Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
  • Moscioli e Sardoncini… altro che Pad Thai

    mezza copertina

    Raduno a base di Moscioli e Sardoncini scottadito per i reduci del Tuttothai. Vlao e Martimarti si sono dati un bel po’da fare per organizzare al meglio il weekend alle falde del Monte Conero. Nonostante qualche assenza inevitabile le lusinghe anconetane hanno comunque attirato nelle Marche i ravennati, Davide&Laura ed gli ex-Brexit, ormai rimpatriati, Matach e Littlelaura. Per accogliere gli ospiti, per prima cosa, è stata predisposta una cena in terrazzo con gli invitati usati come cavie dai padroni di […]

  • Certi Concerti 2017

    the xx

    Prendendo in prestito il nome di un gruppo Facebook nato per ottimizzare i viaggi verso gli eventi live del paese, volevo fare un riassunto della stagione concertistica 2017 che sta andando a gonfie vele con un Vlao in grande spolvero che, assecondato nei suoi piani da Martimarti, ha già messo in bacheca tre bei appuntamenti… cosa che non si vedeva da tempo immemore! Sarà che quest’anno hanno messo piede in Italia praticamente tutti, così in tanti da rendere obbligatoria una dolorosa […]

  • Tuttothai – Ko Rok e il treno notturno

    Tuttothai-1094-tuktuk

    Oggi potremmo goderci la spiaggia del nostro resort, svegliarci tardi, pranzare comodi, scoprire se la piscina è dolce o salta… e invece no, dato che abbiamo fatto Ko Lanta, facciamo pure Kolantuno. E per l’occasione ci trattiamo bene, salpiamo con un super motoscafo bimotore di quelli che ci sfrecciavano affianco i giorni scorsi e ci dirigiamo verso un’isola sperduta di nome Ko Rok. Le illustrazioni che avevamo visto nei volantini corrispondono a verità e questa volta non c’è nemmeno la […]

  • Una tre giorni di relax enogastronomico

    Abazia-di-fiastra-1

    Passare un weekend tra le colline marchigiane significa anche entrare a contatto con sapori, odori e colori che molto spesso dimentichiamo nelle nostre città. E’ una buona scusa per visitare splendidi borghi e assaporare prodotti caratteristici nei luoghi stessi da cui provengono, un fantastico modo per unire in una sola gita natura, cultura e tipicità. In questo periodo poi, l’avanzato stato di primavera rende tutto più colorato e, passare un paio di giorni spensierati in un B&B disperso nella campagna, è l’ideale per […]

  • Tuttothai – Il mare delle Andamane, Ko Lanta e Phi Phi

    Tuttothai-09401080

    Finalmente il mare… il mare delle Andamane! Facciamo subito a prendere confidenza con Klong Nin Beach la nostra lunga spiaggia. Ci facciamo immediatamente un tuffo e poi pensiamo alla cena. Di pad thai non ne vogliamo più sentir parlare, abbiamo imparato la ricetta nel corso da masterchef e lo riproporremo a casa a suo tempo, ora siamo più attratti dal pesce! Vlao e Fernet vanno in avanscoperta e si prendono la responsabilità di negoziare per il gruppo. Cercando tra i vari ristoranti scelgono […]

Lasciata alle spalle Ayutthaya viaggiamo verso la tappa intermedia di Lopburi con il nostro pulmino full optional munito di sedili in pelle, aria condizionata, connessione bluetooth, impianto surround da 2.000 watt e illuminazione psichedelica.

Lopburi - Prang Sam Yod

Lopburi – Prang Sam Yod

Approfittiamo della sosta al tempio invaso dalle scimmie di Prang Sam Yod per far spulciare per bene Jean e per consentire ai nostri amici Brexit, Matach e LittleLaura, di cambiare le loro sterline in una banca del luogo.

Gli impiegati sono un po’ spaesati di fronte a questa arcana valuta, tant’è che per classificarla correttamente confrontano le banconote con quelle fotocopiate nel grande manuale del giovane cambiavalute. Una volta accertato che si tratta di pound e non di euro, si procede lentamente con l’operazione che comporta la firma di un quantitativo di scartoffie degno di un mutuo ipotecario.

Completata l’operazione proseguiamo verso Sukothai sulle note di brani del cantautorato hipster italiano fornite dal nostro dj baffuto Fernet. Raggiunta la meta, la cordiale proprietaria della nostra guesthouse ci fornisce in tempi record i nostri mezzi a pedali con i quali ci fionidiamo a sbaffo all’interno del sito storico giusto in tempo per goderci il saluto del sole alle antiche rovine.

Il buddha ci guarda dall'alto - Sukothai

Il buddha ci guarda dall’alto – Sukothai

La corsa in bici ci stimola un leggero languorino che stronchiamo immediatamente con una sontuosa cena in uno dei ristoranti presenti in zona. Soliti piatti di tradizione thai con alcune derive fusion, come la pizza al curry che la nostra Alice ha il coraggio di assaggiare.

Alcuni di noi vengono positivamente impressionati dai dipinti appesi ai muri, e il dopo cena è dedicato alla contrattazione con la pittrice/pittore che, a seguito del lauto introito derivante dalle copiose vendite, ci omaggia di un giro Hong Tong, un famoso whiskey di pessima qualità made in Thailand.

Rinvigoriti dall’alcool facciamo due passi in centro e decidiamo, con somma soddisfazione di Martimarti, di provare il famigerato massaggio Thai. Invadiamo il centro massaggi ma, dato che la manodopera scarseggia, la proprietaria è costretta a mobilitare l’intero paese con un rapido giro di telefonate e, in pochi attimi, abbiamo tutti i piedi a mollo in acqua e lime. Una volta distesi sui lettini ci gustiamo il trattamento, giusto epilogo per una giornata intensa.

Lamphun

Lamphun – Wat Phra That Hariphunchai

Il nuovo giorno si apre con una scorribanda in bicicletta per il parco storico di Sukothai, visitiamo templi e antichi palazzi facendo mille foto alle giganti statue di buddha che ci guardano sospettose dall’alto in basso.

Continuando il nostro viaggio verso nord facciamo tappa a Lampang dove entriamo nel Wat Phra That Lampang Luang percorrendo la caratteristica scalinata dei due draghi e ci fermiamo a Lamphun dove visitiamo il Wat Phra That Hariphunchai con il suo chedi dorato che circumnavighiamo scalzi in rigoroso senso orario.

Arrivati a Chiang Mai ci rinfreschiamo un po’ e decidiamo di andare tutti assieme al Night market. Come da previsione bastano 10 metri per far perdere a Vlao le redini del gruppo che si sgretola in undici pezzi tra i venditori di chincaglierie varie rendendo inevitabile il rompete le righe“.

A fine serata tutti, bene o male, riescono a tornare sani e salvi in albergo, l’esperienza insegna però che spiegare ai tuktuk drivers dove si trova la Grace’s boutique house non è un’impresa facile e dal giorno dopo diventa più chiara quale sia l’utilità di portarsi sempre dietro il bigliettino da visita dell’albergo!

TUTTOTHAI 2017

Indice

Episodio 1 Il mercato galleggiante, le cascate di Erawan e le rovine di Ayutthaya link
Episodio 2 In bici a Sukothai e poi rotta verso Chiang Mai Sei qui
Episodio 3 Doi Suthep, Masterchef Thailandia e il Trekk link
Episodio 4 Chiang Rai, il White Temple e tutti al mare link
Episodio 5 Il mare delle Andamane, Ko Lanta e Phi Phi link
Episodio 6 Ko Rok e il treno notturno link
 Extra Foto Album  link

Per Vlao non è facile, dopo un lungo viaggio intercontinentale, presentarsi ai compagni proponendo subito, brutalmente, senza pietà una partenza alle sette del mattino.

Tuttothai-0049

Maeklong railway market

Ma dalla sua ha valide ragioni e, per trasferirle agli altri, decide di avvalersi di una buona cena e di una capatina allo Sky Bar a due passi dall’albergo.

La tattica del bastone e della carota porta i suoi frutti e il golden mango che chiude il pasto abbinato alla vista dal terrazzo a picco sulla città fa digerire al Gruppothai la severa sveglia mattutina.

Con questa scelta Vlao si gioca gran parte della sua credibilità, arrivare dopo il treno al mercato sui binari di Maeklong nonostante l’alzataccia sarebbe un fallimento, ma come dice Ligabue, “chi si accontenta gode… così così” quindi è automatico che il programma del Gurppothai non può limitarsi al solo mercato galleggiante, ma deve osare di più!

Stipati a forza i bagagli nel pulmino si parte a palla di cannone affidandosi alla guida del buon Dio, così si chiama il nostro primo driver, che come obiettivo ha quello di anticipare il mitico treno, che secondo gli orari di TreniThai è dato in arrivo per le 8:30.

Per fortuna, nel tragitto, tutto fila liscio e c’è il tempo anche per una passeggiata tra le bancarelle prima che la comparsa del pendolino faccia ritirare in quattro e quattr’otto tutta la mercanzia agli scattanti ambulanti.

Tuttothai-0104

Floating market – Damneon Saudak

Ripristinate le bancarelle è ora di ripartire verso Damneon Saudak, il mercato galleggiante, tra i cui canali scorrazzeremo con due long boat dotate del tipico motore di derivazione stradale abbinato ad un lungo timone al cui termine rotea minacciosa una vorace elica.

Nel caos galleggiante, contrattiamo frutta fresca e scattiamo foto cercando di schivare la selva di turisti che popola i canali. Anche se con il tempo avrà sicuramente perso parte della sua autenticità questo luogo non lascia comunque indifferenti.

Andiamo con Dio verso la nuova tappa, il parco di Erawan dove c’è modo di rinfrescarsi a dovere con un bel bagnetto al 5° livello con tanto di pescetti affamati delle pellicine dei nostri piedi sudati. Il nostro cassiere sardo, Jean, si rivela un indemoniato bagnante e comincia a tuffarsi dai gradoni incurante degli scogli acuminati che si potrebbero nascondere sott’acqua.

Tuttothai-0163

Ayutthaya

Quando i guardaparco ci intimano di andare ci rivestiamo e proseguiamo il nostro itinerario che prevede la conquista dell’antica capitale del Siam: Ayutthaya.

Trovato per miracolo il nostro hotel ci abbuffiamo in un ristorante tipico della zona che propone ben quattro piatti: zuppa di pollo grande spicy, zuppa di pollo grande not spicy, zuppa di pollo piccola spicy e zuppa di pollo piccola not spicy. Purtroppo i ravioli al vapore raffigurati nel menù sono finiti.

Scegliamo i piatti tra l’indecisione generale e, dato che non si servono birre nel locale, il personale ci consiglia di rivolgerci all’immancabile Seven Eleven per il beverage alcolico.

L’irrisorio conto intacca in maniera minima la cassa comune, ma ha scarsi effetti anche sullo stomaco dei più voraci che optano, senza pensarci tanto su, per una seconda cena prima di raggiungere l’albergo.

Le rovine di Ayutthaya testimoniano il passato glorioso di questi luoghi e la visita mattutina tra i vari siti offre un ottimo set per il progetto che il nostro compare ravennate Davide vuole portare a termine entro la fine del viaggio, ritrarre la Laura in 10.000 location diverse.

Quando il sole comincia a farsi troppo cocente per i nostri visi pallidi significa che è giunta l’ora di andare, un’altra tappona ci aspetta, la prossima notte dormiremo a Sukothai!

TUTTOTHAI 2017

Indice

Episodio 1 Il mercato galleggiante, le cascate di Erawan e le rovine di Ayutthaya Sei qui
Episodio 2 In bici a Sukothai e poi rotta verso Chiang Mai link
Episodio 3 Doi Suthep, Masterchef Thailandia e il Trekk link
Episodio 4 Chiang Rai, il White Temple e tutti al mare link
Episodio 5 Il mare delle Andamane, Ko Lanta e Phi Phi link
Episodio 6 Ko Rok e il treno notturno link
 Extra Foto Album  link

Ready to go… Thailandia!

Postato da Vlao IL 2 marzo 2017 - 12:00 Aggiungi Commento
Sanphet-Prasat È giunta l'ora di inaugurare il passaporto nuovo, eh si son passati ben 10 anni e, dopo aver accolto una discreta serie di timbri, il vecchio passpartout è andato in pensione sostituito da uno fiammante pieno di pagine da riempire. Per l'inaugurazione quello che ci vuole è un bel viaggetto "invernale" e cosa c'è di meglio che un salto nel sud est asiatico? Thailandia quest'anno è la meta, quella confusionaria di Bangkok, quella storica con i mille templi, quella naturalistica dell'estremo nord, quella brulicante dei mercatini e quella rilassante del Mare delle Andamane. Un mix di colori, suoni e sapori che Vlao e ...

Arancini di carnevale all’anconetana

Postato da Vlao IL 24 febbraio 2017 - 12:48 Aggiungi Commento
arancini-anconetani-vlao Quando Vlao sente parlare di carnevale non pensa come la maggior parte delle persone alle maschere, ai coriandoli e ai carri allegorici... per lui la parola carnevale corrisponde esattamente ad un vassoio pieno di castagnole e di zeppole appena sfornate. Appena le sue orecchie captano nell'aria le sillabe car ne va le istantaneamente la sua mente genera l'odore del fritto, la sensazione dello zucchero in bocca e la soddisfazione del deglutimento tipico degli abbuffamenti carnevaleschi. L'effetto però, puramente psichico, ha la durata limitata di un nanosecondo e il repentino ritorno alla realtà diventa estremamente doloroso. Per evitare di affrontare questo trauma quest'anno in casaVlao si è deciso di azzardare ...

Il trenino del Bernina

Postato da Vlao IL 8 febbraio 2017 - 20:09 Aggiungi Commento
Tenino-del-Bernina-2017-088-big [caption id="attachment_6251" align="alignright" width="300"] Il trenino rosso spicca tra la neve[/caption] Per stemperare la snervante attesa che, come da copione, precede la formazione del gruppo per ogni viaggio in partenza con Avventure del Mondo, Vlao e Martimarti hanno deciso di sfruttare il generoso regalo natalizio di Lorilou e prenotare un weekend a Tirano a base di trenino rosso del Bernina. Una tre giorni in Valtellina alla scoperta dell'affascinante strada ferrata che dai confini italiani porta su su fino a St. Morriz. Un fine settimana fatto di binari che partono da Ancona e si snodano fino alla stazione centrale di Milano da dove, dopo una lieve ...

Top of the Rock ’16

Postato da Vlao IL 18 gennaio 2017 - 17:50 Aggiungi Commento
top-of-the-rock2016 Il 2016 è stato ricco di uscite per gruppi e cantanti tra i preferiti di Vlao. Alcuni di loro hanno rispettato le attese e sono ormai delle garanzie, vedi Radiohead e Mogwai, altri hanno un po' deluso, ma forse erano le aspettative ad essere troppo alte, vedi Bon Iver e in parte James Blake, altri ancora hanno steccato di brutto non meritandosi nemmeno la menzione nella top 10 e Vlao teme che abbiano imboccato irreversibilmente la via del declino, Dente su tutti. La classifica stilata qui sotto, come sempre, è insindacabile e definitiva, Vlao accetta consigli su eventuali sviste, ma non ammette ricorsi al ...

Lenticchiamo in bisca

Postato da Vlao IL 7 gennaio 2017 - 17:30 Aggiungi Commento
bisca-clandenstina Che ne dite di una bella lenticchiata con bisca incorporata per onorare come si deve la befana? Un'ottima idea, senza dubbio, basta infatti una rapida convocazione via whatsup al gruppo "moscioliamo n'altra volta" per far arrivare una valanga di adesioni! Vlao sinceramente sperava in qualche defezione, ma a parte chi si trova dall'altra parte del mondo tutti, ma proprio tutti, danno l'ok e la schiera di commensali arriva in men che non si dica alla doppia cifra. Ma non c'è problema, il pentolone king size c'è, la lenticchia pure e, con la consulenza della tutor Lorybeth, per Martimarti mettere insieme costolette, anzi spuntature, salsicce e gli altri ingredienti è una mera formalità. Nel frattempo Vlao ...

2016 l’anno in blog

Postato da Vlao IL 2 gennaio 2017 - 17:31 Aggiungi Commento
2016 Che bello il 2016... magari tutti gli anni fossero così! Se gli chiedete cosa si ricorderà tra vent'anni dell'anno trascorso, Vlao non ha dubbi. La data storica che entra di diritto negli annali è il 6 marzo 2016, giorno della lunga attraversata che ha portato definitivamente Martimarti ad Ancona.  Martimarti e la nuova residenza: 06.03.2016 sedili abbattuti, serbatoio a metà, Radio Italia a palla, Martimarti coast-to-coast. A quell'epoca il 2016 si prospettava un anno pieno di incognite, con la nuova vita a due da collaudare, con il futuro lavoro per Martimarti da trovare, e tutta una lunga serie di variabili che impedivano di fare pronostici ...

La mafia uccide solo d’estate

Postato da Vlao IL 21 dicembre 2016 - 17:10 Aggiungi Commento
la-mafia-uccide-solo-d-estate-serie-tv Vlao è sempre un po’ prevenuto, quando guarda un film e tra i titoli iniziali vede quel pannello blu con rai cinema scritto in bianco sa già che ha molte probabilità di trovarsi di fronte al solito film insulso italiano. Il 90% delle volte quel pannello porta direttamente alla solita commediuccia senza il minimo di spessore, con i soliti attori che si riciclano facendo la solita minestra. Ma a volte c'è anche la remota possibilità che nasconda una insperata sorpresa. Una sorpresa, come La mafia uccide solo d’estate, esordio in cellulosa di Pif, la iena che ha deciso di portare sul grande schermo la sua infanzia, ...