Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Vasco, Bibione e la scommessa vinta

    Per partecipare alla data zero del tour di Vasco a Lignano Sabbiadoro, Vlao e Martimarti sono stati “costretti” a inventarsi un weekend di relax per ammortizzare i km che separano Ancona dal Friuli Venezia Giulia. Per prima cosa, per spezzare il viaggio di andata, hanno deciso di inserire una tappa a Ferrara, la città della Spal, dove sotto il primo vero caldo estivo si sono girati tutto il centro storico già in fermento per l’incombente e attesissimo palio. Dopo essere passati […]

  • La stagione fantacalcistica 2017-18

    E con il campionato di Serie A va in archivio anche la stagione fantacalcistica 2017-2018. Un’annata ricca di soddisfazioni per le compagini anconetane partecipante alla Master League Fantacalcio (link). Dinamo Erceg ed FC Eliechia sono state entrambe promosse, La Dinamo di Vlao approda per la prima volta in serie A e mette in bacheca la seconda promozione in due anni di iscrizione alla lega. FC Eliachia di Rouge passa invece dalla C alla B con un’annata da incorniciare che la decreta prima squadra […]

  • Il Turchiaraduno anconetano

    Rai4 che mette in onda Mediterraneo è stata la scintilla che ha risvegliato il gruppo whatsapp “no kebab Turchia”. Le immagini di Castellorizo e della sua baia hanno rinfrescato i ricordi del viaggio di 5 anni fa (Turchia Discovery) e, in contemporanea, la voglia di organizzare un nuovo raduno dopo quello ormai mitico di Parigi (Turchiaraduno à Paris). Sta volta, visto lo zoccolo duro marchigiano, rafforzato rispetto al 2013 dall’importazione definitiva di Martimarti e dal ritorno alla base di Mariano, la location prescelta […]

  • Bolivia Cile – Il Salar de Ujuni e il vulcano Tunupa

    Oggi è il giorno dei salares, che uno la Bolivia se la immagina così… una tavola di sale dove scorrazzare senza meta… una distesa bianca e un cielo azzurro. In effetti, abbandonata la “riva” si ha proprio la sensazione di essere in mare aperto, non ci sono piste né tanto meno strade, si viaggia puntando qualcosa all’orizzonte e si naviga dritto per dritto fino a raggiungerlo. Non ci sono onde, il sale essiccato dal sole forma i caratteristici esagoni che accostati […]

  • Unicenozza Insensibile Edition

    Dopo i soliti rinvii abbiamo finalmente quagliato. L’Unicenozza si ripropone in veste bavarese con molta carne al fuoco oltre ai salsicciotti teutonici. Non ci vediamo da tempo, e non abbiamo ancora affrontato temi scottanti di attualità. Tramite l’utilissima chat di whatsapp è stato stilato anche un apposito ordine del giorno per cercare di affrontare i fatti salienti capitati dall’ultima cenozza in poi. Una scaletta di 8 punti tra i quali: Scenario politico italiano e ipotesi di governo; Quadro politico internazionale e riverberi […]

Plata o plomo? Narcos

Postato da Vlao IL 27 settembre 2017 - 17:11 1 Commento

I consigli audiovisivi di Leorol vanno presi con il beneficio d’inventario, dato il ritmo con cui si divora film, uno barra due al giorno, è facile che nel suo repertorio finiscano produzioni di dubbia qualità. Possiamo dire che negli anni i sui criteri di selezione si sono ammorbiditi e se prima si limitava ai film da tre pallini in su… ora è facile che si imbatta in lungometraggi da due, una o addirittura zero palline.

narcos_7uh1Per ovviare a questa inesorabile perdita di qualità, Leorol, con sommo dispiacere di Lorybeth, ha integrato la sua dieta cine-matografica aggiungendo una buona dose di serie TV.

All’inizio ha seguito i consigli di Vlao assumendo razioni importanti di Fargo, True Detective, Leftovers, Gomorra, 1992/93 e poi, piano piano, ha proseguito da solo con la saga di Games of Thrones, Vikings e lo spin off di Breaking Bad, Better Call Saul.

Quindi, tutto sommato, una certa preparazione sull’argomento bisogna riconoscergliela e così Vlao, quando si è sentito consigliare entusiasticamente Narcos, ha deciso di dargli una chances.

La serie Narcos, una delle prime serie TV prodotte in esclusiva per Netflix, ad un primo approccio ha lasciato Vlao e Martimarti un po’ spiazzati davanti allo stile da soap opera argentina delle prime puntate. Sarà per il parlato in buona parte in spagnolo, sarà per le ambientazioni stile telenovela… fatto sta che più di un dubbio era sorto sulla validità del consiglio di Leorol.

Con estremo atto di fede, però, i due sono andati avanti nella visione e, mano a mano che prendevano familiarità con la trascinante sigla (link), sono stati letteralmente rapiti dalle vicissitudini di Pablo Emilio Escobar Gaviria ed hanno divorato le prime due serie in un battibaleno.

Inesorabilmente alcune frasi celebri sono entrate nel quotidiano, “Plata o plomo?” “Malditos Malparidos” “hijo de puta” “Coma mierda” e in previsione della terza serie… buona parte dei sottotitoli potrebbero rilevarsi superflui.

Per chi di voi non si fosse ancora goduto Narcos, questo è un invito a rimediare al più presto e, per non farvi trovare impreparati è caldamente raccomandato seguire questo corso di lingua online, “learn spanish with narcos“… renderà il tutto molto ma molto più facile!

Tuttothai – e per finire Bangkok!

Postato da Vlao IL 5 settembre 2017 - 18:54 Aggiungi Commento

Il taxiboat dei poveri ferma a pochi passi dal nostro hotel e ne approfittiamo per avvicinarci al palazzo reale. La pioggia caduta in mattinata, trasformata in vapore acqueo dal primo sole, rende la giornata ostica anche a turisti grintosi come noi.

Il palazzo reale

Il palazzo reale

A complicare le cose ci pensa la security all’entrata del palazzo che applica la door selection in maniera inflessibile sbattendo la porta in faccia a Matach, Vlao e Davide ed ai loro osceni pantaloncini. Espulsi senza appello, i tre sono costretti ad andare alla boutique appositamente situata davanti all’ingresso per accaparrarsi dei pantaloni alla bragalona con le tipiche fantasie a base di elefanti e palme, ideali per superare lo sbarramento.

Il palazzo è pieno di stranieri e soprattutto di tailandesi, vestiti di nero, che vanno in processione a salutare il sovrano morto ormai da mesi. Non siamo motivati come loro e riusciamo a portare a termine la visita solo grazie ai provvidenziali ventilatori che ogni tanto ci regalano un po’ di aria tiepida.

Una volta giunta l’ora di pranzo, nonostante il clima, non rinunciamo ad una delle ultime abbuffate, ma più che altro è tutta una scusa per stare un po’ all’ombra a sorseggiare qualcosa di fresco, ne abbiamo proprio bisogno.

Corse sfrenate tra le vie di Bangkok

Corse sfrenate tra le vie di Bangkok

Visitiamo Wat Pho con il suo buddha sdraiato e poi ci disperdiamo per la città. Ci ritroviamo in albergo verso l’ora di cena, affittiamo 3 tuk tuk ed iniziamo una corsa all’ultimo sangue per raggiungere in meno tempo possibile la nostra meta, il night market di Khao Sang Road.

I nostri autisti, o meglio piloti, si sfidano sorpassandosi a destra e a sinistra. Escogitando traiettorie impensabili, affrontano le curve a tutto gas e, senza nemmeno una collisione, riescono a portarci sani e salvi a destino.

Scegliamo un bel ristorantino per la cena, che rinomineremo Dal Ratòn per le solite ovvie ragioni, e nell’after-dinner decidiamo di concederci una passeggiata nel mercato a luci rosse di Patpong che raggiungiamo con un’altra adrenalinica corsa in tuk tuk.

La via dello shopping è affollatissima, tra venditori di orologi falsi, bar che somministrano “heavy drink senza documenti” e cartelli che reclamizzano ping pong ed altri sport minori rischiamo di perderci più volte.

Tramonto a Bangkok

Tramonto a Bangkok

Archiviata la curiosa nottata, non ci resta che spendere il nostro ultimo giorno a Bangkok all’insegna degli acquisti compulsivi.

Capitanati da Martimarti, che si sente a casa sua tra le fermate dello Sky train, ci rechiamo al mercato domenicale di Chatuchak dove una sconfinata serie di bancarelle ci attende offrendoci qualsiasi tipo di mercanzia. Dobbiamo spendere i nostri ultimi bath e abbiamo l’imbarazzo della scelta, c’è chi investe tutto il cucuzzaro in strane leccornie ancora inassaggiate, c’è chi cerca disperatamente di fare gli ultimi inutili regali e c’è chi, saggiamente, preferisce mettere da parte le ultime pepite per non restare senza cena.

I chilometri tra le bancarelle si fanno sentire e ci costringono ad un pit stop al parco dove ci stravacchiamo un po’ sulle stuoie sapientemente affittate da Fernet e Alice. Recuperate un po’ le energie ci spostiamo di nuovo con la metro sopraelevata e ci rinfreschiamo dentro ad un mega centro commerciale multipiano.

Ci concediamo un’ultima cena nello stesso posto in cui ci siamo conosciuti 17 giorni fa… una vita sembra passata… in così poco tempo quante cose abbiamo fatto!

Brindiamo con l’ultima Chang ad un viaggio intenso che ci resterà nella memoria e che riusciremo a mettere bene a fuoco solo a casa… riguardando le foto insieme ad amici invitati, loro malgrado, a testare i frutti del mitico corso di cucina thai

TUTTOTHAI 2017

Indice

Episodio 1 Il mercato galleggiante, le cascate di Erawan e le rovine di Ayutthaya link
Episodio 2 In bici a Sukothai e poi rotta verso Chiang Mai link
Episodio 3 Doi Suthep, Masterchef Thailandia e il Trekk link
Episodio 4 Chiang Rai, il White Temple e tutti al mare link
Episodio 5 Il mare delle Andamane, Ko Lanta e Phi Phi link
Episodio 6 Ko Rok e il treno notturno link
Episodio 7 e per finire Bangkok! Sei qui
 Extra Foto Album  link

La Vlao Super Hot Sauce

Postato da Vlao IL 29 agosto 2017 - 16:17 Aggiungi Commento
Quando l’anno scorso hanno assaggiato quel peperoncino giallo Leorol e Vlao non sapevano a cosa andavano in contro. Incuriositi dall’effetto atomico, con una rapida ricerca su internet si è poi scoperto che quello che avevano sulle papille gustative era un Trinidad Scorpion n° 3 nella classifica dei peperoncini più piccanti al mondo. Con 1.300.000 gradi di Scoville si piazzava appena sotto allo spray al peperoncino utilizzato come arma dalla polizia americana! Per rendervi l’idea i “normali” peperoncini calabresi arrivano a 15.000 gradi! [caption id="attachment_7019" align="alignright" width="250"] Il temibile Scorpion Giallo![/caption] Una volta presa coscienza della potenza del frutto incendiario coltivato inconsapevolmente in terrazzo da ...

1905-2017 biancorossi eravamo noi

Postato da Vlao IL 18 agosto 2017 - 18:24 Aggiungi Commento
Siamo abituati a tutto, fallimenti, retrocessioni, fusioni, ne abbiamo passate di cotte e di crude e, bene o male, siamo sempre ripartiti…. ma sta volta no, questa è la parola fine sul calcio ad Ancona, una città di 100.000 abitanti che si ritrova senza uno straccio di squadra e con uno stadio da 20.000 posti che farà la fine del Colosseo nel giro di qualche anno. Ancona è un buco nero per lo sport, inesistente a basket, a pallavolo e ora anche a calcio. Una delusione veramente grossa non poter più tifare orgogliosamente i propri colori. Penso proprio sia uno scandalo ...

Moscioli e Sardoncini… altro che Pad Thai

Postato da Vlao IL 1 agosto 2017 - 15:22 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_6762" align="alignright" width="189"] Moscioli quasi pronti![/caption] Raduno a base di Moscioli e Sardoncini scottadito per i reduci del Tuttothai. Vlao e Martimarti si sono dati un bel po’da fare per organizzare al meglio il weekend alle falde del Monte Conero. Nonostante qualche assenza inevitabile le lusinghe anconetane hanno comunque attirato nelle Marche i ravennati, Davide&Laura ed gli ex-Brexit, ormai rimpatriati, Matach e Littlelaura. Per accogliere gli ospiti, per prima cosa, è stata predisposta una cena in terrazzo con gli invitati usati come cavie dai padroni di casa per testare un sughetto a base di moscioli e pomodorini, una fiamminga di sardoncini ...

Certi Concerti 2017

Postato da Vlao IL 14 luglio 2017 - 17:37 Aggiungi Commento
Prendendo in prestito il nome di un gruppo Facebook nato per ottimizzare i viaggi verso gli eventi live del paese, volevo fare un riassunto della stagione concertistica 2017 che sta andando a gonfie vele con un Vlao in grande spolvero che, assecondato nei suoi piani da Martimarti, ha già messo in bacheca tre bei appuntamenti… cosa che non si vedeva da tempo immemore! Sarà che quest’anno hanno messo piede in Italia praticamente tutti, così in tanti da rendere obbligatoria una dolorosa cernita. Niente di fatto quindi per Eddie Vedder (chissà quando tornerà solista qui da noi… forse sarà più facile rivederlo con ...

Tuttothai – Ko Rok e il treno notturno

Postato da Vlao IL 28 giugno 2017 - 15:28 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_6478" align="alignright" width="300"] Ko Rok[/caption] Oggi potremmo goderci la spiaggia del nostro resort, svegliarci tardi, pranzare comodi, scoprire se la piscina è dolce o salta… e invece no, dato che abbiamo fatto Ko Lanta, facciamo pure Kolantuno. E per l’occasione ci trattiamo bene, salpiamo con un super motoscafo bimotore di quelli che ci sfrecciavano affianco i giorni scorsi e ci dirigiamo verso un’isola sperduta di nome Ko Rok. Le illustrazioni che avevamo visto nei volantini corrispondono a verità e questa volta non c’è nemmeno la folla di Phi Phi. Siamo in un vero paradiso terrestre. Ci dividiamo tra chi si trastulla ...

Una tre giorni di relax enogastronomico

Postato da Vlao IL 8 giugno 2017 - 18:47 Aggiungi Commento
[caption id="attachment_6461" align="alignright" width="300"] La campagna marchigiana[/caption] Passare un weekend tra le colline marchigiane significa anche entrare a contatto con sapori, odori e colori che molto spesso dimentichiamo nelle nostre città. E' una buona scusa per visitare splendidi borghi e assaporare prodotti caratteristici nei luoghi stessi da cui provengono, un fantastico modo per unire in una sola gita natura, cultura e tipicità. In questo periodo poi, l'avanzato stato di primavera rende tutto più colorato e, passare un paio di giorni spensierati in un B&B disperso nella campagna, è l’ideale per staccare un po’ dalla solita routine. Vlao e Martimarti hanno perciò pensato bene di concedersi una vacanzetta ...
Finalmente il mare… il mare delle Andamane! [caption id="attachment_6435" align="alignright" width="200"] La sciarpa multicolor[/caption] Facciamo subito a prendere confidenza con Klong Nin Beach la nostra lunga spiaggia. Ci facciamo immediatamente un tuffo e poi pensiamo alla cena. Di pad thai non ne vogliamo più sentir parlare, abbiamo imparato la ricetta nel corso da masterchef e lo riproporremo a casa a suo tempo, ora siamo più attratti dal pesce! Vlao e Fernet vanno in avanscoperta e si prendono la responsabilità di negoziare per il gruppo. Cercando tra i vari ristoranti scelgono quello il cui banco ittico ha meno mosche degli altri. Dopo una lunga trattativa con il ...