Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • La Vlao Super Hot Sauce

    spicy-logo@2x

    Quando l’anno scorso hanno assaggiato quel peperoncino giallo Leorol e Vlao non sapevano a cosa andavano in contro. Incuriositi dall’effetto atomico, con una rapida ricerca su internet si è poi scoperto che quello che avevano sulle papille gustative era un Trinidad Scorpion n° 3 nella classifica dei peperoncini più piccanti al mondo. Con 1.300.000 gradi di Scoville si piazzava appena sotto allo spray al peperoncino utilizzato come arma dalla polizia americana! Per rendervi l’idea i “normali” peperoncini calabresi arrivano a […]

  • Random Post: Kultura Musicale

    Muse-Showbiz

    Conoscete Simona? Simona Ventura… quella che con Ics-Fattore scopre nuovi talenti… dà i voti… boccia e promuove cantanti o aspiranti tali… si quella lì… avete capito. Bè insomma saprete che conduce anche una trasmissione alla domenica pomeriggio… una trasmissione sportiva (???)… Quelli Che qualcosa mi pare si chiami… bhè insomma… in questa trasmissione invitano ogni tanto gruppi a suonare… rigorosamente in playback… Domenica scorsa… beneficiari della chiamata erano i Muse… un gruppo rock inglese… non proprio di nicchia diciamo… bhè la Simona… […]

  • 1905-2017 biancorossi eravamo noi

    vecchio-pallone-da-calcio-sgonfio

    Siamo abituati a tutto, fallimenti, retrocessioni, fusioni, ne abbiamo passate di cotte e di crude e, bene o male, siamo sempre ripartiti…. ma sta volta no, questa è la parola fine sul calcio ad Ancona, una città di 100.000 abitanti che si ritrova senza uno straccio di squadra e con uno stadio da 20.000 posti che farà la fine del Colosseo nel giro di qualche anno. Ancona è un buco nero per lo sport, inesistente a basket, a pallavolo e […]

  • Moscioli e Sardoncini… altro che Pad Thai

    mezza copertina

    Raduno a base di Moscioli e Sardoncini scottadito per i reduci del Tuttothai. Vlao e Martimarti si sono dati un bel po’da fare per organizzare al meglio il weekend alle falde del Monte Conero. Nonostante qualche assenza inevitabile le lusinghe anconetane hanno comunque attirato nelle Marche i ravennati, Davide&Laura ed gli ex-Brexit, ormai rimpatriati, Matach e Littlelaura. Per accogliere gli ospiti, per prima cosa, è stata predisposta una cena in terrazzo con gli invitati usati come cavie dai padroni di […]

  • Certi Concerti 2017

    the xx

    Prendendo in prestito il nome di un gruppo Facebook nato per ottimizzare i viaggi verso gli eventi live del paese, volevo fare un riassunto della stagione concertistica 2017 che sta andando a gonfie vele con un Vlao in grande spolvero che, assecondato nei suoi piani da Martimarti, ha già messo in bacheca tre bei appuntamenti… cosa che non si vedeva da tempo immemore! Sarà che quest’anno hanno messo piede in Italia praticamente tutti, così in tanti da rendere obbligatoria una dolorosa […]

  • Tuttothai – Ko Rok e il treno notturno

    Tuttothai-1094-tuktuk

    Oggi potremmo goderci la spiaggia del nostro resort, svegliarci tardi, pranzare comodi, scoprire se la piscina è dolce o salta… e invece no, dato che abbiamo fatto Ko Lanta, facciamo pure Kolantuno. E per l’occasione ci trattiamo bene, salpiamo con un super motoscafo bimotore di quelli che ci sfrecciavano affianco i giorni scorsi e ci dirigiamo verso un’isola sperduta di nome Ko Rok. Le illustrazioni che avevamo visto nei volantini corrispondono a verità e questa volta non c’è nemmeno la […]

Tuttothai – e per finire Bangkok!

Postato da Vlao IL 5 settembre 2017 - 18:54 Aggiungi Commento

Il taxiboat dei poveri ferma a pochi passi dal nostro hotel e ne approfittiamo per avvicinarci al palazzo reale. La pioggia caduta in mattinata, trasformata in vapore acqueo dal primo sole, rende la giornata ostica anche a turisti grintosi come noi.

Il palazzo reale

Il palazzo reale

A complicare le cose ci pensa la security all’entrata del palazzo che applica la door selection in maniera inflessibile sbattendo la porta in faccia a Matach, Vlao e Davide ed ai loro osceni pantaloncini. Espulsi senza appello, i tre sono costretti ad andare alla boutique appositamente situata davanti all’ingresso per accaparrarsi dei pantaloni alla bragalona con le tipiche fantasie a base di elefanti e palme, ideali per superare lo sbarramento.

Il palazzo è pieno di stranieri e soprattutto di tailandesi, vestiti di nero, che vanno in processione a salutare il sovrano morto ormai da mesi. Non siamo motivati come loro e riusciamo a portare a termine la visita solo grazie ai provvidenziali ventilatori che ogni tanto ci regalano un po’ di aria tiepida.

Una volta giunta l’ora di pranzo, nonostante il clima, non rinunciamo ad una delle ultime abbuffate, ma più che altro è tutta una scusa per stare un po’ all’ombra a sorseggiare qualcosa di fresco, ne abbiamo proprio bisogno.

Corse sfrenate tra le vie di Bangkok

Corse sfrenate tra le vie di Bangkok

Visitiamo Wat Pho con il suo buddha sdraiato e poi ci disperdiamo per la città. Ci ritroviamo in albergo verso l’ora di cena, affittiamo 3 tuk tuk ed iniziamo una corsa all’ultimo sangue per raggiungere in meno tempo possibile la nostra meta, il night market di Khao Sang Road.

I nostri autisti, o meglio piloti, si sfidano sorpassandosi a destra e a sinistra. Escogitando traiettorie impensabili, affrontano le curve a tutto gas e, senza nemmeno una collisione, riescono a portarci sani e salvi a destino.

Scegliamo un bel ristorantino per la cena, che rinomineremo Dal Ratòn per le solite ovvie ragioni, e nell’after-dinner decidiamo di concederci una passeggiata nel mercato a luci rosse di Patpong che raggiungiamo con un’altra adrenalinica corsa in tuk tuk.

La via dello shopping è affollatissima, tra venditori di orologi falsi, bar che somministrano “heavy drink senza documenti” e cartelli che reclamizzano ping pong ed altri sport minori rischiamo di perderci più volte.

Tramonto a Bangkok

Tramonto a Bangkok

Archiviata la curiosa nottata, non ci resta che spendere il nostro ultimo giorno a Bangkok all’insegna degli acquisti compulsivi.

Capitanati da Martimarti, che si sente a casa sua tra le fermate dello Sky train, ci rechiamo al mercato domenicale di Chatuchak dove una sconfinata serie di bancarelle ci attende offrendoci qualsiasi tipo di mercanzia. Dobbiamo spendere i nostri ultimi bath e abbiamo l’imbarazzo della scelta, c’è chi investe tutto il cucuzzaro in strane leccornie ancora inassaggiate, c’è chi cerca disperatamente di fare gli ultimi inutili regali e c’è chi, saggiamente, preferisce mettere da parte le ultime pepite per non restare senza cena.

I chilometri tra le bancarelle si fanno sentire e ci costringono ad un pit stop al parco dove ci stravacchiamo un po’ sulle stuoie sapientemente affittate da Fernet e Alice. Recuperate un po’ le energie ci spostiamo di nuovo con la metro sopraelevata e ci rinfreschiamo dentro ad un mega centro commerciale multipiano.

Ci concediamo un’ultima cena nello stesso posto in cui ci siamo conosciuti 17 giorni fa… una vita sembra passata… in così poco tempo quante cose abbiamo fatto!

Brindiamo con l’ultima Chang ad un viaggio intenso che ci resterà nella memoria e che riusciremo a mettere bene a fuoco solo a casa… riguardando le foto insieme ad amici invitati, loro malgrado, a testare i frutti del mitico corso di cucina thai

TUTTOTHAI 2017

Indice

Episodio 1 Il mercato galleggiante, le cascate di Erawan e le rovine di Ayutthaya link
Episodio 2 In bici a Sukothai e poi rotta verso Chiang Mai link
Episodio 3 Doi Suthep, Masterchef Thailandia e il Trekk link
Episodio 4 Chiang Rai, il White Temple e tutti al mare link
Episodio 5 Il mare delle Andamane, Ko Lanta e Phi Phi link
Episodio 6 Ko Rok e il treno notturno link
Episodio 7 e per finire Bangkok! Sei qui
 Extra Foto Album  link

Random Post: La cerimonia

Postato da Vlao IL 25 luglio 2011 - 20:46 2 Commenti

Greg è il più teso di fronte alla responsabilità di testimoniare, lo si vede ad occhio nudo, tant’è vero che decide di presentarsi a casa di Vlao con netto anticipo sulla tabella di marcia, con lo sfacciato intento di gustarsi in tranquillità un bel negroni e avere tutto il tempo per agghindarsi a festa.

duomo san ciriacoLa procedura della vestizione non è cosa così semplice e a complicare il tutto si aggiunge: uno la mancanza di personale qualificato ad annodare la cravatta; due un manuale che spieghi dettagliatamente il luogo dell’apposizione della coccarda. Confidando sull’arrivo di Danske, si temporeggia… forse un po’ troppo… ma quando ad un tratto il montorese si materializza la situazione si sblocca immediatamente. Con la maestria che solo un dottore commercialista può avere, risolve il nodo cravatta. Mentre per l’apposizione della coccarda, dopo un breve conciliabolo, ci si accorda per una localizzazione a metà strada tra il taschino e l’occhiello.

Vestiti di tutto punto ci rimane solo il trasferimento al duomo dove una volta verificata la nostra ubicazione ci adoperiamo per trovare una sedia per il testimone ombra.

La cerimonia inizia, e il tepore dei riflettori si fa subito sentire. La disposizione in scala decrescente punisce oltremodo Greg, che dall’alto del suo metro e novanta si staglia scultoreo e ripara parzialmente Vlao e Danske dai raggi UVA.

Il prete non è severo, ma esigente e non risparmia stoccate al fotografo Astolfi, suo acerrimo nemico, e a chiunque osi disturbare la sua opera di catechizzazione. Per fortuna Leorol viene a contatto solo con il sagrestano che lo allontana a causa della sua tenuta tecnica non omologata, questo però non gli impedisce di portare a termine il suo reportage, ma lo costringe ad ogni modo a cambiare navata. Anche i testimoni rischiano grosso quando tra i santi che pregano per noi, oltre a Gioacchino e Anna di Roma e Aquila e Priscilla collaboratori di San Paolo, si aggiunge Santa Monica (link) che per poco non fa scatenare la risarella generale. Per fortuna Vlao riesce a non incrociare lo sguardo di Greg e Danske e, nel giro di una decina di minuti, tutto torna alla normalità.

sposiLa messa scorre lenta come una colata lavica e dopo aver sfondato il muro dei sessanta minuti si concretizza finalmente nell’unione religiosa e civile.

Ora possono iniziare i festeggiamenti e mentre Astolfi porta in giro Nico e Bartelt per le foto di rito, gli invitati si fiondano a Portonovo dove li aspetta la grande abbuffata. Ritagliandosi una sosta a casa Vlao per un negroni, anche i testimoni e Gianna si proiettano alla Fonte dove con il Cometa, Bratz, Sasù, Zander, Anto80 e Danco andranno a formare il tavolo dei Facoceri.

La cena a base di pesce soddisfa l’adunata, anche grazie alla corruzione del cameriere che porta sempre i suoi frutti… di mare. A fine pasto solo i migliori, mai domi, osano spostarsi nella zona piscina per degustare un orrido moijto e finire la serata in bellezza scannandosi al bigliardino (Torrette 3,5 – Riò della fettina 0,5 il tutto per dovere di cronaca).

Alla fine, baci, abbracci e saluti ai neo sposi pronti alla partenza per il viaggio di nozze, Tanzania Mauritius, luoghi in cui però, ne siamo sicuri, non avvisteranno facoceri del calibro di quelli di questa sera, nemmeno col binocolo!

La Vlao Super Hot Sauce

Postato da Vlao IL 29 agosto 2017 - 16:17 Aggiungi Commento
spicy-logo@2x Quando l’anno scorso hanno assaggiato quel peperoncino giallo Leorol e Vlao non sapevano a cosa andavano in contro. Incuriositi dall’effetto atomico, con una rapida ricerca su internet si è poi scoperto che quello che avevano sulle papille gustative era un Trinidad Scorpion n° 3 nella classifica dei peperoncini più piccanti al mondo. Con 1.300.000 gradi di Scoville si piazzava appena sotto allo spray al peperoncino utilizzato come arma dalla polizia americana! Per rendervi l’idea i “normali” peperoncini calabresi arrivano a 15.000 gradi! [caption id="attachment_7019" align="alignright" width="250"] Il temibile Scorpion Giallo![/caption] Una volta presa coscienza della potenza del frutto incendiario coltivato inconsapevolmente in terrazzo da ...

1905-2017 biancorossi eravamo noi

Postato da Vlao IL 18 agosto 2017 - 18:24 Aggiungi Commento
vecchio-pallone-da-calcio-sgonfio Siamo abituati a tutto, fallimenti, retrocessioni, fusioni, ne abbiamo passate di cotte e di crude e, bene o male, siamo sempre ripartiti…. ma sta volta no, questa è la parola fine sul calcio ad Ancona, una città di 100.000 abitanti che si ritrova senza uno straccio di squadra e con uno stadio da 20.000 posti che farà la fine del Colosseo nel giro di qualche anno. Ancona è un buco nero per lo sport, inesistente a basket, a pallavolo e ora anche a calcio. Una delusione veramente grossa non poter più tifare orgogliosamente i propri colori. Penso proprio sia uno scandalo ...

Moscioli e Sardoncini… altro che Pad Thai

Postato da Vlao IL 1 agosto 2017 - 15:22 Aggiungi Commento
mezza copertina [caption id="attachment_6762" align="alignright" width="189"] Moscioli quasi pronti![/caption] Raduno a base di Moscioli e Sardoncini scottadito per i reduci del Tuttothai. Vlao e Martimarti si sono dati un bel po’da fare per organizzare al meglio il weekend alle falde del Monte Conero. Nonostante qualche assenza inevitabile le lusinghe anconetane hanno comunque attirato nelle Marche i ravennati, Davide&Laura ed gli ex-Brexit, ormai rimpatriati, Matach e Littlelaura. Per accogliere gli ospiti, per prima cosa, è stata predisposta una cena in terrazzo con gli invitati usati come cavie dai padroni di casa per testare un sughetto a base di moscioli e pomodorini, una fiamminga di sardoncini ...

Certi Concerti 2017

Postato da Vlao IL 14 luglio 2017 - 17:37 Aggiungi Commento
the xx Prendendo in prestito il nome di un gruppo Facebook nato per ottimizzare i viaggi verso gli eventi live del paese, volevo fare un riassunto della stagione concertistica 2017 che sta andando a gonfie vele con un Vlao in grande spolvero che, assecondato nei suoi piani da Martimarti, ha già messo in bacheca tre bei appuntamenti… cosa che non si vedeva da tempo immemore! Sarà che quest’anno hanno messo piede in Italia praticamente tutti, così in tanti da rendere obbligatoria una dolorosa cernita. Niente di fatto quindi per Eddie Vedder (chissà quando tornerà solista qui da noi… forse sarà più facile rivederlo con ...

Tuttothai – Ko Rok e il treno notturno

Postato da Vlao IL 28 giugno 2017 - 15:28 Aggiungi Commento
Tuttothai-1094-tuktuk [caption id="attachment_6478" align="alignright" width="300"] Ko Rok[/caption] Oggi potremmo goderci la spiaggia del nostro resort, svegliarci tardi, pranzare comodi, scoprire se la piscina è dolce o salta… e invece no, dato che abbiamo fatto Ko Lanta, facciamo pure Kolantuno. E per l’occasione ci trattiamo bene, salpiamo con un super motoscafo bimotore di quelli che ci sfrecciavano affianco i giorni scorsi e ci dirigiamo verso un’isola sperduta di nome Ko Rok. Le illustrazioni che avevamo visto nei volantini corrispondono a verità e questa volta non c’è nemmeno la folla di Phi Phi. Siamo in un vero paradiso terrestre. Ci dividiamo tra chi si trastulla ...

Una tre giorni di relax enogastronomico

Postato da Vlao IL 8 giugno 2017 - 18:47 Aggiungi Commento
Abazia-di-fiastra-1 [caption id="attachment_6461" align="alignright" width="300"] La campagna marchigiana[/caption] Passare un weekend tra le colline marchigiane significa anche entrare a contatto con sapori, odori e colori che molto spesso dimentichiamo nelle nostre città. E' una buona scusa per visitare splendidi borghi e assaporare prodotti caratteristici nei luoghi stessi da cui provengono, un fantastico modo per unire in una sola gita natura, cultura e tipicità. In questo periodo poi, l'avanzato stato di primavera rende tutto più colorato e, passare un paio di giorni spensierati in un B&B disperso nella campagna, è l’ideale per staccare un po’ dalla solita routine. Vlao e Martimarti hanno perciò pensato bene di concedersi una vacanzetta ...
Tuttothai-09401080 Finalmente il mare… il mare delle Andamane! [caption id="attachment_6435" align="alignright" width="200"] La sciarpa multicolor[/caption] Facciamo subito a prendere confidenza con Klong Nin Beach la nostra lunga spiaggia. Ci facciamo immediatamente un tuffo e poi pensiamo alla cena. Di pad thai non ne vogliamo più sentir parlare, abbiamo imparato la ricetta nel corso da masterchef e lo riproporremo a casa a suo tempo, ora siamo più attratti dal pesce! Vlao e Fernet vanno in avanscoperta e si prendono la responsabilità di negoziare per il gruppo. Cercando tra i vari ristoranti scelgono quello il cui banco ittico ha meno mosche degli altri. Dopo una lunga trattativa con il ...

Passo del Lupo for dummies

Postato da Vlao IL 9 maggio 2017 - 17:15 Aggiungi Commento
Passo-del-lupo-for-dummies-cover Il Passo del Lupo è il nome di uno dei tanti sentieri che solcano il monte Conero, per la precisione il sentiero n. 2 che dal cimitero di Sirolo porta alla spiaggia delle Due Sorelle attraverso un percorso panoramico veramente spettacolare. Un anconetano doc che non lo ha mai percorso (come Vlao prima del 25 Aprile) deve fare solo ammenda, è come un romano che non è mai entrato al Colosseo (ogni riferimento è puramente casuale...), è proprio un’onta che va obbligatoriamente cancellata. Scendere alla Spiaggia delle Due Sorelle passando per il monte è tutta un’altra storia rispetto ad attraccarvi col “barcone” estivo. Anche se ...