Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 23 gennaio 2013 - 20:32

Django Unchained di Quentin Tarantino

Layout 1

Layout 1

Probabilmente sarò prevenuto nel senso che qualunque cosa lui faccia a me piace, ma sfido chiunque di voi a dire che l’ultimo film di Tarantino non sia un cosiddetto filmone. Certo se proprio non digerite spruzzi di sangue e ossa spezzate non fa per voi, ma questo aspetto non è che una parte del tutto, una sorta di condimento ad una storia che riprende una trama da spaghetti western per trasformarla in qualcosa di più. Merito anche degli attori con Christoph Waltz una spanna sopra di tutti con un personaggio ancora più memorabile di quello di Bastardi senza gloria. Della trama non vi dico niente, godetevi i 165 minuti a scatola chiusa, garantisco io! Occhio al combattimento dei mandinghi però! [recensione]

 

Man on Fire di Tony Scott

Man_on_fire_Locandina300

Rovistando l’archivio cinematografico di un collega, mi sono imbattuto in questo film che era sfuggito al setaccio di Leorol. Strana questa cosa mi sono detto, poi in effetti controllando il sito da dove prendiamo gli spunti, vedo un 4,5 dato dallo staff. E visto che il setaccio scarta tutti i film al di sotto del 5,9 ecco spiegato l’arcano. Mai però un voto fu così sballato, nemmeno un film dei Soliti idioti meriterebbe tanto. Se vi piacciono i film d’azione, questo non vi deluderà. Il film è ambientato in Messico e racconta la storia di una famiglia di ricconi (o finti tali) che convivono con l’incubo rapimento. Un Denzel Washington convincente nel ruolo di guardia del corpo della piccola di casa, cercherà di evitare il peggio… non riuscendoci chiaramente… [recensione]

 

Melancholia di Lars Von Trier

Mise en page 1

Sarebbe simpatico se oltre alla luna e al sole, sopra l’orizzonte, comparisse anche un pianeta sconosciuto a variare il solito scontato panorama. Pensate che bello vedere questo corpo celeste ingrandirsi ogni giorno, sempre di più, fino ad arrivare al punto di toccarlo con mano. Se il destino è già segnato che si può fare? Quando anche la scienza non da più speranza come si può reagire??? Una situazione surreale dentro la quale il film di Lars Von Trier vi catapulterà senza uscita. Ma non abbiate paura, una volta finito, quando uscirete dal balcone, troverete tutto al suo posto. [recensione]

Share |

3 commenti

  1. Nicolina ha detto:

    Oh ma…..”Soul kitchen”??!! Non ce lo metti??!!! Ahahahaaha…

    Fortuna che per il primo film…è Tarantino a darmi un minimo di garanzia! 😉

  2. Vlao ha detto:

    E’ già stato segnalato nel lontano 2010:
    https://www.vlao.it/2010/07/vlao-vision/

    non sei attenta!

  3. Nicolina ha detto:

    non ci posso credere……Fortuna che mi è sfuggito! 😉

Lascia un commento