Una delle prime band che ha scoperto fuori dai circuiti radiofonici italiani, quando ancora di streaming non si parlava e per ascoltare nuova musica l’unico metodo era accaparrarsi il CD o per lo meno farselo masterizzare! Grazie a Leorol, e alla sua musicassetta di In Utero dei Nirvana, Vlao negli anni novanta si approcciava al grunge. Spaventato in un primo momento dai lancinanti urli di Kurt Cobain, ha poi amato quel genere e, ...
Dopo tanta natura è giunto il momento di un po’ di cultura… storia, anzi scienza, ma che dico scienza, fantascienza! [caption id="attachment_7879" align="alignright" width="300"] Volto dai caratteristici tratti marziani[/caption] La visita a Tiwanaku e Puma Punko è tutto questo. Le strane storie collegate al sito archeologico più importante della Bolivia, sono molto affascinanti e le nubi cariche di pioggia che incombono durante la nostra visita danno ancora più enfasi a questo luogo arcano e pieno di misteri. La statua dell’uomo barbuto, per esempio, che dato il suo taglio di barba è ritenuto essere immigrato dalla Mesopotamia, è possibile davvero che sia vissuto qui?? E ...

Regali di Natale #1: Venezia

Postato da Vlao IL 13 Luglio 2018 - 14:17 Aggiungi Commento
Sono arrivati a fine Giugno, ma in realtà sono i regali di Natale. La slitta di Santa Claus quest’anno è passata in ritardo portando in dono i biglietti per il concerto dei Pearl Jam a Padova e l’abbinato weekend a Venezia il tutto condito con altri 3gg extra in panciolle che, visto il clima avverso sulle Dolomiti, sono stati trascorsi, come i pensionati, alle terme di Abano. [caption id="attachment_7862" align="alignright" width="300"] Il Canal Grande di Venezia[/caption] Per quanto riguarda i giorni a Venezia, a cura di Vlao, è stato opzionato un fantastico loft scantinato, prenotato con Airbnb, come ideale base di appoggio per ...
E dopo il tramonto non può mancare l’alba, ci svegliamo nella notte e, nel freddo più assoluto, ci rechiamo al centro del salar. Mentre il sole sale, ci godiamo i giochi di ombre che le nostre sagome disegnano mano a mano che si accorciano sulla distesa bianca. Il nostro staff ci prepara la colazione più in là, all’isola delle bandiere dove Jean aggiunge quella della pace che mancava colpevolmente. [caption id="attachment_7832" align="alignright" width="300"] Monumento all'ex Parigi-Dakar[/caption] Sotto il grande monumento alla Dakar, che da qualche tempo passa da queste parti anziché in Marocco, facciamo le immancabili foto di gruppo che sanno tanto di ...