Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 17 agosto 2011 - 14:36

Ci presentiamo all’appuntamento in perfetto orario… la tensostruttura, cioè il tendone, lo troviamo subito… parcheggiamo sotto lo spiombo del sole e salpiamo accompagnati dal soave ritmo latino americano in direzione delle Isole Egadi, Favignana e Levanzo i nostri obiettivi.

Favignana - piazza

Favignana – piazza

La prima sosta del tour prevede lo shopping per il centro di Favignana, i prodotti tipici siciliani impazzano, ma 25 euro per una scatoletta di tonno sembrano esagerati, Vlao e Valvola decidono presto di dirottare verso il bar indicato da una parrucchiera come il miglior fornitore di granita dell’isola. Dopo la delusione Colicchia troviamo finalmente un prodotto all’altezza, ci abbiniamo la mitica brioches da inzuppare e assaporiamo, che goduria! Poco dopo ci raggiungono Anto80 e Faith, ancora alla ricerca di un cappello consono, che si produrranno nella stessa magica liturgia.

Risaliamo sul natante, e ci dirigiamo verso Cala Rossa, dove ci gettano in mare per fare il bagno. L’acqua è uno spettacolo, e il bagnetto ha il suo fascino amplificato dalla possibilità di tuffarsi dall’imbarcazione. Gli arditi Vlao e Valvola inaugurano il salto dal secondo piano… seguiti a ruota da altri impavidi… Anto80 coniglia in un primo momento… poi, spinto dagli insulti, decide di rischiare scagliando tutti i suoi 85 Kg e rotti nell’acqua turchese. Scongiurato il pericolo tsunami conseguente al tuffo ci viene servito il pranzo: pennette alla siciliana, bruschetta alle alici e melone giallo… non ancora entrato nella storia.

Levanzo - porticciolo

Levanzo – porticciolo

Facciamo un’altra sosta bagno e accompagnati dal ritmo incalzante del DJ House che sfodera il suo repertorio da afterhour ci trasferiamo a Levanzo. Facciamo un giretto per il paesino, e via verso una nuova caletta per l’ennesimo tuffo. Rientriamo in porto verso le 17,30… sfiniti dalla giornata e dall’ultimo CD di Vasco

Torniamo a casa e decidiamo di non essere in grado di uscire. Per la cena… pizza! o meglio panino dell’ammiraglio… una doppia pizza ripiena di prosciutto, pomodori, melanzane e cipolle… indigeribile, se non per Valvola, che per completare l’opera assimila anche la mezza pizza avanzata di Faith diventando di diritto l’uomo più vorace dell’isola.

 

Share |
Categorie: all, viaggi

Un commento

  1. […] 2011 – la serie (1-2-3-4-5-6-7-8): Resoconto semiserio in 8 puntate delle scorribande di Vlao, Mesa, Faith e Anto80 per […]

Lascia un commento