Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Il processo di disintegrazione calcistico

    pallone-sgonfio

    Continua il processo di disintegrazione delle squadre di calcio tifate da Vlao. Dopo l’ennesimo fallimento estivo dell’Ancona, sprofondata dalla serie C alla prima categoria, Vlao pensava di aver toccato il fondo in ambito pallonaro. Il dover pensare che i biancorossi, quest’anno, si trovassero ad affrontare corazzate del calibro di Borgo Minonna, Portuali, e San Biagio è stata una bella tortura. Ma vedere addirittura perdere i dorici in tv con Le Torri Castelplanio (n.d.r. Vlao non ha ancora  abbastanza pelo sullo stomaco per presentarsi allo stadio e tifare Mastronunzio & C.) è […]

  • Xiaomi Mi Vacuum: la governante cinese

    xiaomi robot

    Un nuovo acquisto tecnologico in casa Vlao. Dopo aver contaminato le Marche di cellulari Xiaomi (link) ed essere diventato rappresentante non ufficiale del marchio cinese, con il benestare convinto di Martimarti, è arrivo in casa un ulteriore gadget tecnologico made in PRC. Sta volta l’aggeggio viene in aiuto alla gestione domestica e, nell’idea degli acquirenti, va a sostituire o comunque a dare man forte al mitico e sempre efficace Dirty Devil (link). Si tratta del Mirobot Vacuum un robot aspirapolvere di ultima generazione, gestibile completamente online […]

  • Plata o plomo? Narcos

    pablo-escobar-of-narcos

    I consigli audiovisivi di Leorol vanno presi con il beneficio d’inventario, dato il ritmo con cui si divora film, uno barra due al giorno, è facile che nel suo repertorio finiscano produzioni di dubbia qualità. Possiamo dire che negli anni i sui criteri di selezione si sono ammorbiditi e se prima si limitava ai film da tre pallini in su… ora è facile che si imbatta in lungometraggi da due, una o addirittura zero palline. Per ovviare a questa inesorabile perdita […]

  • Tuttothai – e per finire Bangkok!

    Corse sfrenate tra le vie di Bangkok

    Il taxiboat dei poveri ferma a pochi passi dal nostro hotel e ne approfittiamo per avvicinarci al palazzo reale. La pioggia caduta in mattinata, trasformata in vapore acqueo dal primo sole, rende la giornata ostica anche a turisti grintosi come noi. A complicare le cose ci pensa la security all’entrata del palazzo che applica la door selection in maniera inflessibile sbattendo la porta in faccia a Matach, Vlao e Davide ed ai loro osceni pantaloncini. Espulsi senza appello, i tre sono […]

  • La Vlao Super Hot Sauce

    spicy-logo@2x

    Quando l’anno scorso hanno assaggiato quel peperoncino giallo Leorol e Vlao non sapevano a cosa andavano in contro. Incuriositi dall’effetto atomico, con una rapida ricerca su internet si è poi scoperto che quello che avevano sulle papille gustative era un Trinidad Scorpion n° 3 nella classifica dei peperoncini più piccanti al mondo. Con 1.300.000 gradi di Scoville si piazzava appena sotto allo spray al peperoncino utilizzato come arma dalla polizia americana! Per rendervi l’idea i “normali” peperoncini calabresi arrivano a […]

Arancini di carnevale all’anconetana

Postato da Vlao IL 24 febbraio 2017 - 12:48 Aggiungi Commento

Quando Vlao sente parlare di carnevale non pensa come la maggior parte delle persone alle maschere, ai coriandoli e ai carri allegorici… per lui la parola carnevale corrisponde esattamente ad un vassoio pieno di castagnole e di zeppole appena sfornate.

Appena le sue orecchie captano nell’aria le sillabe car ne va le istantaneamente la sua mente genera l’odore del fritto, la sensazione dello zucchero in bocca e la soddisfazione del deglutimento tipico degli abbuffamenti carnevaleschi.

L’effetto però, puramente psichico, ha la durata limitata di un nanosecondo e il repentino ritorno alla realtà diventa estremamente doloroso.

aranciniPer evitare di affrontare questo trauma quest’anno in casaVlao si è deciso di azzardare la realizzazione del tipico dolce carnevalesco anconetano, i cosiddetti arancini.

Vlao e Martimarti, dopo una minuziosa ricerca in rete e su youtube, hanno assemblato la ricetta di questa sorta di stella filante culinaria.

L’unione di inesperte mani ed ingredienti genuini ha creato la pasta, che poi è stata stesa a sfoglia, disseminata di farcitura agrumata e tramutata in graziose rotelline che sono finite, mano a mano, nell’olio bollente impestando casa per giorni e giorni.

Alla fine dell’esperimento il risultato è stato più che dignitoso, certo la maestria nell’uso del mattarello è quello che è, ma quello che conta è che il piatto finito si possa qualificare senza ombra di dubbio come Arancino di Carnevale all’Anconentana.

Qui di seguito riportiamo la ricetta per renderla immortale e per far si che il prossimo anno la premiata ditta del grand gourmet Vlao&Martimarti possa riproporre la leccornia con il medesimo risultato di successo!

LA RICETTA

Ingredienti:

  • 1 uovo
  • 25g di lievito di birra
  • 25g di burro
  • 1 bicchiere di latte tiepido
  • 200g di zucchero
  • scorza grattugiata di 2 arance e 1 limone
  • farina q.b.

Preparare l’impasto dopo aver sciolto il burro in un pentolino e sciolto il lievito di birra nel latte tiepido. Sulla tavola preparare la fontana di farina mettendoci prima l’uovo e poi tutti gli altri ingredienti (burro e latte). Lavorare la pasta (con maestria) fino a che non raggiunge una consistenza elastica. Ottenuto un impasto morbido lasciarlo riposare per una mezz’oretta.

Nel frattempo grattare la buccia delle arance e del limone facendo attenzione a non asportare troppa “parte bianca”. Mescolare la buccia grattugiata con lo zucchero.

Ora è giunto il momento fatidico di stendere la pasta, munitevi del mattarello e create una sfoglia non troppo sottile (aggiungendo un po’ di farina in caso di necessità) ed evitando di creare squarci e buchi tipici dei dilettanti.

Cospargere omogeneamente la sfoglia con il mix di zucchero e bucce di agrumi. Arrotolare la sfoglia su se stessa e tagliarla a rondelle di circa un centimetro di spessore.

Friggere le girelle in abbondante olio di semi già portato a temperatura. Una volta fritte anche lo zucchero si sarà caramellato. Scolare gli arancini e metterli in un piatto senza utilizzare la carta scottex che altrimenti rimarrebbe incollata 😉

Aggiungere una spolverata di zucchero sopra e gustare la prelibatezza anche fredda. Mi raccomando dopo la frittura, ricordate di aerare il locale prima di soggiornarvi 🙂

 

 

Il trenino del Bernina

Postato da Vlao IL 8 febbraio 2017 - 20:09 Aggiungi Commento
Tenino del Bernina 2017-088

Il trenino rosso spicca tra la neve

Per stemperare la snervante attesa che, come da copione, precede la formazione del gruppo per ogni viaggio in partenza con Avventure del Mondo, Vlao e Martimarti hanno deciso di sfruttare il generoso regalo natalizio di Lorilou e prenotare un weekend a Tirano a base di trenino rosso del Bernina.

Una tre giorni in Valtellina alla scoperta dell’affascinante strada ferrata che dai confini italiani porta su su fino a St. Morriz.

Un fine settimana fatto di binari che partono da Ancona e si snodano fino alla stazione centrale di Milano da dove, dopo una lieve deviazione, puntano dritti e paralleli fino a Tirano dove si fermano al confine con la Svizzera. Da qui in poi i ritardi e i disguidi di Trenitalia e Trenord sono sostituiti dalla puntualità e dall’efficienza della Ferrovia Retica.

Oltrepassata la dogana il mitico trenino rosso attende gli avventori e, con una precisione degna di un orologio chiaramente svizzero, offre la possibilità di arrampicarsi fino ai 2.091 metri della stazione di Alp Grüm per poi scollinare e raggiungere la rinomata St. Moritz che, con il suo lago interamente gelato, accoglie ricconi e meno abbienti alla stessa maniera… con una scala mobile che invita i primi ad entrare dentro i negozi luccicanti e lascia i secondi impalati davanti alle vetrine piene di mercanzie intoccabili.

Tenino del Bernina 2017-065

Mano a mano che si sale il bianco prende campo

Vlao e Martimarti fanno giusto un pensierino alla tazza in rame da Moscow Mule ma il negozio è chiuso e, inoltre, il prezzo di 15 franchi svizzeri è un incognita visto il cambio forex sconosciuto.

Fatto il giro a St. Morriz i due sono risaliti sul trenino che, procedendo in direzione inversa rispetto all’andata, li ha scaricati alla stazione di Pontresina dove Lorilou aveva segnalato la possibilità di godersi una spassosa escursione in carrozza verso uno sperduto chalet.

Al punto di partenza della strada innevata la cocchiera, nello sparare il prezzo di 120 franchi per la tratta di sola andata, non sembra nemmeno arrossire un po’, mentre Vlao e Martimarti sbiancano palesemente e, dopo qualche secondo di inspiegabile esitazione, decidono di proseguire a piedi e di destinare il budget richiesto ad un’altra finalità, magari mangereccia.

I sette chilometri che li dividevano dal rifugio si sono però rilevati lunghissimi e la neve, che è cominciata a cadere durante il tragitto, ha reso la passeggiata una vera e propria sfacchinata. Stringendo i denti e seguendo le cacate di cavallo sulla coltre bianca, i due hanno però continuato imperterriti la spedizione polare fino all’avvistamento dell’agognato casale!

All’interno della baita li attendeva una sorta di mensa che serviva cibi malsani a prezzi esorbitanti tra i quali la scelta è ricaduta su di un enorme wurstel bianco accompagnato da pane o da patate rigorosamente surgelate.

Tenino del Bernina 2017-129

La carrozza dei poveri scortata dal cane guida

Finito di rifocillarsi i nostri sono passati immediatamente al loro secondo obiettivo, trovare uno strappo per tornare indietro vivi e vegeti. Fuori dal rifugio la cocchiera da 120 franchi era li che li aspetta con un ghigno beffardo, ma fortunatamente c’era anche una carrozza per poveri, dotata di tre cavalli e trainante un carretto da 12 posti di cui 2 provvidenzialmente liberi!

Il ritorno al trotto, sotto un cielo azzurro ripulito dalle nuvole, ha consentito ai nostri di arrivare in stazione con energie vitali idonee ad affrontare l’ultima tratta di ferrovia verso Tirano senza stramazzare esanimi nei comodi sedili della carrozza rossa.

Una pessima cena, lontana parente di quella memorabile del giorno prima a base di taroz e chiscioi, ha concluso il breve soggiorno in Valtellina.

Con l’ultima colazione nell’accogliente B&B de la tour, è iniziato il piano di ritorno che ha anche incluso una rapida visita ad una uggiosa Milano dove i reduci laotiani, nonché srilankesi, Mrs. Postamat e Mr.Linux hanno svolto egregiamente il loro ruolo di ciceroni abbinando sapientemente al Duomo e alla Galleria una mastodontica cotoletta alla milanese per concludere alla grande la gita fuori porta.

 

 

Top of the Rock ’16

Postato da Vlao IL 18 gennaio 2017 - 17:50 Aggiungi Commento
top-of-the-rock2016 Il 2016 è stato ricco di uscite per gruppi e cantanti tra i preferiti di Vlao. Alcuni di loro hanno rispettato le attese e sono ormai delle garanzie, vedi Radiohead e Mogwai, altri hanno un po' deluso, ma forse erano le aspettative ad essere troppo alte, vedi Bon Iver e in parte James Blake, altri ancora hanno steccato di brutto non meritandosi nemmeno la menzione nella top 10 e Vlao teme che abbiano imboccato irreversibilmente la via del declino, Dente su tutti. La classifica stilata qui sotto, come sempre, è insindacabile e definitiva, Vlao accetta consigli su eventuali sviste, ma non ammette ricorsi al ...

Lenticchiamo in bisca

Postato da Vlao IL 7 gennaio 2017 - 17:30 Aggiungi Commento
bisca-clandenstina Che ne dite di una bella lenticchiata con bisca incorporata per onorare come si deve la befana? Un'ottima idea, senza dubbio, basta infatti una rapida convocazione via whatsup al gruppo "moscioliamo n'altra volta" per far arrivare una valanga di adesioni! Vlao sinceramente sperava in qualche defezione, ma a parte chi si trova dall'altra parte del mondo tutti, ma proprio tutti, danno l'ok e la schiera di commensali arriva in men che non si dica alla doppia cifra. Ma non c'è problema, il pentolone king size c'è, la lenticchia pure e, con la consulenza della tutor Lorybeth, per Martimarti mettere insieme costolette, anzi spuntature, salsicce e gli altri ingredienti è una mera formalità. Nel frattempo Vlao ...

2016 l’anno in blog

Postato da Vlao IL 2 gennaio 2017 - 17:31 Aggiungi Commento
2016 Che bello il 2016... magari tutti gli anni fossero così! Se gli chiedete cosa si ricorderà tra vent'anni dell'anno trascorso, Vlao non ha dubbi. La data storica che entra di diritto negli annali è il 6 marzo 2016, giorno della lunga attraversata che ha portato definitivamente Martimarti ad Ancona.  Martimarti e la nuova residenza: 06.03.2016 sedili abbattuti, serbatoio a metà, Radio Italia a palla, Martimarti coast-to-coast. A quell'epoca il 2016 si prospettava un anno pieno di incognite, con la nuova vita a due da collaudare, con il futuro lavoro per Martimarti da trovare, e tutta una lunga serie di variabili che impedivano di fare pronostici ...

La mafia uccide solo d’estate

Postato da Vlao IL 21 dicembre 2016 - 17:10 Aggiungi Commento
la-mafia-uccide-solo-d-estate-serie-tv Vlao è sempre un po’ prevenuto, quando guarda un film e tra i titoli iniziali vede quel pannello blu con rai cinema scritto in bianco sa già che ha molte probabilità di trovarsi di fronte al solito film insulso italiano. Il 90% delle volte quel pannello porta direttamente alla solita commediuccia senza il minimo di spessore, con i soliti attori che si riciclano facendo la solita minestra. Ma a volte c'è anche la remota possibilità che nasconda una insperata sorpresa. Una sorpresa, come La mafia uccide solo d’estate, esordio in cellulosa di Pif, la iena che ha deciso di portare sul grande schermo la sua infanzia, ...

Christmas tree

Postato da Vlao IL 8 dicembre 2016 - 13:16 Aggiungi Commento
alberi_di_natale Come ogni anno è arrivato Natale ed è ora di fare l’albero. Il simbolo della festa per eccellenza, quello che non può mancare in ogni casa che si rispetti… dove mettete i regali se no??? Più o meno tutti lo fanno… c'è chi ricicla sempre il solito conservato in cantina sotto le pinne, la maschera e il materassino da mare, chi ogni anno compra quello mini già confezionato al supermercato, chi va a spasso al mare e cerca un legno che possa adattarsi allo scopo o chi addirittura va direttamente nel bosco ed estirpa un pino secolare da piazzare in salotto e appesantire con ...

A.A.A. Vigorsol Reset cercasi disperatamente

Postato da Vlao IL 23 novembre 2016 - 16:42 4 Commenti
vigorsol-reset Lo so… internet è pieno di appelli, molti dei quali io stesso snobbo sistematicamente, ma sta volta la situazione è diversa. Sembra che da un giorno all’altro le forniture di Vigorsol Reset della provincia di Ancona siano state stoppate. Tutti i rivenditori, bar, supermercati, tabacchi, metanari, negozi cinesi hanno finito le scorte delle mitiche mini cingomme. No c'è verso di trovare sul mercato quelle scatolette blu da 50 micro pezzi l’una di cui Leorol non riesce più a fare a meno da quando ha smesso di fumare. Vlao e Martimarti si sono occupati di estendere la ricerca di mercato anche a Roma, ma la stessa ...

A cena con… chi c’è c’è

Postato da Vlao IL 13 novembre 2016 - 13:33 Aggiungi Commento
cena-chi-ce-ce-big Ci sono voluti due anni a organizzare un cena reunion post universitaria. Le lunghe sessioni di Whatsapp non hanno mai portato a risultati degni di nota... con Danco depresso, Bartelt troppo impegnato nella carriera lavorativa, con Zizza preso dagli allenamenti per le vecchie glorie, con Danske ancora distratto dall'università, con Greg desaparecido e Vlao per niente curioso di rivedere Anto80 nel suo stato di passivo cinquantenne... era difficile riuscire ad organizzare un meeting degno dei vecchi tempi. Sono ormai lontani i fasti del Santa Monica quando, appena usciti da Villarey, i sette disquisivano animatamente sul futuro lavorativo prossimo venturo (working progress)... all'epoca, dati gli scarsi ...