Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 28 marzo 2017 - 16:05

Lasciata alle spalle Ayutthaya viaggiamo verso la tappa intermedia di Lopburi con il nostro pulmino full optional munito di sedili in pelle, aria condizionata, connessione bluetooth, impianto surround da 2.000 watt e illuminazione psichedelica.

Lopburi - Prang Sam Yod

Lopburi – Prang Sam Yod

Approfittiamo della sosta al tempio invaso dalle scimmie di Prang Sam Yod per far spulciare per bene Jean e per consentire ai nostri amici Brexit, Matach e LittleLaura, di cambiare le loro sterline in una banca del luogo.

Gli impiegati sono un po’ spaesati di fronte a questa arcana valuta, tant’è che per classificarla correttamente confrontano le banconote con quelle fotocopiate nel grande manuale del giovane cambiavalute. Una volta accertato che si tratta di pound e non di euro, si procede lentamente con l’operazione che comporta la firma di un quantitativo di scartoffie degno di un mutuo ipotecario.

Completata l’operazione proseguiamo verso Sukothai sulle note di brani del cantautorato hipster italiano fornite dal nostro dj baffuto Fernet. Raggiunta la meta, la cordiale proprietaria della nostra guesthouse ci fornisce in tempi record i nostri mezzi a pedali con i quali ci fionidiamo a sbaffo all’interno del sito storico giusto in tempo per goderci il saluto del sole alle antiche rovine.

Il buddha ci guarda dall'alto - Sukothai

Il buddha ci guarda dall’alto – Sukothai

La corsa in bici ci stimola un leggero languorino che stronchiamo immediatamente con una sontuosa cena in uno dei ristoranti presenti in zona. Soliti piatti di tradizione thai con alcune derive fusion, come la pizza al curry che la nostra Alice ha il coraggio di assaggiare.

Alcuni di noi vengono positivamente impressionati dai dipinti appesi ai muri, e il dopo cena è dedicato alla contrattazione con la pittrice/pittore che, a seguito del lauto introito derivante dalle copiose vendite, ci omaggia di un giro Hong Tong, un famoso whiskey di pessima qualità made in Thailand.

Rinvigoriti dall’alcool facciamo due passi in centro e decidiamo, con somma soddisfazione di Martimarti, di provare il famigerato massaggio Thai. Invadiamo il centro massaggi ma, dato che la manodopera scarseggia, la proprietaria è costretta a mobilitare l’intero paese con un rapido giro di telefonate e, in pochi attimi, abbiamo tutti i piedi a mollo in acqua e lime. Una volta distesi sui lettini ci gustiamo il trattamento, giusto epilogo per una giornata intensa.

Lamphun

Lamphun – Wat Phra That Hariphunchai

Il nuovo giorno si apre con una scorribanda in bicicletta per il parco storico di Sukothai, visitiamo templi e antichi palazzi facendo mille foto alle giganti statue di buddha che ci guardano sospettose dall’alto in basso.

Continuando il nostro viaggio verso nord facciamo tappa a Lampang dove entriamo nel Wat Phra That Lampang Luang percorrendo la caratteristica scalinata dei due draghi e ci fermiamo a Lamphun dove visitiamo il Wat Phra That Hariphunchai con il suo chedi dorato che circumnavighiamo scalzi in rigoroso senso orario.

Arrivati a Chiang Mai ci rinfreschiamo un po’ e decidiamo di andare tutti assieme al Night market. Come da previsione bastano 10 metri per far perdere a Vlao le redini del gruppo che si sgretola in undici pezzi tra i venditori di chincaglierie varie rendendo inevitabile il rompete le righe“.

A fine serata tutti, bene o male, riescono a tornare sani e salvi in albergo, l’esperienza insegna però che spiegare ai tuktuk drivers dove si trova la Grace’s boutique house non è un’impresa facile e dal giorno dopo diventa più chiara quale sia l’utilità di portarsi sempre dietro il bigliettino da visita dell’albergo!

TUTTOTHAI 2017

Indice

Episodio 1 Il mercato galleggiante, le cascate di Erawan e le rovine di Ayutthaya link
Episodio 2 In bici a Sukothai e poi rotta verso Chiang Mai Sei qui
Episodio 3 Doi Suthep, Masterchef Thailandia e il Trekk link
Episodio 4 Chiang Rai, il White Temple e tutti al mare link

Potrebbero interessarti:

Share |
Categorie: novità, sciapate, viaggi

Lascia un commento