Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 4 Luglio 2010 - 19:23

Sono passate ormai più di 24 ore dalla sua scomparsa… era pomeriggio inoltrato quando i familiari hanno dato l'allarme, dopo che il Regginball da Mezzavalle non ha fatto più ritorno a casa…

Le ricerche sono partite stamattina, e hanno interessato tutta la zona che va dal Trave fino alla Capannina, ma di lui purtroppo ancora nessuna traccia.

Le ultime segnalazioni lo davano occupato in una tedesca nella spiaggia dx di Mezzavalle in compagnia di un gruppo di elementi poco raccomandabili. Si parla tra gli altri di un tipo con barba finto incolta e occhiali rossi da pagliaccio… e di un altro elemento caratterizzato da avambracci extraordinariamente pelosi sbattuto fuori dalla tedesca dopo pochi minuti di gioco. Si vociferava che facessero parte della tribu degli autoctoni del Conero visti navigare in zona con il loro particolare stile… in piedi, con un remo in mano sulle loro caratteristice tavole da surf. Sta mattina Il capo tribù ha comunque smentito sulle colonne del Corriere Adriatico qualsiasi tipo di coinvolgimento sul presunto rapimento del Regginball.

Gli amici di sempre ce lo descrivono così: pallone da similcalcio… sgonfio al punto giusto… di dimensioni minute e forma ovoidale… caratterizzato da esagoni amaranto lo rendono praticamente inconfondibile… porta da una parte un tatuaggio dello stemma della Reggina… e dall'altra un ritratto degli eroi della sortunata retrocessione del 2001… Taibi, Possanzini, Bogdani e il capitano ciccio Cozza.

Segni particolari: una valvola per il gonfiaggio proprio sul petto di Bogdani.

I familiari hanno diramato questa foto e pregano tutti di condividerla, con ogni mezzo, e di segnalare qualsiasi notizia che possa essere utile per le ricerche che proseguono forsennatamente nella speranza di evitare che, quella che sino a ieri era considerata una scappatella, si trasformi in una immane tragedia.

UPDATE 10.07.2010

Regginball è libero!

Oggi pomeriggio è stato rilasciato a Mezzavalle tra i pedalò abbandonati dove è arrivato bendato dentro una borsa da mare… gli amici che lo hanno ritrovato dicono che è in buone condizioni, anche se fisicamente è un po' provato e risulta più sgonfio del dovuto. Si presume che nei giorni di prigionia si stato rinchiuso in un terrazzo sotto il sole rovente… nessun riscatto dovrebbe essere stato pagato… ma questo è ancora da verificare.

Si conclude quindi con il lieto fine questa storia che ci ha tenuto con il fiato sospeso. I familiari colgono l'occasione per ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alle ricerche e hanno diffuso l'appello in tutta la rete.

E' grazie a tutti noi che oggi Regginball è libero!

Potrebbero interessarti:

Share |
Categorie: all, sciapate

3 commenti

  1. michael ha detto:

    per sdrammatizzare il brutto momento posso segnalare che l’arrivo a sirene spiegate della capitaneria era dovuto non a segnalazione di infrazioni da parte dei diportisti ma alle ustioni di primo grado riportate da una ospite della barca a vela ormeggiata a causa dell’esplosione di una moka posta sul fuoco (chi è lo squilibrato che si fa il caffè alle 5 del pomeriggio non è dato saperlo).
    Vittima portata di fretta e furia a torrette.

    PS. addirittura giravano voci di una overdose AHAHAHAHAhahahahaHAHAHAHahahaa certo che de cazzate la gente ne spara eh…

  2. michael ha detto:

    correzione: leggendo il giornale di oggi l’overdose e/o coma etilico era di un 54enne che partecipava ieri alla nuotata di mezzavalle e s’è sentito male, non c’entrava comunque niente con sabato

  3. Vlao ha detto:

    Bè anche lui un grande però…

Lascia un commento