Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Top of the Rock ’16

    top-of-the-rock2016

    Il 2016 è stato ricco di uscite per gruppi e cantanti tra i preferiti di Vlao. Alcuni di loro hanno rispettato le attese e sono ormai delle garanzie, vedi Radiohead e Mogwai, altri hanno un po’ deluso, ma forse erano le aspettative ad essere troppo alte, vedi Bon Iver e in parte James Blake, altri ancora hanno steccato di brutto non meritandosi nemmeno la menzione nella top 10 e Vlao teme che abbiano imboccato irreversibilmente la via del declino, Dente su tutti. La classifica stilata qui sotto, come sempre, è insindacabile e definitiva, Vlao accetta consigli su eventuali sviste, ma non ammette ricorsi al TAR. Vi invita inoltre a non lamentarvi della mancanza di italiani nella chart…

  • Random Post: Non ce salva manco Bombi !?

    ancona stemma

    L’esperto di mercato marchigiano Baletta mi dava già ieri per esonerato mister BayernMonaco… sul suo successore solo voci… Vierchowod, Oddo, LaBagala. Poi alla sera dò un’occhiata su internet e scopro che alla guida della nave (che affonda???) ci sarà un tale Salvioni per le prossime decisive 4 partite. Non avendolo mai sentito nominare… faccio una rapida ricerca so gooogle… e scopro le sua carriera e le sue principali caratteristiche descritte sul sito dell’Hellas Verona ultima squadra che ha allenato 5 anni orsono… tra […]

  • Lenticchiamo in bisca

    bisca-clandenstina

    Che ne dite di una bella lenticchiata con bisca incorporata in onore della befana? Un’ottima idea, senza dubbio, basta infatti una rapida convocazione via whatsup sul gruppo “moscioliamo n’altra volta” per far arrivare una valanga di adesioni! Vlao sinceramente sperava in qualche defezione, ma a parte chi si trova dall’altra parte del mondo tutti gli altri danno l’ok e la schiera di commensali arriva in men che non si dica in doppia cifra.

  • 2016 l’anno in blog

    2016

    Che bello il 2016… magari tutti gli anni fossero così! Se gli chiedete cosa si ricorderà tra vent’anni dell’anno trascorso, Vlao non ha dubbi, la data storica che entra di diritto negli annali è il 6 marzo 2016, giorno della lunga attraversata che ha portato definitivamente Martimarti ad Ancona. A quell’epoca il 2016 si prospettava un anno pieno di incognite, con la nuova vita a due da collaudare, con il futuro lavoro per Martimarti da trovare, e tutta una lunga serie di variabili che impedivano di fare pronostici affidabili sull’anno in svolgimento.

  • La mafia uccide solo d’estate

    la-mafia-uccide-solo-d-estate-serie-tv

    Il bello di queste serie italiane è anche scoprire tanti nuovi dialetti… dopo il romano di Romanzo Criminale “è finito er tempo der perdono… mò è’r tempo der giudizzio!!!”, il napoletano di Gomorra “L’ommo che po’ fa ammen’ e’ tutt’ cos’, nun tene paur e’ niente”, ora tante belle parole dal palermitano “A te le fece toccare le minne?” stanno facendo diventare Vlao un vero poliglotta.

  • Christmas tree

    alberi_di_natale

    Se più o meno tutti fanno l’albero, non tutti fanno lo stesso albero… c’è chi ricicla sempre il solito conservato in cantina sotto le pinne e il materassino da mare, chi ogni anno compra quello mini già confezionato al supermercato, chi va a spasso al mare e cerca un legno che possa adattarsi allo scopo e infine c’è chi va nel bosco e estirpa un pino secolare da piazzare in salotto e appesantire con chili e chili di addobbi.

Il trenino del Bernina

Postato da Vlao IL 8 febbraio 2017 - 20:09 Aggiungi Commento
Tenino del Bernina 2017-088

Il trenino rosso spicca tra la neve

Per stemperare la snervante attesa che, come da copione, precede la formazione del gruppo per ogni viaggio in partenza con Avventure del Mondo, Vlao e Martimarti hanno deciso di sfruttare il generoso regalo natalizio di Lorilou e prenotare un weekend a Tirano a base di trenino rosso del Bernina.

Una tre giorni in Valtellina alla scoperta dell’affascinante strada ferrata che dai confini italiani porta su su fino a St. Morriz.

Un fine settimana fatto di binari che partono da Ancona e si snodano fino alla stazione centrale di Milano da dove, dopo una lieve deviazione, puntano dritti e paralleli fino a Tirano dove si fermano al confine con la Svizzera. Da qui in poi i ritardi e i disguidi di Trenitalia e Trenord sono sostituiti dalla puntualità e dall’efficienza della Ferrovia Retica.

Oltrepassata la dogana il mitico trenino rosso attende gli avventori e, con una precisione degna di un orologio chiaramente svizzero, offre la possibilità di arrampicarsi fino ai 2.091 metri della stazione di Alp Grüm per poi scollinare e raggiungere la rinomata St. Moritz che, con il suo lago interamente gelato, accoglie ricconi e meno abbienti alla stessa maniera… con una scala mobile che invita i primi ad entrare dentro i negozi luccicanti e lascia i secondi impalati davanti alle vetrine piene di mercanzie intoccabili.

Tenino del Bernina 2017-065

Mano a mano che si sale il bianco prende campo

Vlao e Martimarti fanno giusto un pensierino alla tazza in rame da Moscow Mule ma il negozio è chiuso e, inoltre, il prezzo di 15 franchi svizzeri è un incognita visto il cambio forex sconosciuto.

Fatto il giro a St. Morriz i due sono risaliti sul trenino che, procedendo in direzione inversa rispetto all’andata, li ha scaricati alla stazione di Pontresina dove Lorilou aveva segnalato la possibilità di godersi una spassosa escursione in carrozza verso uno sperduto chalet.

Al punto di partenza della strada innevata la cocchiera, nello sparare il prezzo di 120 franchi per la tratta di sola andata, non sembra nemmeno arrossire un po’, mentre Vlao e Martimarti sbiancano palesemente e, dopo qualche secondo di inspiegabile esitazione, decidono di proseguire a piedi e di destinare il budget richiesto ad un’altra finalità, magari mangereccia.

I sette chilometri che li dividevano dal rifugio si sono però rilevati lunghissimi e la neve, che è cominciata a cadere durante il tragitto, ha reso la passeggiata una vera e propria sfacchinata. Stringendo i denti e seguendo le cacate di cavallo sulla coltre bianca, i due hanno però continuato imperterriti la spedizione polare fino all’avvistamento dell’agognato casale!

All’interno della baita li attendeva una sorta di mensa che serviva cibi malsani a prezzi esorbitanti tra i quali la scelta è ricaduta su di un enorme wurstel bianco accompagnato da pane o da patate rigorosamente surgelate.

Tenino del Bernina 2017-129

La carrozza dei poveri scortata dal cane guida

Finito di rifocillarsi i nostri sono passati immediatamente al loro secondo obiettivo, trovare uno strappo per tornare indietro vivi e vegeti. Fuori dal rifugio la cocchiera da 120 franchi era li che li aspetta con un ghigno beffardo, ma fortunatamente c’era anche una carrozza per poveri, dotata di tre cavalli e trainante un carretto da 12 posti di cui 2 provvidenzialmente liberi!

Il ritorno al trotto, sotto un cielo azzurro ripulito dalle nuvole, ha consentito ai nostri di arrivare in stazione con energie vitali idonee ad affrontare l’ultima tratta di ferrovia verso Tirano senza stramazzare esanimi nei comodi sedili della carrozza rossa.

Una pessima cena, lontana parente di quella memorabile del giorno prima a base di taroz e chiscioi, ha concluso il breve soggiorno in Valtellina.

Con l’ultima colazione nell’accogliente B&B de la tour, è iniziato il piano di ritorno che ha anche incluso una rapida visita ad una uggiosa Milano dove i reduci laotiani, nonché srilankesi, Mrs. Postamat e Mr.Linux hanno svolto egregiamente il loro ruolo di ciceroni abbinando sapientemente al Duomo e alla Galleria una mastodontica cotoletta alla milanese per concludere alla grande la gita fuori porta.

 

 

Il sole di San Vito lo Capo ci scalda ancora da dentro e quando ci svegliamo la mattina abbiamo una temperatura corporea pari a quella di un pannello fotovoltaico… Vlao e Valvola soprattutto dato che non hanno potuto usufruire dell’ombra rinfrescante dell’ombrellone da diesceuro di Anto80 e Faith.

Il programma giornaliero quest’oggi prevede una doppia escursione, mattinata dedicata al mare, che ci manca tanto, a Scopello e pomeriggio tutto cultura con la visita delle rovine dell’antica città di Segesta.

Tonnara di Scopello

Tonnara di Scopello

La tonnara di Scopello è uno dei posti più belli che abbiamo visitato, se non fosse per i parcheggi a pagamento, per l’ingresso a pagamento, se non fosse per la mancanza di spazio vitale e per l’acqua sporca a seguito del mare mosso del giorno prima, sarebbe il posto ideale per passarci una settimana intera.

Famosa per i faraglioni che circunnavighiamo snorkelingando, la tonnara di Scopello è anche il luogo salito alla ribalta delle cronache estive grazie alla performance di Valvola in arte il melonaro. Munito di coltello e melone giallo si è esibito, sotto lo sguardo incredulo dei bagnanti, nel suo numero da circo. Nel giro di 4 minuti e 36 secondi è stato in grado di papparsi, con nonchalance, l’ellittico frutto stabilendo così il nuovo record mondiale come documentato da un video amatoriale che potete reperire su youtube.

Soddisfatti per l’aver presenziato all’avvenimento storico ci dirigiamo verso Scopello City per pranzare e recuperare le forze necessarie ad affrontare il pomeriggio culturale. Per l’occasione assaggiamo del pane cunzato, ennesima specialità della zona, particolarmente gradita al melonaro che se ne pappa due con l’intento di saziare almeno temporaneamente il suo organismo.

Segesta

Segesta - tempio

Passata la fase digestiva, almeno in parte, Faith ci porta a Segesta bullandosi per la maestria con cui utilizza il sistema start&stop della nostra Ypsilon. Pagando l’ingresso temiamo che tutto si riveli un flop stile Mozia, ma ci ricrediamo subito, positivamente impressionati dal teatro, dal tempio incompiuto e soprattutto dal percorso off-road proposto da Vlao.

Voto 8 alla giornata che ha saputo unire con disinvoltura mare e cultura, relax e divertimento, pane cunzato e melone nelle canoniche 24 ore.

 

Top of the Rock ’16

Postato da Vlao IL 18 gennaio 2017 - 17:50 Aggiungi Commento
top-of-the-rock2016 Il 2016 è stato ricco di uscite per gruppi e cantanti tra i preferiti di Vlao. Alcuni di loro hanno rispettato le attese e sono ormai delle garanzie, vedi Radiohead e Mogwai, altri hanno un po' deluso, ma forse erano le aspettative ad essere troppo alte, vedi Bon Iver e in parte James Blake, altri ancora hanno steccato di brutto non meritandosi nemmeno la menzione nella top 10 e Vlao teme che abbiano imboccato irreversibilmente la via del declino, Dente su tutti. La classifica stilata qui sotto, come sempre, è insindacabile e definitiva, Vlao accetta consigli su eventuali sviste, ma non ammette ricorsi al ...

Lenticchiamo in bisca

Postato da Vlao IL 7 gennaio 2017 - 17:30 Aggiungi Commento
bisca-clandenstina Che ne dite di una bella lenticchiata con bisca incorporata per onorare come si deve la befana? Un'ottima idea, senza dubbio, basta infatti una rapida convocazione via whatsup al gruppo "moscioliamo n'altra volta" per far arrivare una valanga di adesioni! Vlao sinceramente sperava in qualche defezione, ma a parte chi si trova dall'altra parte del mondo tutti, ma proprio tutti, danno l'ok e la schiera di commensali arriva in men che non si dica alla doppia cifra. Ma non c'è problema, il pentolone king size c'è, la lenticchia pure e, con la consulenza della tutor Lorybeth, per Martimarti mettere insieme costolette, anzi spuntature, salsicce e gli altri ingredienti è una mera formalità. Nel frattempo Vlao ...

2016 l’anno in blog

Postato da Vlao IL 2 gennaio 2017 - 17:31 Aggiungi Commento
2016 Che bello il 2016... magari tutti gli anni fossero così! Se gli chiedete cosa si ricorderà tra vent'anni dell'anno trascorso, Vlao non ha dubbi. La data storica che entra di diritto negli annali è il 6 marzo 2016, giorno della lunga attraversata che ha portato definitivamente Martimarti ad Ancona.  Martimarti e la nuova residenza: 06.03.2016 sedili abbattuti, serbatoio a metà, Radio Italia a palla, Martimarti coast-to-coast. A quell'epoca il 2016 si prospettava un anno pieno di incognite, con la nuova vita a due da collaudare, con il futuro lavoro per Martimarti da trovare, e tutta una lunga serie di variabili che impedivano di fare pronostici ...

La mafia uccide solo d’estate

Postato da Vlao IL 21 dicembre 2016 - 17:10 Aggiungi Commento
la-mafia-uccide-solo-d-estate-serie-tv Vlao è sempre un po’ prevenuto, quando guarda un film e tra i titoli iniziali vede quel pannello blu con rai cinema scritto in bianco sa già che ha molte probabilità di trovarsi di fronte al solito film insulso italiano. Il 90% delle volte quel pannello porta direttamente alla solita commediuccia senza il minimo di spessore, con i soliti attori che si riciclano facendo la solita minestra. Ma a volte c'è anche la remota possibilità che nasconda una insperata sorpresa. Una sorpresa, come La mafia uccide solo d’estate, esordio in cellulosa di Pif, la iena che ha deciso di portare sul grande schermo la sua infanzia, ...

Christmas tree

Postato da Vlao IL 8 dicembre 2016 - 13:16 Aggiungi Commento
alberi_di_natale Come ogni anno è arrivato Natale ed è ora di fare l’albero. Il simbolo della festa per eccellenza, quello che non può mancare in ogni casa che si rispetti… dove mettete i regali se no??? Più o meno tutti lo fanno… c'è chi ricicla sempre il solito conservato in cantina sotto le pinne, la maschera e il materassino da mare, chi ogni anno compra quello mini già confezionato al supermercato, chi va a spasso al mare e cerca un legno che possa adattarsi allo scopo o chi addirittura va direttamente nel bosco ed estirpa un pino secolare da piazzare in salotto e appesantire con ...

A.A.A. Vigorsol Reset cercasi disperatamente

Postato da Vlao IL 23 novembre 2016 - 16:42 1 Commento
vigorsol-reset Lo so… internet è pieno di appelli, molti dei quali io stesso snobbo sistematicamente, ma sta volta la situazione è diversa. Sembra che da un giorno all’altro le forniture di Vigorsol Reset della provincia di Ancona siano state stoppate. Tutti i rivenditori, bar, supermercati, tabacchi, metanari, negozi cinesi hanno finito le scorte delle mitiche mini cingomme. No c'è verso di trovare sul mercato quelle scatolette blu da 50 micro pezzi l’una di cui Leorol non riesce più a fare a meno da quando ha smesso di fumare. Vlao e Martimarti si sono occupati di estendere la ricerca di mercato anche a Roma, ma la stessa ...

A cena con… chi c’è c’è

Postato da Vlao IL 13 novembre 2016 - 13:33 1 Commento
cena-chi-ce-ce-big Ci sono voluti due anni a organizzare un cena reunion post universitaria. Le lunghe sessioni di Whatsapp non hanno mai portato a risultati degni di nota... con Danco depresso, Bartelt troppo impegnato nella carriera lavorativa, con Zizza preso dagli allenamenti per le vecchie glorie, con Danske ancora distratto dall'università, con Greg desaparecido e Vlao per niente curioso di rivedere Anto80 nel suo stato di passivo cinquantenne... era difficile riuscire ad organizzare un meeting degno dei vecchi tempi. Sono ormai lontani i fasti del Santa Monica quando, appena usciti da Villarey, i sette disquisivano animatamente sul futuro lavorativo prossimo venturo (working progress)... all'epoca, dati gli scarsi ...

Lankamaleraduno Barcellona

Postato da Vlao IL 3 novembre 2016 - 20:05 Aggiungi Commento
sagrada-familia-1 [caption id="" align="alignright" width="169"] Sagrada Familia[/caption] Le offerte Ryanair sono perfette per organizzare una reunion europea… e così, dopo aver individuato il weekend, con qualche tentennamento, si è decisa anche la meta per il primo Lankamaleraduno. Scartata Bruxelles per il rischio attentati, abolita Londra già visitata dai più, sventata l’ipotesi Dusseldorf fortemente sponsorizzata da Tam, alla fine il compromesso è stato raggiunto con Barcellona. Scandagliando l’internet è stato individuato anche un bell’appartamento in pieno centro che Kadjar la porta lettere, con la sua postepay caricata ad hoc, ha prenotato permettendo agli otto reduci della campagna di Sri Lanka di okkupare i letti messi ...