Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 10 dicembre 2014 - 17:31

Pare strano, ma bastano cento metri di strada per capire che L’Irlanda del Nord è un’altra cosa rispetto all’Eire. Scordatevi i paesini minuti e gli spazi verdi pecoreggianti. Qua siamo in Regno Unito come ci fa capire la regina sulle banconote. Anche se il passato burrascoso e la lotta tra nazionalisti e unionisti è ormai alle spalle in realtà si notano ancora dei residui già dai nomi delle città… Derry o Londonderry?

Mussenden Temple

Mussenden Temple

Con la viabilità granbretagnese Martimarti si sente a suo agio, prende il comando e imposta la rotta verso Mussenden Temple dimora romantica del… Vescovo di Derry. Il tempio a strapiombo sulla scogliera è molto pittoresco e la residenza abbandonata alle sue spalle crea un’atmosfera particolare. Purtroppo il sole qui è un miraggio e le previsioni sono discordanti… che lavoraccio fare il metereologo in Irlanda!

Vlao e Martimarti sono comunque sicuri di mettere la spunta anche sul trekking sulla Causeway Coast, anche al costo di finirlo fradici!

La notte prima dell’impresa la passano a Portrush, pittoresca cittadina di pescatori che li accoglie con un biglietto ed un numero… quello che contraddistingue la gente in fila per sedersi a mangiare! Ve lo dicevo che qui non è Irlanda!

La mattina di buonora, dopo aver saccheggiato la colazione del Mandalay B&B, si parte verso il trekk. Raggiunto l’Information Point dei Giant’s Causeway ed esaminata la cartina, Vlao e Martimarti decidono di recarsi in macchina a Dunseverick Castle e da li percorrere a ritroso il lungo sentiero sul ciglio della costa. Come al solito in nostri anticipano la massa e quando tirano il freno a mano nel parcheggio, spicca solo il rosso della Clio tra il breccino!

Causeway Coast

Causeway Coast

Zainetto in spalla si avviano lungo il tracciato che, serpeggiando tra i vari promontori a picco sul mare, li condurrà all’agognata meta. Fortunatamente il cielo grigio mano a mano che la giornata avanza si schiarisce. Dopo innumerevoli soste fotografiche e infinite chiacchiere col professore bergamasco unico essere vivente incontrato sulla via del ritorno, eccezion fatta per i ragni, si raggiunge finalmente la penisola basaltica.

Scesi sul livello del mare Vlao comincia a sbizzarrirsi a immortalare questi curiosi esagoni che compongono la penisola. Queste strane mattonelle a forma di culo di matita sembrano un ricercato pavimento, ma in realtà sono formazioni naturali generate dal repentino raffreddamento di una colata lavica datata milioni di anni fa.

All’unanimità, con due voti favorevoli e zero contrari, i Giant’s Causeway vengono candidati a miglior posto d’Irlanda del Nord e si batteranno con le Cliff of Moher nello scontro per la corona di più bel posto del viaggio.

Giant's Causeway

Giant’s Causeway

Salutato il professore e scattate millesettecento foto giunge l’ora di recuperare l’auto. Vlao e Martimarti decidono di tornare in bus al parcheggio così da aggiungere anche quest’ultimo tra gli innumerevoli mezzi utilizzati nel tour.

Adesso è l’ora della prova di forza per Martimarti, attraversare il ponte di corda di Carrick-a-Rede, ma ormai per metterla in crisi occorre ben altro. Superato senza problemi l’ostacolo c’è ancora un ulteriore obiettivo da raggiungere prima dell’ultima notte a Belfast, un obiettivo che corrisponde alle coordinate +55° 8′ 11.40″, -6° 23′ 3.51 sapientemente memorizzate sul navigatore.

The Dark Hedges è una stradina di campagna dove spettrali alberi creano una sorta di galleria resa celebre da alcune scene di The Game of Thrones. Anche qua la massa arriva con ritardo e Vlao ha il tempo di immortalare la location deserta. Bel posto… che rimarrà sempre nella memoria per l’odore particolare.

Una mezza giornata a Belfast, il tour dei murales e un po’ di shopping è quello che rimane prima del ritorno a Dublino. La pioggia, che ha graziato Vlao e Martimarti per gran parte del soggiorno, ora li saluta nel viaggio di ritorno verso l’aeroporto. L’ultimo cimitero dalle croci mastodontiche Monasterboice e un’Irish Breakfast fuori tempo massimo a Drogheda sono i restanti due pezzi da attaccare ad un puzzle perfettoIrlandairlanda 2014!

 

IRLANDAIRLANDA 2014

Indice

Episodio 1 Il prologo e Dublino link
Episodio 2 Glendalough, Kilkenny, Cashel, Cork link
Episodio 3 Killarney, Dingle, Ring of Kerry link
Episodio 4 Cliff of Moher, Isole Aran link
Episodio 5 Connemara e Donegal link
Episodio 6 Irlanda del Nord sei qui
 Extra Photo album  link
Share |
Categorie: all, sciapate, viaggi