Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 15 ottobre 2008 - 16:29

Alla presa con la ricostruzione di vecchie pratiche datate 1962… mi ritrovo in grave difficoltà al momento di dover fotocopiare parte della documentazione…

Questi maledetti fogli di carta gialla/putreffatta non ne vogliono sapere di entrare nell’Automatic sheet insertion device della fotocopiatrice omologato per nutrirsi di fogli A4, sono così costretto a passarne uno ad uno…

Nel mentre della lunga attesa mi perdo tra mille pensieri… mi domando… chissà chi è quel genio che ha deciso che un foglio di carta deve essere largo 210×297 mm??? Possibile che nel 1962 non ne erano ancora a conoscienza??? Possibile che ognuno faceva le pagine come cavolo voleva??? Magari che ne so, c’era un mega rotolo, tipo carta igienica, e uno ne tagliava un pezzetto in base a quanto doveva scrivere… oppure a seconda di come gli girava la mattina faceva fogli triangolari, ottagonali o trapezzoidali???

Penso non ci sia voluto molto tempo a capire che… darsi una regolata sarebbe stata la soluzione migliore.

Faccio una rapida ricerca su internet… e trovo ben poco sulla storia dell’A4… comincio a pensare che sia un dato di fatto… che esista da sempre… che ne so… magari l’hanno inventato in Mesopotamia, in Egitto o gli Incas…

Poi alla fine arrivo alla soluzione… DIN A4Deutsches Institut für Normung, dicasi Istituto Tedesco per la Standardizzazione… ecco… dovevo immaginare che c’erano i crucchi di mezzo! Inventato nel 1922 ed adottato in Italia a partire dal 1939 è ormai lo standard in tutto il mondo… a parte USA e Canada bastiancontrari!

Scopro con mio estremo stupore che l’A4 nasce dall’A0 per dimezzamenti successivi. Ma allora siamo da capo… che minchia è sto A0??? Semplice… “un foglio dalla superficie di 1 mq e di proporzioni tali da ricavare per dimezzamento gli altri formati mantenendo le stesse proporzioni” …in pratica “il lato maggiore ha la lunghezza della diagonale del quadrato costruito sul lato minore“! Chiaro. No???

mmm… mi sa che quello che ha fatto questa Ingiunzione di Pagamento del ’62… Pitagora non sapeva proprio dove stava di casa!

Porca vacca! S’è inceppato il fronte-retro!!! Argh!!!

Share |

5 commenti

  1. Danske ha detto:

    L’istituto tedesco per la standardizzazione è nato negli anni’30 in germania per eliminare fisicamente le persone diverse dalla pura razza ariana. Dopo la guerra è stato riconvertito.

    P.S. questa storia del megafoglio A0 l’ho studiata alle medie durante le ore di tecnica. E mi ricordo pure un’altra cosa, che te la passo come chicca in esclusiva: non esiste il CARTONCINO. O hai un foglio di CARTA (1 strato) oppure hai il CARTONE (>1 strato) non esiste il cartoncino.

  2. utente anonimo ha detto:

    Te ce lamenti pure…tutti quei soldi per fà le fotocopie!!

    Una domanda: se alle dogane usano il super mega laureato per fare le fotocopie, allo sportello chi ce mettene??

  3. utente anonimo ha detto:

    Sò sempre io…ecco cosa me mancava!!Sei l’erede del Mengo…tra qualche anno anche te andrai in giro con i giochini de carta fotocopiati!!

    Punto Plus

  4. Vlao ha detto:

    @Danske: no ragazzo, non puoi negare l’esistenza del cartoncino bristol!

    @PuntoPlus: per arrivare al Mengo servono anni ed anni di gavetta… certo che cmq il mio obiettivo è quello!

  5. Danske ha detto:

    io di bristol conoscevo solo il pub nel vicolo vicino a piazza del papa. che adesso non c’è più. infatti adesso il cartoncino bristol è noto come cartoncino dell’iraniano.

Lascia un commento