Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 18 agosto 2017 - 18:24

Stemma_Ancona_US_1905 caputSiamo abituati a tutto, fallimenti, retrocessioni, fusioni, ne abbiamo passate di cotte e di crude e, bene o male, siamo sempre ripartiti…. ma sta volta no, questa è la parola fine sul calcio ad Ancona, una città di 100.000 abitanti che si ritrova senza uno straccio di squadra e con uno stadio da 20.000 posti che farà la fine del Colosseo nel giro di qualche anno.

Ancona è un buco nero per lo sport, inesistente a basket, a pallavolo e ora anche a calcio.

Una delusione veramente grossa non poter più tifare orgogliosamente i propri colori. Penso proprio sia uno scandalo non essere riusciti ad iscrivere la squadra nemmeno nella più infima delle categorie.

112 anni di storia buttati come niente fosse

Ci rimangono i ricordi,  la trasferta a Bologna per la prima storica promozione in serie A con tutta la famiglia compreso Nonnomario, i fuochi d’artificio al Passetto, la finale di Coppa Italia con la Sampdoria persa sonoramente, il 3-0 all’Inter al debutto al Del Conero con doppietta di Detari, il 3 a 1 ad Ascoli in curva con Bartelt e Danco, l’Ancona di Ganz della seconda promozione in A, il 4-3-3 di Salvioni con Tarana sulla fascia, le ore passate a parlare dell’Ancona con Greg, gli aggiornamenti dai campi di Baletta, gli abbonamenti in comproprietà col Rouge, il Dorico pieno alla prima partita di Eccellenza vecchio-pallone-da-calcio-sgonfioe il ritorno a casa sotto la pioggia col motorino e Leorol, la vittoria a Fermo con sassaiola scampata, il play off col Perugia, i tanti spareggi vinti col Savoia, col Rimini, col Foggia, Mastronunzio, Lagrotteria, Centofanti, Bertarelli, il condor Agostini… ma anche Pulpito D’Ignazio, CastiglioneTomislav Erceg, Zarate, RuggeriEddy BaggioMax Vieri, ch’avemo i moscioli e ce piace el vì.

I giovani anconetani non potranno più vivere cose del genere, non potranno più tifare la propria squadra e non sapranno mai che vincere una Champions League non può eguagliare il livello di goduria del gol di Ventura al 117° contro gli ascolani nella finale per la serie B.

Con infinita tristezza stacco l’ultimo calendario dell’Ancona dalla scrivania consapevole che da quest’anno ci sarà ben poco da aggiornare…

Potrebbero interessarti:

Share |

Lascia un commento