Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 21 gennaio 2015 - 17:06
Dopo un lungo ed ingiustificato pazientare ecco a voi la…
Top of the Rock edizione 2014
 
Non ditemi che non conoscete nemmeno un disco… lo so già e vi dico in anticipo che ve ne dovete vergognare.
A parte gli scherzi, spero che i miei consigli possano aprirvi nuovi orizzonti… azz… che presuntuoso 🙂
 
 Ora Danske tocca a te… ormai Danco è fuori dai giochi.

Istruzioni per l’uso (visto che ci ho messo ore a mettere tutti i link) se cliccate sulle copertine o sul titolo dei dischi andate direttamente alle rispettive recensioni fatte su Ondarock (il mio sito di riferimento), se cliccate sui nomi degli artisti andate sulla loro biografia (se esistente), se infine cliccate sulla canzone in coda ai commenti potete vederne un video. Grazie per l’attenzione!

antlers_200 1. The Antlers – Familiars

Sono gli Antlers ad aggiudicarsi il primo posto del 2014. Una band che era sfuggita dai radar Vlaoviani fino a quest’anno, ma che aveva già fatto un capolavoro Hospice. Meno triste del già citato, ma comunque veleggiante nella malinconia, Familiars non è un album per tutte le stagioni, ma preso al momento opportuno regala ottime sensazioni. The Antlers – Palace

alt-j-180 2. Alt-J – This Is All Yours

Sono stati per un po’ di tempo in ballottaggio per il primo posto poi, dato che avevano già vinto nel 2012 con An Awesome Wave era giusto dare spazio ad altri per una sana alternanza. Questo secondo album è la conferma della caratura importante degli Alt-J che consente loro di creare un sound personale che permette di riconoscerli all’istante sia per la voce che per gli arrangiamenti. Se il secondo album è il più difficile nella carriera di un artista… possiamo dire che adesso andiamo in discesa! Alt-J – Hunger Of The Pine

rsz_damon-albarn-everyday-robots_180 3. Damon Albarn – Every Day Robots

Con il suo gruppo, per chi non lo sapesse i Blur, Vlao non se l’era filato più di tanto. Pertanto il terzo posto in classifica per Damon Albarn non è dato dagli indiscussi meriti pregressi. L’album merita, forse non avrà un pezzo che svetta sugli altri, ma la qualità è più che buona in tutta la sua durata, cosa che facilità l’ascolto in loop. Damon Albarn – Lonely Press Play

mogwai_160  4. Mogwai – Rave Tapes

Siamo sempre qui a dire le solite, loro ci sono sempre, non sbagliano un disco e Vlao è ancora a quota zero concerti. La prossima volta… lo giuro… ce lo mando a forza… anche da solo! Un po’ di elettronica in questo nuovo lavoro, che si aggiunge alla solita superba maestria. e poi… che figata di copertina! Mogwai – The Lord is Out of Control

 loscil-9_160  5. Loscil –  Sea Island 

Quel basso profondo che fa tremare tutto mi piace assai, e le lunghe composizioni di Loscil che fluiscono lente ed inesorabili mi catturano sempre. Forse questo è il disco che si avvicina di più al suo migliore Plume. Certo canzoni come Rorschach o Motoc sono irraggiungibili ma Sturgeon Bank ci va vicino! Loscil – Sturgeon Bank

 Asgeir-In-the-Silence1_160  6. Ásgeir – In The Silence 

Un disco che mi piace… se non fosse per quel carattere molto sigurrossico in copertina… e per quello scimmiottamento di Bon Iver latente in diversi pezzi… avrebbe meritato di più. Non capisco ancora se Ásgeir Trausti Einarsson possa dare veramente qualcosa in più o preferisca navigare in acque già salpate. Ma è il primo album… diamogli fiducia.  Ásgeir – Going Home

 mono-160  7. Mono – The Last Dawn/Rays Of Darkness

Questi giapponesi fanno di quel postrock che esplode e che spacca tutto. Questa volta però hanno diviso la loro produzione in due album, il primo The Last Dawn con i pezzi calmi, e il secondo Rays of Darkness con quelli al limite del fragore. Così a seconda di come vi va potete scegliere la versione Mono che più vi aggrada senza rischiare di essere aggrediti a tradimento dalle tempeste strumentistiche estreme. Penso proprio che vederli dal vivo debba essere molto emozionate. MONO – Where We Begin

 costellazioni_160  8. Le Luci della Centrale Elettrica – Costellazioni

Era difficile vedere un futuro per Vasco dopo i primi due dischi… con chitarra e urli non si va tanto lontani… Per fortuna invece ha trovato un nuovo sbocco e, ampliando la band, è riuscito a svariare un po più sul tema. Forse i testi non hanno più l’impatto innovativo di una vota… ma questo Costellazioni contiene un bel pugno di belle canzoni. Un buon lavoro per lui, promossoLe luci della centrale elettrica – Le Ragazze Stanno Bene

 perfume-genius-160  9. Perfume Genius –  Too Bright

Un album discontinuo quello del genio del profumo con sprazzi di buona musica e cadute di tono. Non si capisce se è carne o pesce… è un po’ come il suo aspetto fisico… lascia un po’ dubbiosi… Secondo me il ragazzo non si è espresso al massimo… può dare di più, ma per adesso almeno una citazione se la merita e poi… il singolo spacca! Perfume Genius – Queen

 bonnie-160  10. Bonnie Prince Billy –  Singer’s Grave A Sea Of Tongue

Bonnie principe Billy non è uno che si risparmia in quanto ad uscite discografiche, 16 dischi solisti dal 98… non sono pochi. E’ difficile stragli dietro e così Vlao ha saltato qualche turno, ma quando lo ha rispolverato l’ha ritrovato sempre lì… una certezza come al solito. Intramontabile Billy! . Bonnie ‘Prince’ Billy – Quail and Dumplings

ARCHIVIO: Le top of the rock degli anni passati  2007200820092010201120122013 

Potrebbero interessarti:

Share |
Categorie: all, musica e suoni, opinioni

2 commenti

  1. carlo cimarelli scrive:

    Cippa, ho toppato … dovevo lasciare qui i commenti anziché sulla chat di FB ….e se facessi un copia-incolla? Provo!

    E allora ti sparo un domandone : sei in grado di elencarmi la TUA top ten di Album rock di sempre ….e . attenzione , accanto la top ten dei singoli pezzi ? Non devi rispondere subito ……ti do una settimana per scrivere e cancellare , rifare e stravolgere ……vedi tu ……
    25 minuti fa
    A parte che aspetto ancora la presentazione del compito di qui sopra ….. mi sono preso la briga di ascoltare tutti (quasi) i singoli proposti nella tua classifica . Ecco il giudizio di un rockettaro del giurassico:
    A.: the antlers = tagliarsi le vene!
    B: alt-j = già sentito ….mi ricorda qualcosa ma non ricordo cosa , ma niente di iimportante . Si distingue per un video di pessimo gusto da mettere in galera chi l’ha girato!
    C: mogwai: interessante ….un po’ accentuata la digitalizzazione dei suoni , ma è quello che mi ha catturato di più!
    D: dallo albarn= dimenticato: mi ha ricordato a volte J. timberlake ….a volte cat stevens ….nella spazzatura direttamente!
    E:= loscil: alienazione pura e dopo 4 minuti di tormento diventa quasi offensivo per un altro minuto e diventa interessante nell’ultimo minuto , quando diventa un respiro musicale ….un po’ poco ….
    F:= Centrale Elettrica= bella chitarra suonata bene . sul testo meglio lasciar perdere ….la voce è come tante …ma un 6 per quella chitarra lo diamo
    G:= Mono= bello l’ingresso arpeggiato. all’inizio interessante diventa poi prevedibile e ripetitivo; fino alla magnificenza dell’enfasi finale , però abbastanza scontata….però un 7 mi ci sta
    H:=perfum genius= bello l’arrangiamento ma su una base musicale che mi è parsa “banalina” . Direi interessante: “che spacca” mi pare eccessivo ….o forse è perché sono del giurassico?
    E qui mi sono fermato : ci ho messo fin troppa buona volontà , no? Altro compito: dimmi 5 album che consiglieresti a qualunque desideroso di approcciarsi alla musica “anni 2000” . Grazie!
    Fine della conversazione in chat
    Visualizzato: 19.00

  2. Vlao scrive:

    Vedo che ti sei applicato! Grande! Un bello sforzo 🙂

    Per la top ten di cui dici all’inizio… vedrò di fare un post apposito! Mi hai dato un’idea.
    Per gli album anni 2000 ti rimando alla classifica 90 Vs 00
    http://www.vlao.it/2010/01/anni-90-vs-anni-zero

    a cui ti posso aggiungere questi…:

    Sufjan Stevens – Illinois
    Bon Iver – Bon Iver
    Eddi Vedder – Into the Wild

Lascia un commento