Vidrar Vel Til Loftarasa

Ora Vlao abita qui

bookmark bookmark
Vlao il 9 maggio 2011 - 18:52

Prologo

Affidare il procacciamento dei biglietti a Greg non è certamente la scelta migliore che si possa fare, ma quando la spedizione di Baletta è andata a vuoto era l’unica strada percorribile per aggiudicarsi uno dei 1.500 biglietti “concessi” per l’ultima di campionato a Fermo.

Operazione perfettamente riuscita se non fosse per la consegna in ora e luogo da definire. Così domenica pomeriggio, senza il possesso materiale del biglietto, partiamo io, Bartelt e Rouge sperando di incontrare Greg e i suoi da qualche parte… possibilmente in tempo utile per la partita. Si aggrega a noi anche Danco che per merito delle sue conoscenze si presenta con ticket alla mano oltre che munito di maglietta ufficiale Energiresurch.
Per strada fissiamo l’appuntamento con Greg al parcheggio dello stadio, senza sapere che per raggiungerlo dobbiamo prima eludere il checkpoint e poi la sassaiola che ci riservano i calorosi tifosi della fermana impazienti di ricevere in omaggio i 3 punti. Contro ogni pronostico passiamo indenni ad entrambe le prove e siamo pronti a seguire la partita dalla curva biancorossa. E niente non è…

ancona campionato
Ancona 1905 a Fermo accompagnata

 

Chapter one: il vantaggio

Il pubblico è delle grandi occasioni, da una parte i canarini desiderosi della vittoria per sancire la promozione in D, dall’atra gli anconetani già sazi dopo la coppa che garantisce il passaggio di categoria, ma presenti comunque in massa per assistere al big match dell’ultima giornata.
Potrebbe essere la classica partita di fine campionato, con una squadra motivata e l’altra con i remi in barca. E tutto pare propendere per questa soluzione con la Fermana che va in vantaggio come da pronostico e con il primo tempo che si chiude senza tanti sussulti.

 

Chapter two: il raddoppio

Cinque minuti dopo l’inizio del secondo tempo succede il patatrack il capitano biancorosso spedisce nella sua porta un cross giallo blu. Autogoal! Fermana 2 Ancona 0 il pubblico di casa esulta ha già le mani sulla promozione. A questo punto basterebbe congelare la partita… ed invece… i fermani non sembrano essere così grati per i regali, ed in effetti è dall’inizio della partita che si spendono in interventi al limite del regolamento e non perdono occasione per bisticciare e accendere gli animi. La promozione se la vogliono conquistare… sul campo, niente sconti! Bravi ragazzi!

 

Chapter three: il risveglio

curva nord

curva nord

Sul 2-0 le perdite di tempo dei padroni di casa raggiungono livelli indecorosi. Questo non fa altro che infervorare l’ambiente e spinge i giocatori biancorossi a ritrovare la giusta carica e a buttarsi su ogni pallone, sospinti dal calore della Nord. Quando arriva il 2-1 su punizione siamo giunti allo spartiacque dell’incontro. Manca ancora mezzora è c’è già chi ha i crampi, un’epidemia che si diffonde rapidamente a tutti quelli vestiti di giallo, un atteggiamento clamorosamente volto alla perdita di tempo arricchito dalla sceneggiata del portiere che si accascia stordito da una bomba carta scoppiata a 50 metri di distanza! Il tutto ovviamente accompagnato dalla solita irruenza in campo che culmina con una sacrosanta espulsione di un canarino dopo una gomitata volontaria.

 

Chapter four: la mazzata

Con la Fermana sulle gambe l’Ancona ci crede e quando un tiro di Genchiscan viene deviato nel sacco dal neo entrato Adami (fermano doc) è l’apoteosi tra il popolo biancorosso. Un’emozione che riporta alla mente quelle del passato anche se qui parliamo di eccellenza e la posta in palio era bassa, anzi non c’era proprio per noi, ma quando una squadra a cui “dovresti” fare un favore ti tratta a pesci in faccia, ti aggredisce dall’inizio alla fine della partita, perde tempo e fa sceneggiate scandalose, è chiaro che le motivazioni ti si moltiplicano logaritmicamente.

 

Chapter five: il far west

sportivo fermano

sportivo fermano

Ma non è finita qui… il meglio deve ancora arrivare! Al triplice fischio, in pratica venti secondi dopo il 2-2, i tifosi fermani rimangono impietriti sulle tribune come il finto pubblico di Trieste, i giocatori gialli stramazzano al suolo privi di sensi mentre i biancorossi vanno sotto la curva. Ma saper perdere è più difficile di quello che sembra e così si scatena una caccia all’uomo degna delle più infime categorie con tanto di colpi di taekwondo e kickbox. Peccato che non ci fossero Bud Spencer e Terence Hill tra i partecipanti, altrimenti il dopo partita entrerebbe di diritto nella serie Sorrisi e Cazzotti. Più cazzotti che sorrisi in verità.
Fatto sta che i giocatori dell’Ancona oggetto di assalto non possono rientrare negli spogliatoi se non con l’aiuto della polizia, giusto il tempo per riprendere le borse e salire in mutande sul pullman visto che fare la doccia sarebbe stato chiedere troppo agli ospitali padroni di casa.

 

Epilogo: lo scempio finale

bud spencer

Bud Spencer dei poveri

Sono però le dichiarazioni del dopo partita a raggiungere l’apice del grottesco. Gente che grida allo scandalo per il mancato biscotto! L’Ancona che avrebbe preferito favorire una squadra laziale (Città di Marino finalista di coppa) a discapito delle compagini marchigiane. Il presidente dei canarini (nella foto), ancora sudato dopo aver corso per tutto il campo a caccia di biancorossi, che si sente vittima di uno scippo, di un comportamento scorretto, di un arbitraggio scandaloso e denuncia ai quattro venti anche la disdetta del pranzo prenotato dall’Ancona 1905 al ristorante di un suo tesserato! Cose mai viste dai tempi di Calciopoli!

 

 Non siete d’accordo con me?

Tutto questo è fantastico!

 

Potrebbero interessarti:

Share |
Categorie: all, sport

5 commenti

  1. Bartelt scrive:

    Ooohhh…quello lo conosco!!! CORTUCCI!!!!

  2. Vlao scrive:

    Ah Ah… spettacolo!

    Oh i fermanesi vogliono l’errore tecnico!
    http://sfoglia.corriereadriatico.it/Articolo?aId=1156021

    Toccherà fare un’altra trasferta! 🙂

  3. Vlao scrive:

    Dal comunicato FIGC:

    “si decide:
    1) di respingere il reclamo introitato dalla Società Fermana incamerando la relativa tassa;
    2) di omologare il risultato della gara in oggetto conseguito sul cam
    po di Fermana 2 – Ancona 1905 2;
    3) di confermare integralmente i provvedimenti disciplinari assunti nel presente C.U.

    AMMENDE

    Euro 2.500,00 FERMANA S.S.D. SRL
    DIFFIDA Per avere un gruppo di propri sostenitori, prima della gara, accerchiato l’autovettura della terna arbitrale che si stava dirigendo verso l’impianto sportivo, minacciando gli occupanti della stessa colpendo alcuni esagitati con pugni il vetro dello sportello posteriore destro dell’autovettura senza peraltro causare danni.Per avere inoltre durante la gara la propria tifoseria lanciato alcune bottigliette di plastica piene di acqua, all’indirizzo dei calciatori della squadra avversaria senza colpire. Per avere infine dopo il fischio finale della prima frazione di gioco alcuni steward, addetti della Società Fermana, rivolto urla e spintonato alcuni dirigenti della squadra ospite e per aver uno di questi colpito con un pugno alla testa un calciatore ospite senza peraltro arrecare alcun danno fisico. Il reo dell’atto violento, si rinchiudeva poi nello spogliatoio della Società ospitante.
    Euro 1.500,00 ANCONA 1905
    DIFFIDA Per aver durante la gara alcuni propri sostenitori fatto oggetto il portiere avversario di lancio di alcune bottigliette di plastica di acqua piene senza colpire. Per avere inoltre fatto esplodere 3 bombecarta durante la gara una delle quali esplodeva in direzione del portiere avversario che stordito cadeva a terra, rialzandosi dopo qualche secondo senza avere necessità di cure riprendendo regolarmente la gara

    Inibizione
    a svolgere ogni attività ai sensi dell’art. 14 del C.G.S. fino al 31/12/2012 al Sig. MORRONI ANDREA(FERMANA S.S.D. SRL). Per avere a fine gara durante una rissa scatenatasi in campo che vedeva coinvolti numerosi tesserati delle due società, sedata dalle Forze dell’Ordine presenti, colpito con un pugno ed un calcio un calciatore della Società ospite. Veniva riconosciuto dall’arbitro sebbene non in distinta, essendosi presentato alla terna arbitrale prima della gara.

    SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE
    ARCOLAI LUCA (ANCONA 1905) Per aver a fine gara insultato, spintonato e colpito con una manata un dirigente della squadra avversaria senza causare alcuna conseguenza.
    BOLZAN DARIORUBEN (FERMANA S.S.D. SRL) Per aver tentato di colpire con un calcio un giocatore avversario a fine gara colpendolo poi alla schiena con alcuni pugni senza causare conseguenze. “

  1. […]  Tutto questo è fantastico: La spedizione a Fermo per l’ultima inutile partita di campionato dell’Ancona si trasforma in una memorabile trasferta. […]

  2. […] Bè il derby di Natale era un’occasione immancabile per assistere ad una partita con la P maiuscola di quelle per le quali vale la pena di esultare per un goal come mai capitato da quattro anni a questa parte, eccezion fatta per la mitica partita di Fermo (link). […]

Lascia un commento