Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 19 settembre 2018 - 14:53

Eh si… mancano solo 10 giorni all’ora XVlao e Martimarti vedono ormai all’orizzonte quel 29 Settembre di cui si parla da più di un anno!

Il conto alla rovescia è inesorabile e, inevitabilmente, sta volgendo al termine, ormai tutto è pronto per il grande evento.

Nel frattempo Vlao ha già festeggiato l’addio al celibato grazie alla perfetta organizzazione di Cometa & Company che hanno imbastito una memorabile serata di baldoria a San Benedetto del Tronto.

All’evento, riservato esclusivamente agli uomini, hanno presenziato personaggi del calibro di PuntoPlus, Baletta, Sasu, Raffo, NicoRouge, PolloBartelt e il capobranco Cometa che, dall’alto della sua esperienza, ha pianificato per filo e per segno l’intero evento.

Prima cena sul lungomare a base di ribs, arrosticini e braciole il tutto accompagnato da boccaloni di birra, poi una serata “danzante” in un locale assaltato dalla movida della riviera delle palme.

Del tavolo vip al centro del locale rimarranno nella storia le mitiche cannucciate da 5 litri che il gruppo ha cercato di smaltire al grido 3, 2, 1… ma talmente sovradimensionate che sono state prosciugate solo con l’aiuto delle decine di brindisi itineranti.

A fine serata, dopo aver omaggiato degnamente il Padrone, i nostri hanno abbandonato il Viniles facendo rotta verso altri lidi, ma dfasdlfj sd fsdiofa fdasijfoasd una volta arrivati dsfaojidfs dfsajiofjas fdsikjhasdf e quindi dfklaopgjo dfaiobhakj dioa.

Vlao è tornato a casa alle sei della mattina ed ad attenderlo ha trovato Martimarti che già pregustava la sua vendetta…

La domenica infatti, per tutta risposta, nonostante avesse già salutato il nubilato in quel di RomaMartimarti è stata trascinata dalle amiche donne anconetane, capitanate da Bratz, in un tour relax, tra massaggi e acque termali, tra vino e piatti di pesce. Un turbillon di attività tra Porto Recanati e Portonovo di cui le cronache del giorno dopo riportano solo sprazzi disordinati…

Le feste poi non sono finite qui, l’inesauribile Cometa aveva in serbo ancora un’altra sorpresa per i promessi sposi… una gita segreta per la quale servivano calzini di spugna e abbigliamento comodo.

Una meta misteriosa che Vlao e Martimarti hanno scoperto solo il giorno stesso durante il tragitto… le affascinanti Grotte di Frasassi, ma in una versione alternativa… quella speleologica.

Con stivali, tuta e caschetto, i due festeggiati, accompagnati da Sasu, Puntoplus e dall’organizzatore per eccellenza, si sono infilati in angusti anfratti strisciando, scivolando e arrampicandosi tra stalattiti e stalagmiti in un ambiente primordiale.

Dopo aver esplorato sale interdette al pubblico ordinario, hanno potuto provare quanto sia nero il buio, passando 3 minuti a torce spente ad ascoltare il rumore delle grotte.

Dopo aver passato senza problemi un passaggio tecnico degno del percorso rosso, i 5 provetti speleologi si sono diretti verso l’uscita, e proprio quando ormai la missione sembrava compiuta, Vlao e Puntoplus, unici su 28 partecipanti, sono caduti in fallo e hanno riempito uno stivale di acqua calcarea. Una chiusura di gran classe.

Ora basta sorprese però, mancano pochi giorni per sistemare gli ultimi dettagli e poi la festa si trasferirà a Roma, e li si che si saluteranno davvero celibato e nubilato… Appuntamento al 29 Settembre!

Share |
Categorie: cenozze, sciapate

Un commento

  1. Carlo Cimarelli ha detto:

    Hallo, Marchino! Approfitto di questo spazio e per restare in argomento voglio trasmetterti i miei augurissimi per questa tappa fondamentale della vita. A dirti il vero avrei voluto essere presente, al di fuori della chiesa (che sai non è il massimo dei miei riferimenti, attività professionale a parte, ma ormai anche quello è un capitolo chiuso da una decina di anni) per un abbraccio sincero. Ma va bene anche così! Circostanze sulle quali è inutile soffermarsi, hanno fatto sì che ci perdessimo di vista , ma ti assicuro che sei rimasto nei miei pensieri e ricordi, sempre come il caro Marchino, di cui ho sempre ammirato il carattere schivo,l’intelligenza pronta e il gusto dell’ironia. La vita è come un fiume : durante il suo scorrere continuamente si prende qualcosa e qualcos’altro si lascia. L’importante, credo, sia conservare un buon ricordo di ciò che di piacevole ci ha accompagnato per un tratto.
    Quindi il mio abbraccio personalissimo resta virtuale, ma te lo mando con grande affetto e sincerità. E stasera , dopo cena, andrò in centro , dal mio amico Mauro al Paspartù, mi farò spillare una rossa e alzerò il boccale in tuo onore . Prosit Marchino!

Lascia un commento