Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Progetto Gaia – Colonizza il futuro

    Vlao è andato in fissa con i giochi da tavola, anzi da tavolo per la precisione! Colpa di Nicorougeche per primo gli ha instillato questo interesse parlandogli entusiasticamente di Shadow over Camelot. Vlao, incuriosito, invece ha deciso di iniziare con Pandemic, che ha abbinato a Sea of Clouds… (e beh era in offerta…) dopo di che ha contagiato il Cometache, a sua volta, si è accaparrato Sherlock Holmes Consulente Investigativo… non soddisfatto da ciò Vlao ha proseguito provando qualche versione Android di […]

  • Regali di natale #2: Pearl Jam live @ Padova

    I Pearl Jam sono stati, e sono ancora, uno dei gruppi a cui Vlao è più affezionato. Una delle prime band che ha scoperto fuori dai circuiti radiofonici italiani, quando ancora di streaming non si parlava e per ascoltare nuova musica l’unico metodo era accaparrarsi il CD o per lo meno farselo masterizzare! Grazie a Leorol, e alla sua musicassetta di In Utero dei Nirvana, Vlao negli anni novanta si approcciava al grunge. Spaventato in un primo momento dai lancinanti […]

  • Bolivia Cile – Alieni a Tiwanaku e la Carretera de la Muerte

    Dopo tanta natura è giunto il momento di un po’ di cultura… storia, anzi scienza, ma che dico scienza, fantascienza! La visita a Tiwanaku e Puma Punko è tutto questo. Le strane storie collegate al sito archeologico più importante della Bolivia, sono molto affascinanti e le nubi cariche di pioggia che incombono durante la nostra visita danno ancora più enfasi a questo luogo arcano e pieno di misteri. La statua dell’uomo barbuto, per esempio, che dato il suo taglio di barba […]

  • Regali di Natale #1: Venezia

    Sono arrivati a fine Giugno, ma in realtà sono i regali di Natale. La slitta di Santa Claus quest’anno è passata in ritardo portando in dono i biglietti per il concerto dei Pearl Jam a Padova e l’abbinato weekend a Venezia il tutto condito con altri 3gg extra in panciolle che, visto il clima avverso sulle Dolomiti, sono stati trascorsi, come i pensionati, alle terme di Abano. Per quanto riguarda i giorni a Venezia, a cura di Vlao, è stato opzionato […]

  • Bolivia Cile – Addio jeep, in pullman verso La Paz e Titicaca

    E dopo il tramonto non può mancare l’alba, ci svegliamo nella notte e, nel freddo più assoluto, ci rechiamo al centro del salar. Mentre il sole sale, ci godiamo i giochi di ombre che le nostre sagome disegnano mano a mano che si accorciano sulla distesa bianca. Il nostro staff ci prepara la colazione più in là, all’isola delle bandiere dove Gian aggiunge quella della pace che mancava colpevolmente. Sotto il grande monumento alla Dakar, che da qualche tempo passa da […]

Namibia Discovery – Skeleton Coast e Spitzkoppe

Postato da Vlao IL 6 ottobre 2015 - 15:39 Aggiungi Commento

Salutiamo gli himba e continuiamo la nostra discesa verso sud direzione Spitzkoppe.

Skeleton Coast

Skeleton Coast

Dobbiamo macinare chilometri… la Skeleton Coast è lontana ed in più ci trasciniamo dietro Jambo Tartaruga che, ogni 10 km, ci costringe a fermarci ad aspettarlo. Per fortuna le rassicurazioni del meccanico specializzato di Opuwo tranquillizzano il nostro driver facendo si che la sua marcia si faccia più fluida.

Facciamo uno scalo tecnico a Palmwag dove alloggiamo in una specie di oasi dove campeggiamo a diretto contatto con la natura. Così tanto a contatto che, mentre ci sistemiamo, notiamo un elefante che gironzola nel campeggio sradicando arbusti. I gestori, rigorosamente tedeschi come d’abitudine, ci dicono di star tranquilli, che il pachiderma è di casa ed è abituato alla presenza umana. Sarà pure così, ma il cartello “beware elephant” vicino alle nostre tende non ci fa rilassare più di tanto.

Sorpassato il gate di Springbockwater si comincia ad entrare in clima skeleton. Una nebbia oscura all’orizzonte ci segnala che ci siamo. La strada che costeggia l’Oceano Atlantico non è affatto trafficata e non ci sono insediamenti umani… facciamo degli stop per ammirare da vicino i famigerati scheletri… prima un pozzo petrolifero arrugginito, poi i resti di un relitto…

Spitzkoppe al tramonto

Spitzkoppe al tramonto

All’uscita, dopo una foto di rito sul cancello con lo scheletro, proseguiamo la strada per Cape Cross dove ci aspetta una curiosa colonia di otarie che ci accoglie con i suoi ragli e i suoi ululati. In realtà la prima cosa che sentiamo è la puzza pestilenziale che sprigionano i mammiferi pinnati… ecco perché Nuno ci aveva consigliato di non pranzare qui! Nuno N°1!

Le otarie sono centinaia di migliaia, chi fa il bagno, chi dorme, chi si spintona… fanno un caos terribile. Questi toponi senza zampe si mettono anche in posa! Quando abbiamo abbastanza voltastomaco da non poterne più, proseguiamo nel nostro tragitto… dobbiamo arrivare entro il tramonto allo Spitzkoppeil Cervino della Namibia.

Ci infiliamo giusto in tempo sotto la sbarra dell’ingresso e, nella penombra, scegliamo la nostra piazzola in uno scenario fantastico.

Ci svegliamo, come nostro solito, insieme al sole e, con l’accompagnamento di una guida, visitiamo il massiccio.

Spitzkoppe - Palla in bilico

Spitzkoppe – Palla in bilico

Apprezziamo lo Small Bushman Paradise dove pitture rupestri ci portano alla memoria scene di altri tempi quando i bushman cacciavano in gruppo gli animali della savana. Continuiamo l’esplorazione ammirando stupiti lo splendido arco che, alla luce del sole mattutino, ci regala uno dei più bei paesaggi del viaggio.

Per finire passeggiamo nel Bushman Paradise quello grande dove, con una piccola ferrata che ci fa sudare quanto basta, ci arrampichiamo su su per ammirare il paesaggio. Sembra di stare in un cartone di Willy il Coyote dove mega pietre a forma di palla sono in bilico su scoscesi dirupi. Cerchiamo di farne rotolare giù un paio, ma senza ottenere gli esiti sperati. Salutiamo la nostra guida Damara e quello che per molti sarà il posto più bello del viaggio.

Ora ci attende un po’ di civiltà… Swakopmund la classica cittadina teutonica che si può facilmente trovare ai confini del deserto del Namib.

 

NAMIBIA DISCOVERY 2015

Indice

Episodio 1 Il prologo link
Episodio 2 Etosha link
Episodio 3 Le Epupa Falls e il villagio Himba link
Episodio 4 Skeleton Coast e Spitzkoppe sei qui
Episodio 5 Swakopmund e Sandwich Harbour link
Episodio 6 Solitaire e Sesriem link
Episodio 7 L’epilogo link
Extra Photo Album link

Trentacinque per 3

Postato da Vlao IL 29 settembre 2015 - 15:53 1 Commento

Come passa il tempo… era una volta che si festeggiava il 30 per 3 con una non-stop culinaria entrata negli annali e conclusa con la mitica cuccumona di filottranese memoria (Trenta per 3).

Tomahawk... la costata del cowboy

Tomahawk… la costata del cowboy

Cinque anni in più si accusano… e nessuno se la sentirebbe adesso di affrontare quella maratona. Però è giusto festeggiare con una cena rifocillante il passaggio di lustro dei tre prodi NicoBartelt e Vlao.
La location scelta sta volta è una fattoria ai confini dell’antico borgo di Montignano che accoglie i commensali con mucche finte, polli e cigni veri e soprattutto con una esposizione di ciccia non indifferente.

Il frigo stile macelleria ci mostra le carni rosse pronte ad essere grigliate sul camino che, sullo sfondo, fiammeggiando nervosamente è intento ad arrostire membra di ogni taglia e di ogni forma.

Ci accomodiamo con l’acquolina in bocca e, al momento dell’ordinazione, ci troviamo subito in crisi. Siamo davanti ad un bivio, oltre al tagliere, un must, occorre scegliere tra una cena a base di carni pregiate o una classica a base di grigliata ruspante… Dopo un piccolo summit si raggiunge una posizione comune e, andando contro i consigli del cameriere, optiamo per una cena ibrida.

Per far contenta la frangia delle carni pregiate, capitanata da Puntoplus l’intenditore, ordiniamo un Tomawack la vera costata del cowboy australiano alla quale abbiniamo un classico misto di grigliata, tagliata, salsicciata, etc etc..

Lo sport del 2016

Lo sport del 2016

Dopo aver spazzolato il, purtroppo, misero tagliere, attendiamo più di un’ora per la maxi bisteccona da 1.050 grammi, e da 80 euro.

Nel frattempo gli spaghetti al pomodoro di Juju attirano l’attenzione dei commensali che pianificano un imminente attacco. Proprio quando stavano per decollare le forchette ecco che atterra la maxi costata… la guerra è sventata e la cena del più piccolo del tavolo si salva in corner.

Lo spazzolamento delle portate dura molto meno del loro tempo di attesa e ci troviamo all’ora della torta in men che non si dica. I problemi di accensione delle candeline scintillanti di Martimarti sono solo un piccolo intoppo che ritarda di qualche secondo il brindisi finale a base di spumante e latte di capretto.

Nonostante i 35 anni suonati, i tre festeggiati si beccano anche i regali, un’orchidea viola a Nico, un kit per freccette a Bartelt ed un arco a Vlao! Regali davvero azzeccati, soprattutto quello di Vlao che il Cometa mette subito all’opera imbastendo un improvvisato tiro al bersaglio sui cartelli del parcheggio.

La prova coinvolge tutti i presenti e la compagnia si scioglie solo una volta che ogni partecipante ha centrato almeno una volta il cartello col pollicione alzato in stile facebook con la scritta “Mi brace”!

Soddisfatti della mira si va tutti a casa, appuntamento al prossimo lustro… o magari prima!

EXPO 2015

Postato da Vlao IL 16 settembre 2015 - 17:33 2 Commenti
Vlao, accompagnato da Martimarti e Zander, era partito con tante aspettative verso l'esposizione universale di Rho... ma solo con una vaga idea di quello che lo stava aspettando. L'unica certezza era l'ennesimo raduno laotiano che, con l'appoggio logistico dei compagni milanesi, Mrs.Postamat e Mr.Linux, e l'apporto del toscano FulvioAbbestia, non poteva che essere un successo. Il parterre di Cologno Monzese, con la presenza di special guest di tutto rispetto provenienti da viaggi in ogni dove, è stato veramente ricco e variegato così come la cena del venerdì sera. [caption id="attachment_6661" align="alignright" width="300"] Padiglione Brasile[/caption] La sana scorpacciata era solo l'antipasto di quello che sarebbe stato il vero piatto forte del weekend, ...
Oggi si lascia l’Etosha, ma lo facciamo in grande stile… uscendo dal Galton Gate, nessun gruppo aveva mai osato tanto, anche perché fino all’anno scorso il passaggio era riservato ai “residenti” del Dolomite VIP Lodge. [caption id="attachment_6666" align="alignright" width="300"] Epupa Falls[/caption] Nel lungo tragitto che ci manca, non saltiamo le soste alle pozze che troviamo per strada e, questa parte di parco meno inflazionata, ci regala clamorosi ingorghi di animali che ci ricordano vagamente il traffico che c'è a... Milano. Arriviamo per l’ora di pranzo al gate dove sorprendiamo gli addetti al varco che se la spassano in perenne pausa. Vlao e Nuno, il capodriver, scrivono ...

Namibia Discovery – l’Etosha

Postato da Vlao IL 1 settembre 2015 - 14:03 2 Commenti
Tra un po’ comincia il viaggio, ma prima le “operazioni preliminari”: spesa e affitto camping stuff… Il gruppo prontamente si divide in due, chi si occupa della cambusa saccheggiando il Pick & Pay e chi affronta la ex-SS tedesca che gestisce il Camping hire. [caption id="attachment_6669" align="alignright" width="300"] Il primo campeggio[/caption] E così dopo un’ora una macchina è piena di ogni bendiddio decine di boccioni d’acqua, tutto il necessario per la colazione, frutta, scatolame vario e tutti i prodotti made in Italy e un’altra è carica di attrezzatura, tavoli, sedie, fornelli, pentolame e tutto il necessario per una confortevole esperienza di campeggio ...

Namibia Discovery – Il prologo

Postato da Vlao IL 20 agosto 2015 - 18:07 Aggiungi Commento
Fa un po’ strano partire il 2 Agosto per l’Africa e in una giornata da 38° mettere in valigia sacco a pelo pesante e pile spesso rigorosamente Quechua. Però si narra che in Namibia faccia freddo e Vlao, dopo aver fatto una rapida ricerca su internet, ha consigliato a tutti i partecipanti di attrezzarsi per le rigide notti africane. Viaggio tosto quest’anno, tenda, cucina da campo, tanti chilometri da percorrere, forte escursione termica tra giorno e notte, un bel banco di prova per tutti non c’è che dire. Vlao ha studiato tutto per bene, le variabili in gioco sono molte e oltre ...

Bye bye summer???

Postato da Vlao IL 29 luglio 2015 - 15:19 Aggiungi Commento
Giugno e Luglio sono stati mesi da depliant, il sole e il caldo non sono mancati e non a caso non ho ancora sentito le solite proteste dei bagnini nostrani… perennemente in crisi. In questi due mesi tra, Sirolo, Numana, Mezzavalle, Palombina per non dimenticare i Cancelli romani, Vlao ha incamerato la sua dose annuale di mare e di sole. Tra vecchi compagni rispolverati, vedi Regginball, e nuovi amici saliti alla ribalta e repentinamente caduti in disgrazia, l’ombrellone Tribord, è possibile ritenersi soddisfatti di questa prima parte di estate. Ora però è tempo di fare basta… è ora di preparare la valigia… tra qualche giorno si va ...

Ready for Namibia Discovery

Postato da Vlao IL 9 luglio 2015 - 17:53 Aggiungi Commento
Ormai si può dire... è ufficiale... abbiamo i voli e tutto il resto... Un piccolo scalo nella familiare Istanbul e poi giu fino in fondo, fino al Sud Africa... Johannesburg e poi su verso Windhoek la capitale della Namibia. La nazione con la minore densità abitativa al mondo, seconda solo alla Mongolia, che può offrirci di bello? Non poco direi... l'itinerario è quasi fatto e va dal parco Etosha con i suoi animali, alla natura verdeggiante delle Epupa Falls, ai villaggi Himba, alla Skeleton Coast, al massiccio dello Spitzkoppe, alle dune rosse di Sossusvlei... Tutto questo in tenda... e con cucina da campo. Speriamo che nel gruppo ci sia ...

Jovanotti live @ Stadio Del Conero

Postato da Vlao IL 24 giugno 2015 - 16:54 2 Commenti
Come ben sapete i gusti di Vlao in ambito musicale non sono dei più commerciali. La radio non è la sua fonte di ispirazione e nel corso della sua carriera da musicascoltatore si è sempre più allontanato dalla madre patria. [caption id="attachment_6685" align="alignright" width="300"] Jovanotti live @ Stadio del Conero 20.06.15[/caption] E' proprio difficile trovare tra i suoi ascolti preferiti  cantanti italiani, se si escludono curiose parentesi di nicchia tipo Dente, Colapesce e Le Luci della Centrale Elettrica. E' invece più facile trovarne tra i suoi nemici giurati tra i quali domina incontrastato l'innominabile TZNFRR. Nei confronti di Jovanotti, però, ha avuto sempre una sorta di rispetto perché, perlomeno ...