Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Birrificio Artigianale Il Doganiere

    Visto il momento attuale che prevede l’abolizione dei viaggi, Vlao si è trovato in difficoltà nello spendere il suo tempo libero, niente itinerari da pianificare, escursioni da organizzare, viaggi da capitanare… e così, approfittando di un azzeccato regalo per il suo quarantennio, si è buttato a capofitto sulla pratica dell’homebrewing, ovvero della birrificazione casalinga! Un hobby che in realtà nasconde un mondo in esponenziale sviluppo in cui Vlao si è addentrato in punta di piedi da perfetto niubbo. Ha vagato […]

  • Top of the Rock ’20

    Il 2020, anche non essendo un anno da annoverare tra i migliori, non può andare in pensione senza la classifica musicale di Vlao. Nonostante il nostro paladino abbia un po’ perso il vizio di aggiornare le pagine del blog, ci sono tradizioni che meritano di non essere abbandonate. Anche perché nei mesi di lockdown la musica non è mancata in casa Vlao ed anzi, proprio le lunghe sessioni di puzzle in compagnia di Martimarti, hanno influenzato pesantemente la classifica annuale, […]

  • Weekend in Chianti – Il Pagellone

    Passata la fase acuta dell’epidemia bisogna ricominciare a muoversi! E con il primo weekend fuori ritornano anche, a grande richiesta, le immarcescibili pagelle! Sede del ritiro spirituale, un agriturismo nella campagna toscana dotato di tutti i confort, con tanto di piscina e cene “fusion” servita in terrazza. Il Weekend in Chianti, ideato e diretto da Martimarti ha coinvolto una serie di personaggi che si sono distinti per indubbie qualità ed eterogenee abilità. Ma ora veniamo al dunque e analizziamo nel dettaglio […]

  • #Covid19: sette settimane di quarantena

    Buongiorno a tutti da Vlao.it, la reclusione continua, nonostante si vedano i primi spiragli di luce, ancora la vita normale è sostituita da quella sotto Covid19 (qui a destra in una foto di repertorio) Qui, nella casa, Martimarti ha ormai sfondato quota 50 giorni di “ferie forzate”, in pratica sta facendo un corso accelerato di pensionamento, mentre Vlao è diventato un esperto di smartworking e fa un salto al porto solo di tanto in tanto. Da questa situazione, quella che viene […]

  • Australia Pt.7 – Canguri e spese pazze l’ultimo giorno a Melbourne

    Chi l’avrebbe mai detto che il modo migliore per vedere i canguri sia recarsi ad un golf club? Invece è proprio così, la Lonely Planet non mente, ed è così che Vlao e Martimarti, a bordo di una macchinina elettrica, hanno provato l’emozione di avere un incontro ravvicinato con questi bipedi saltellanti. Vagando per le 18 buche, tra un green ed un bunker hanno potuto stalkerare una nutrita famiglia di canguri, avvistando anche la mamma col marsupio occupato. Ora si che […]

Bloglovin’: una bacheca fai da te!

Postato da Vlao IL 12 Marzo 2012 - 21:06 2 Commenti

Non sono d’accordo con chi dice che i blog sono morti… altrimenti non continuerei a tenere aperto il locale non vi pare??? E’ comunque innegabile che la loro età dell’oro è passata…. ma chi ha detto che non ritorni? Diciamo che siamo in recessione tecnica… ed è il momento di tener duro!

facebookSecondo molti l’avvento di Facebook ha distolto l’attenzione dai blog e questo in parte è vero, ma allo stesso tempo ha portato moltissima gente ad avvicinarsi ad internet ampliando in maniera considerevole il pubblico potenziale.

Negli anni prefacebookiani, consentitemi il neologismo, quando uno accendeva il pc per cazzeggiare per prima cosa dava un’occhiata alle notizie su Repubblica, poi leggeva la Gazzetta, o Donna Moderna, controllava la posta e dava un’occhiata ai vari blog sparsi nella rete, accuratamente memorizzati sui preferiti, e che in definitiva rappresentavano uno dei primi metodi per poter interagire realmente con qualcuno.

Adesso per molti internet significa Facebook… si accende il computer, si inserisce user name e password e si è in contatto con altre centinaia di persone ansiose di selezionare per noi notizie, foto, video e soprattutto cazzate di ogni genere. Si potrebbe passare l’intera giornata a leggere le diatribe tra milanisti e interisti, comunisti e nazisti, a vedere tutti i video spazzatura di youtube postati serialmente in bacheca. Se poi avanza un po’ di tempo uno sguardo al Corriere Adriatico non si nega mai, ma pensare di andare a spulciare i preferiti diventa sempre più difficile

Non voglio fare lo snob e confesso che anche a me Facebook piace, per la possibilità di restare in contatto con persone che altrimenti si perderebbero di vista, per la possibilità di fare due chiacchiere in tempo reale, per la possibilità di ricevere notizie altrimenti irreperibili, per la possibilità di condividere foto e quant’altro… e soprattutto per poter fare tutto questo contemporaneamente!

Fatto ciò però non posso comunque fare a meno della giornaliera capatina sui miei blog preferiti, perchè Facebook non può sostituirli. Quello che trovo sui blog è lontano anni luce da quello che mi propone faccialibro, e vale senz’altro la pena perdere un po’ di tempo a spulciare i segnalibri per darci un’occhiata. Chiunque volesse esprimere un pensiero un minimo elaborato, che non si limiti al botta e risposta, o che volesse raccontare qualsiasi cosa con più di dieci parole è difficile che si accontenti di Facebook

Raggiungere questi contenuti è meno immediato e diventa un impegno troppo pesante per i più pigri, anche io mi limito a seguire un decina di blog costantemente, gli altri magari li rispolvero una volta ogni tanto…

bloglovin.com_01Tutto questo fino a pochi giorni fa quando mi sono imbattuto su Bloglovin.com.

Per carità non si tratta di niente di rivoluzionario. E’ una sorta di feedreader, un aggregatore di contenuti, come ne esistono a decine, ma al contrario degli altri è facile e immediato, graficamente apprezzabile e ti consente in pochi passi di creare una personale rassegna dei blog e dei siti che preferisci attraverso una sorta di bacheca su misura.

Il bello di tutto ciò è quello di avere gli aggiornamenti e i link diretti a tutto quello che ti interessa evitando di imbatterti involontariamente in discussioni fiume sui rigori non dati alla Juve, sull’abilità o sulle nefandezze del governo tecnico, sulle imprese dei tuoi amici a Tetris Battle, Biotronic, Hidden Chronicles e tutto questo senza dover cancellare dalla lista degli amici il 70% delle persone.

Io vi consiglio di provarlo, basta registrarsi con un’email e aggiungere gli indirizzi url dei siti che si intende seguire… magari cominciando proprio da questo! Permettetemi almeno un po’ di pubblicità occulta!

Bloglovin

La gratigola del Barbaro

Postato da Vlao IL 1 Marzo 2012 - 18:32 4 Commenti

Visto che se incarichi Bartelt di organizzare un pranzozzo domenicale va a finire che l’organizza per se e la mogliettina senza avvertire nessun altro… sta volta ho deciso di agire in prima persona.

gratigola del barbaroEra tanto che si diceva… andiamo dal Barbaro ad abbuffarci di ciccia… mancava solo l’occasione giusta. Ma quale migliore occasione di un qualsiasi Mercoledì dell’anno???

Così ci presentiamo in otto, anzi in sette visto che il dot.com.Danske è sempre oberato di lavoro e arriva cronicamente tardi. Entriamo io, Zander, Sasù, Cometa, Bratz, Bartelt e Nico… e il padre del barbaro ci accoglie dicendo… “siete voi gli otto!” e ci indica con un gesto l’unico tavolo libero dei cinque totali presenti in sala.

Ci accomodiamo sui banchetti stile asilo nido e prendiamo confidenza con il piatto e il bicchiere di carta.

Dal barbaro fa caldo, il fuocone che lo stesso aizza per arrostire le carni emana un calore avvertibile a metri di distanza. Ci denudiamo appena possibile dei nostri giubbotti accatastandoli per terra nell’angolo più impolverato del locale e attendiamo un suo cenno per iniziare ad ordinare.

Nonostante il potente aspiratore faccia lo stesso rumore di un boing in fase di rullaggio, una nebbiolina invade il locale e ci fa entrare subito in estasi culinaria. Passa giusto il tempo di accogliere l’arrivo del Danske che il barbaro father ci convoca all’esposizione delle carni da macello. Seguendo i consigli del patagonico Zander mi fiondo con Bartelt sul nodino di vitello abbinandoci sopra un paio di costolette, una salsiccia o uno spiedino. Gli altri virano sulla classica bistecca di maiale, o su una tagliata sempre chiaramente tempestate di salsicce, spiedini e costolette varie.

Mentre fratello barbaro ci porta il vino, rigorosamente rosso, mamma barbara ci propone i suoi fantastici contorni… patate arrosto e gratin… rigorosamente riscaldati. Il Danske prova a chiedere un’insalatina, ottima per il risciacquo della bocca a suo dire, ma mamma barbara rabbrividisce e dice che l’insalata è stata tolta dal menu a seguito della scarsa richiesta da parte del mercato… che gusti bizzarri questo Danske!

costataCominciamo a muovere le mandibole e tra una sciapata e l’altra spazzoliamo le ciotole, alla fine anche Bartelt è sazio… e questo è tutto dire… c’è ancora spazio per il dolcetto, ma il barbaro father invertendo l’ordine degli addendi ci propone prima l’ammazza caffè e solo poi ci consente di ordinare il mitico zabaja di mamma barbara o la sconsigliatissima torta cannella e banana che solo Nico ha il coraggio di assaggiare. Caffè in chiusura per alcuni e via col conto.

Lasciamo nelle retrovie gli interisti evitando che il filomoggiano gestore del locale ci gonfi il conto del 29% come gli scudetti della Juve vinti sul campo. Alla fine è 183,50 diviso otto 22.94… 24 fa Danske abituato ad arrotondare le parcelle per i suoi clienti.

Raccogliamo i soldi e torniamo a casa… pronti ad affrontare insonni la notte… con quel nodino di vitello che non ha la minima intenzione di essere digerito.

Zapping: Ricette pericolose

Postato da Vlao IL 27 Febbraio 2012 - 22:02 Aggiungi Commento
L’avvento del digitale terrestre ha moltiplicato la scelta di programmi tv talmente tanto che si potrebbero passare giornate intere a fare zapping tra le varie televendite, gli show, i diversi telegiornali, le repliche dei telefilm degli anni ottanta e i documentari più o meno intriganti. Sono decine i canali presenti e mentre per alcuni non vale nemmeno la pena di scaricare la pila al telecomando, su altri si trova ogni tanto qualcosa di interessante, sempre che si sia così fortunati da capitare al momento giusto del palinsesto! Molti programmi in verità sono scarti delle TV satellitari, serie vecchie andate in onda anni fa, ma ...

Vlao editore: Collana viaggi nel mondo – Rajasthan

Postato da Vlao IL 21 Febbraio 2012 - 19:39 2 Commenti
Ormai è diventata una vera e propria serie... e grazie ai contributi di Vlao, Leorol e Loribeth la collana dedicata ai viaggi della Vlao Editore può vantarsi di aver già toccato cinque continenti! Siamo arrivati a quota otto volumi... che potete vedere al Vlao store (link)... qui vi presento gli ultimi nati in famiglia  Rajasthan 2011 e Islanda 2009, l'ultimo e il primo viaggio di Vlao con Avventure nel mondo. Due viaggi agli antipodi, uno pieno di gente l'altro quasi deserto, uno caldo l'altro gelido, uno in cui l'uomo ha la predominanza l'altro in cui regna la natura. Se dovessi scegliere tra i due... sarei in difficoltà, ma ...

Info & Disclaimer

Postato da Vlao IL 12 Febbraio 2012 - 17:28 3 Commenti
Ogni blog che si rispetti ha una pagina di presentazione... una pagina con i contatti... una pagina in cui si mettono le mani avanti sui contenuti e su tutto quello che potrebbe offendere qualcosa o qualcuno... ora anche Vidrar Vel Til Loftarasa ce l'ha! [caption id="attachment_7429" align="alignright" width="240"] Vlao - foto di repertorio[/caption] Vlao non esiste? Vlao sono io? Dipende... quando viaggia potrei essere io, in effetti le foto degli album assomigliano proprio alle mie... quando dice sciocchezze invece agisce di sua spontanea volontà ed è fuori dal mio controllo. Chiaramente mi dissocio preventivamente da tutto quello che scrive... se pensate che Vlao ...

Tipi da neve

Postato da Vlao IL 7 Febbraio 2012 - 19:52 Aggiungi Commento
Escono dopo la nevicata come fanno le lumache dopo l'acquazzone... sono tanti i loschi figuri che vagano inquietanti per le vie imbiancate delle nostre città: [caption id="attachment_7431" align="alignright" width="300"] Scaffali vuoti dopo il suo passaggio[/caption] Il disastrofobico: comincia a fare provviste di cibo, acqua e generi di prima necessità appena vede qualche fiocco bianco cadere. Continua ad accaparrarsi ossessivamente derrate alimentari assaltando i supermercati a intervalli regolari. Entra in competizione con gli altri clienti fiondandosi con veemenza sull'ultimo ceppo d'insalata rimasto nella cassetta e sgomita energicamente per far incetta di lievito di birra, ingrediente fondamentale per poter sfornare giornalmente pane casereccio. E' ...

Allarme meteo: pronti al peggio

Postato da Vlao IL 31 Gennaio 2012 - 18:03 1 Commento
Sta volta non ci frega nessuno… sta volta lo sappiamo in anticipo… sta volta è già tutto pronto. Le gomme termiche o le catene le abbiamo comprate… sono pronti 12 mezzi spazzaneve… il piano di criticità viaria è scaricabile qua (link)… per adesso manca solo la neve. Nel frattempo tutti gli edifici scolastici sono stati dotati di pale e di una scorta di sale. E’ stata organizzata anche una speciale fornitura di derrate alimentari nel caso in cui il trasporto dei pasti non fosse possibile. Siamo pronti al peggio. Prevenire è meglio che curare come diceva la pubblicità del dentifricio verde… e dopo ...

Gennaio concertistico

Postato da Vlao IL 23 Gennaio 2012 - 19:18 Aggiungi Commento
Parte di slancio l'anno concertistico... una tripletta in Gennaio non si era mai vista. Nessun grosso nome, ma una buona fetta del sottobosco alternativo italiano... Le Luci della Centrale Elettrica, Dente e Bud Spencer Blues Explosion nel giro di un paio di settimane, sono un'ottimo inizio e se il buon giorno si vede dal mattino... questo 2012 live promette proprio bene. Con già in cambusa il biglietto per il concerto di Firenze dei Radiohead, con in fase di valutazione altri appuntamenti vedi Mark Lanegan a Bologna... Sigur Ròs in caso di eventuale tour per il nuovo disco previsto a primavera... e perchè ...

Costa Concordia… alla faccia dell’inchino

Postato da Vlao IL 19 Gennaio 2012 - 18:58 2 Commenti
Chissà quanti idioti nel mondo possono guidare un palazzo galleggiante di 15 piani lungo come 3 campi da calcio e pesante come 110 Boeing 747? Speriamo che sia, o meglio, sia stato soltanto uno, l'ormai illustre Schettino Francesco. [caption id="attachment_2793" align="alignright" width="300"] La Costa Concordia si inchina al Giglio[/caption] Lo conoscete dai... quel povero capitano che oltre ad aver rischiato la propria vita inciampando e finendo miracolosamente in una scialuppa di salvataggio è stato pure, ironia della sorte, accusato di aver abbandonato la nave! Si si... lui... quello dell'ormai mitico invito "vada a bordo"... diffuso ormai in eurovisione che lo ha sbugiardato ai quattro venti. Povero ...