Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 18 aprile 2010 - 14:25

Fare 300 Km con in macchina Anto80 è qualcosa che non augurerei nemmeno al mio peggior nemico.

E’ come avere un moscone che ti gira per l’abitacolo e ti ronza nelle orecchie per tutto il tempo, ma almeno il moscone non sposta ogni 3 secondi le bocchette dell’aria, la temperatura dell’abitacolo, non ha la sciarpa e soprattutto se apri il finestrino si leva dalle palle.

Anto80 no… non è così, e io e Danske lo sappiamo! Nostro malgrado. Ma per compiere la nostra missione eravamo pronti a tutto!

L’idea era di vendere il Litfiba-ticket, comprato non si sa bene per quale arcano motivo, al migliore offerente, spendere il ricavato sulle rive dell’Arno e tornare a casa felici e contenti.

Il piano era perfetto, studiato in ogni piccolo dettaglio, ma purtroppo l’impresa era destinata a sfumare. L’imprevista esplosione della bolla speculativa che ha coinvolto l’industria del bagarinaggio fiorentino ha fatto inesorabilmente crollare le quotazioni dei biglietti fino a raggiungere il prezzo di costo.

Così, impossibilitati a raggiungere il Break Even Point,siamo stati costretti a passare al piano B. Siamo andati al concerto!
Ma oltre il danno non poteva esserci che la beffa! E’ con sommo dispiacere che scopriamo che a cantare non c’è Gianluigi Cavallo, meglio noto come Cabo, ma un certo PieroPelù… il quale, per tutto il concerto, bis compresi, non si degnerà nemmeno di cantarci l’unica hit che poteva giustificare il nostro travagliato viaggio, Elettromacumba.

Traditi da Anto80 e Danco, che hanno taciuto la cosa dolosamente, siamo tornati a casa con la coda tra le gambe… ma non prima di averli abbandonati lì, davanti alla pista di skate, con un hamburgher in mano e vestiti di stracci…


Se lo meritavano!

Share |
Categorie: all, musica e suoni, sciapate

Un commento

Lascia un commento